Quello che abbiamo imparato sulla storia del cinema alla Mostra del Cinema di Venezia

“Ti dirò alcune bugie su di me”, ha detto Richard Harris all’inizio del documentario sulla sua vita e la sua eredità. L’attore, forse più noto al pubblico contemporaneo per le sue ultime trasformazioni di carriera in film come “Il Gladiatore” e i primi due film di “Harry Potter”, ha decisamente ritagliato qualcosa da una fantasia. Oltre alle sue imprese teatrali sul palco e sullo schermo, Harris era un cantante, poeta, poeta di rugby e un bevitore rock. (I suoi figli e nipoti, incluso l’attuale attore Jared Harris, ti chiederanno anche di sapere che era il loro patriarca.)

Tuttavia, il documentario di Adrian Sibley “The Ghost of Richard Harris” potrebbe fartelo pensare lui è In effetti, potrebbe inchiodarlo. Passa più di 100 minuti a recitare se l’ignoto è effettivamente conoscibile, almeno. Sibley isola la scintilla di creatività e caos che permea tutto il suo lavoro e definisce la chimica che porta al cinema e al teatro allo stesso modo.

Il film ha dato il meglio di sé quando si è immerso nel modo in cui Harris era in prima linea nel Regno Unito “Angry Young Men” con attori come Albert Finney e Richard Burton che hanno creato “Not Art for Art’s sake, but Art for Life”. I capi Sibley moderni attribuiscono gran parte degli alti e bassi dei suoi primi ruoli al chip sulla sua spalla dall’essere irlandese, un popolo che i britannici considerano innatamente una classe operaia indipendentemente dalla loro posizione. Il fantasma di Richard Harris vira un po’ fuori rotta nella parte posteriore mentre Harris stesso diventa una specie di vagabondo errante. Ma anche in mezzo alla retorica, c’è un vero gioiello in una sezione che analizza la sua performance teatrale di “Enrico IV” e come ha destabilizzato il pubblico sfidandolo a credere che fosse semplicemente impazzito. (Anche la storia di come sua nipote ha cambiato il corso del cinema convincendo Harris a interpretare Silente invece di Gandalf.)

READ  Rugby a sei nazioni | Vota il tuo tour della Guinness delle Sei Nazioni

Ma questo documentario non può mai sfuggire alla sensazione di un album di famiglia rilasciato al pubblico. Per l’amor del cielo, i bambini frugano persino tra le sue cose in una scatola di immagazzinaggio! Mentre ci sono alcune interessanti pepite sull’artigianato e la fama qui, il fascino di “Richard Harris’ Ghost” potrebbe essere limitato a coloro che hanno una precedente predilezione per Harris. Ma per queste persone, il dottore potrebbe non dire loro nulla che non sappiano già.

/ Classificazione film: 6 su 10

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x