Questa donna di colore si rifiutò di andare sul retro dell’autobus nel 1955. Ora vuole cancellare il suo record

Mesi prima che Rosa Parks diventasse la madre del moderno movimento per i diritti civili rifiutandosi di trasferirsi sul retro di un autobus dell’Alabama, l’adolescente di colore Claudette Colvin fece lo stesso. Dopo essere stata condannata per aver aggredito un agente di polizia durante il suo arresto, è stata messa in libertà vigilata, ma non ha mai ricevuto avviso che aveva finito la sua condanna ed era legalmente al sicuro.

Ora 82, Colvin chiede al giudice di porre fine alla questione una volta per tutte. Vuole che un tribunale di Montgomery, in Alabama, cancelli un record che, secondo il suo avvocato, ha offuscato la vita di un eroe in gran parte sconosciuto nell’era dei diritti civili.

“Sono una donna anziana ora”, ha detto Colvin in una dichiarazione. “Voler cancellare i miei dischi significherebbe qualcosa per i miei nipoti e pronipoti. Significherebbe qualcosa per gli altri bambini neri”.

Il suo avvocato, Philip Ensler, ha affermato che la dichiarazione è stata archiviata con documenti legali per sigillare, distruggere e cancellare i documenti del suo caso. I sostenitori hanno cantato inni per i diritti civili e applaudito quando Colvin e il suo avvocato sono entrati nell’ufficio del cancelliere, dove è stata presentata la richiesta di squalifica più tardi martedì.

Il procuratore distrettuale della contea di Montgomery in seguito ha dichiarato di aver approvato la richiesta di liquidare la fedina penale di Colvin, togliendo ogni dubbio che sarebbe stata approvata.

Guarda | Indirizzo di Colvin fuori dal tribunale:

Claudette Colvin dice la sua

Colvin, 82 anni, sta chiedendo a un tribunale dell’Alabama di cancellare la sua fedina penale dopo essere stata dichiarata colpevole di aver aggredito un ufficiale di polizia nel 1955. Colvin è stata rimossa con la forza da un autobus dopo aver rifiutato di tornare indietro. 1:01

READ  Autorità: i trafficanti lasciano due bambini dal muro di confine degli Stati Uniti

“Immagino che si possa dire che ora non sono più un delinquente giovanile”, ha detto Colvin a una folla di parenti, sostenitori e attivisti dopo che la domanda è stata presentata.

“La mia mentalità era sulla libertà”, ha detto Colvin, ricordando il suo arresto.

“Quindi non mi muoverò quel giorno. Ho detto loro che la storia mi aveva incollato al sedile.”

Ha detto che la lotta non era ancora finita. “Dobbiamo continuare a lottare per la nostra libertà e i nostri diritti”.

La famiglia viveva con “una paura tremenda”

Colvin ha lasciato l’Alabama all’età di 20 anni e ha trascorso decenni a New York, ma i parenti si sono sempre preoccupati di cosa potesse succedere quando è tornata per le visite poiché nessun funzionario del tribunale ha affermato che aveva terminato la sua libertà vigilata, secondo Ensler.

“La sua famiglia ha vissuto con questa tremenda paura da allora”, ha detto. “Nonostante il riconoscimento degli ultimi anni e i tentativi di raccontare la sua storia, non è stato fatto nulla per cancellare il suo record”.

Attualmente residente a Birmingham prima di trasferirsi da parenti in Texas, Colvin ha presentato domanda a un giudice del tribunale minorile, stranamente, che è stata giudicata un delinquente e sottoposta, a tutti gli effetti, a una vita di libertà vigilata. ha detto Ensler.

Il sistema di autobus urbani di Montgomery, come il resto della vita pubblica nel profondo sud, negli anni ’50 era diviso rigorosamente secondo linee razziali. I neri dovevano usare una fontanella mentre i bianchi ne usavano un’altra; La parte anteriore dell’autobus era per i bianchi; I Cavalieri Neri erano tenuti per legge a spostarsi nelle retrovie.

READ  Alcuni sono arrabbiati a Cipro per la scelta della canzone "satanica" di Eurovision.
Nella foto del file del 22 febbraio 1956, le impronte digitali di Rosa Parks sono state prese dal tenente D.H. Lucky a Montgomery, Ala, dopo che si era rifiutata di cedere il suo posto su un autobus a un passeggero bianco il 1 dicembre 1955. (Jane Herrick/The Associated Press)

Parks, una sarta di 42 anni e attivista per il NAACP, ha guadagnato fama mondiale dopo aver rifiutato di cedere il suo posto sull’autobus a un uomo bianco il 1 dicembre 1955. Il suo trattamento ha portato a un boicottaggio degli autobus di Montgomery durato un anno, che ha spinto Il reverendo Martin Luther King Jr. sotto i riflettori nazionali e spesso quello che è considerato l’inizio del moderno movimento per i diritti civili.

All’epoca Colvin era uno studente di liceo di 15 anni, stufo e si rifiutava di trasferirsi anche prima di Parks.

Importazione statale

Un autista di autobus chiamò la polizia il 2 marzo 1955 per lamentarsi del fatto che due ragazze nere erano sedute vicino a due ragazze ovali e si rifiutavano di spostarsi sul retro dell’autobus. Un rapporto della polizia ha detto che una delle ragazze nere si è trasferita quando gli è stato chiesto, ma Colvin ha rifiutato.

Il rapporto della polizia afferma che Colvin ha dovuto affrontare una lotta quando gli agenti l’hanno tirata giù dall’autobus e hanno preso a calci e graffiato un agente.

Inizialmente è stata condannata per violazione della legge sulla segregazione della città, condotta disordinata e aggressione a un ufficiale, ma ha presentato ricorso e solo l’accusa di aggressione è stata sospesa.

Il caso è stato deferito al tribunale per i minorenni a causa dell’età di Colvin, e i registri mostrano che il giudice l’ha trovata una delinquente e l’ha messa in libertà vigilata “come minorenne in attesa di buona condotta”.

È qui che è finita, ha detto Ensler, con Colvin che non ha ricevuto alcuna dichiarazione ufficiale sul fatto che avesse completato il periodo di prova e i suoi parenti hanno dato per scontato il peggio: che la polizia l’avrebbe arrestata per qualsiasi motivo potessero fare.

Ensler ha detto che è “vago” se Colvin fosse ancora sotto sorveglianza, ma che non ha avuto ulteriori arresti o graffi legali. È persino diventata una querelante specifica nella causa storica che ha vietato la segregazione razziale sugli autobus di Montgomery.

Tuttavia, ha detto Colvin, lo shock è continuato, soprattutto per i parenti che erano costantemente preoccupati che la polizia fosse fuori a prenderla.

“La mia condanna per aver difeso il mio diritto costituzionale ha terrorizzato la mia famiglia e i miei parenti che sapevano solo che non avrebbero parlato del mio arresto e della mia condanna perché le persone in città mi conoscevano come ‘quella ragazza scesa dall’autobus'”, ha detto.

Un impiegato del tribunale della contea di Montgomery non ha risposto con un messaggio telefonico sulla richiesta di Colvin e Ensler ha affermato che non era sicuro quando il giudice avrebbe emesso una decisione.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x