Ramo: disturbi alimentari e la paura mortale di lasciarlo

CiaoRF

La nostra comprensione del mondo si divide in divisioni. Bene e male, felice e triste, luce e buio. Il pensiero in bianco e nero ci permette di navigare nella vita e trovare soluzioni ai suoi problemi; Se siamo stanchi, dormiamo, abbiamo sete, beviamo e quando abbiamo dolore cerchiamo riposo.

sto soffrendo. A volte è il caldo estremo che mi fa girare la testa, e altre volte, l’intensità è tale che vado in corto circuito e divento insensibile. Non so cosa sia peggio. Non pensereste di guardarmi, ma sto lottando per la mia vita: ho un disturbo alimentare.

Si stima che circa 70 milioni di persone in tutto il mondo convivano con un disturbo alimentare, e non stiamo parlando solo di adolescenti magre; Sono colpiti uomini e donne di tutte le età, forme, etnie e provenienze. Le condizioni sono diverse come quelle che toccano. I pazienti con anoressia limitano fortemente la loro assunzione e hanno seriamente paura di ingrassare nonostante una cattiva alimentazione. Mangia troppo in modo intermittente prima dell’eliminazione attraverso l’auto-vomito, l’abuso di lassativi o l’esercizio eccessivo. Le persone con disturbo da alimentazione incontrollata consumano regolarmente e in modo incontrollabile grandi quantità e coloro che vivono con l’ortoressia sono ossessionati dalla cosiddetta alimentazione pulita.

Nonostante il suo nome, i disturbi alimentari non sono solo cibo. Sono condizioni psicologiche complesse causate da molti fattori, tra cui la genetica, la biologia del cervello, il tipo di personalità e gli ideali culturali. E spaventosamente, sono in aumento.

Alcuni decenni fa, si diceva che i disturbi alimentari fossero rari in Cina. Ma solo nel 2019, lo Shanghai Center for Mental Health ha ricevuto più di 2.700 visite correlate e un recente sondaggio in una delle scuole internazionali della città ha rilevato che i tassi di alimentazione disordinata sono simili a quelli americani. L’influenza occidentale è stata collegata all’improvviso aumento dei casi mentre altri guardano più vicino a casa e incolpano l’intensa competizione sociale e gli standard di bellezza tossici. In altre parole, il lato oscuro della crescente ricchezza della Cina.

READ  Guarda l'elicottero Mars Ingenuity della NASA in volo in un accattivante video 3D

Dove una volta le potenti silhouette della classe operaia segnalavano il successo, ora lo fanno le clavicole prominenti e la vita concava. I social media sono stati criticati, accusati di alimentare la magrezza. Nel 2016, dozzine di persone hanno pubblicato foto per dimostrare che la loro larghezza della vita era inferiore a un pezzo di carta A4 verticale, una moda che ogni giorno Skinny Peoples descriveva come una “sfida di fitness”. Nel 2021, il feed è stato inondato di immagini di adulti che indossano magliette progettate per i bambini. E a marzo, la “sfida alla vita del manga” – che mette in mostra la meschinità attraverso una pericolosa posa yoga – è diventata virale.

Sebbene i disturbi alimentari non siano un’opzione, molti di essi derivano dal tentativo di perdere peso. Questa compulsione è ben nota a Zhang Qinwen, curatore della mostra “Anti-Body Exposing”. “Ho seguito una dieta che è rapidamente sfuggita di mano”, dice. “Una voce nella mia testa mi ha convinto che il cibo era il diavolo, e non osavo mangiare.” Ben presto, i capelli di Zhang iniziarono a cadere e le sue mestruazioni si fermarono, entrambi segni di un sistema che dà priorità alla sopravvivenza. E quando i nostri corpi parlano, ascoltiamo.

non necesario.

Ramo: disturbi alimentari e la paura mortale di lasciarlo

Per gentile concessione di Zhang Qinwen

“Nessuna medicina” di Zhang Qinwen e fornitori di farmaci

Uno dei miei cari ha detto che quando il dolore diventava grave – quando ero stanco del dolore – avrei cercato aiuto. Ma i disturbi alimentari non sono semplici. Si nascondono nelle fessure del contrasto, sputando e ringhiando dalle ombre per impedire a chiunque di avvicinarsi. Un disturbo alimentare ti fa pensare che ne hai bisogno e che lo stesso è il tuo rifugio. O, come ha detto il mio (nuovo) terapeuta, “Una sorta di sistema di sicurezza domestica è diventato appetibile”.

READ  Piccola creatura torna in vita 24.000 anni fa in uno stato di gelo profondo in Siberia | Notizie dalla Russia

C’è una storia che riflette il recupero per me.

Un uomo sta camminando su un dirupo quando scivola e cade da una sporgenza. Afferra un ramo e tienilo stretto per la vita. Terrorizzato di cadere, grida: “Qualcuno può aiutarmi?” Silenzio. Chiama di nuovo: “Qualcuno. Chiunque. Per favore.” Infine, introduce una voce profonda: “Questo è Dio. Abbi fiducia e lascia andare il ramo”. L’uomo si fermò un attimo.. “C’è qualcun altro?!” I disturbi alimentari sono la propaggine e sono illusioni di sicurezza. E per chi è rimasto impigliato sul fianco della scogliera, perdere la presa sarebbe fatale.

Ci sono molte ragioni per cui le persone temono il recupero; L’associazione dell’aumento di peso con il fallimento, la perdita di controllo, l’assenza di un meccanismo di coping o qualche forma di autolesionismo sono solo alcune. Per i sani, le paure sembrano irrazionali o secondarie alla distruzione del disturbo. Ma per coloro che vivono con la malattia, sono abbastanza forti da tenerlo in vita. Tanto che solo 1 persona su 10 con un disturbo alimentare riceve un trattamento, ed è un peccato che abbiano il più alto tasso di mortalità di qualsiasi problema psichiatrico.

Ma mentre ci si aspetta resistenza, la promessa rimane.

“Il completo recupero da un disturbo alimentare è possibile”, afferma Carrie Jones, direttrice della consulenza presso il Community Center Shanghai. “Deve essere affrontato da una prospettiva medica e di salute mentale, con la partecipazione di un team di medici, psicologi e nutrizionisti”, aggiunge. “Per gli adolescenti, è preferibile la terapia familiare ed è utile coinvolgere il personale scolastico nei piani di benessere. La terapia cognitivo comportamentale, la terapia della parola e la psicoterapia interpersonale possono essere efficaci negli adulti”.

Ramo: disturbi alimentari e la paura mortale di lasciarlo

La consapevolezza pubblica sui disturbi alimentari è bassa e i sistemi sanitari sono tristemente sottofinanziati. Nel 2016 c’erano due centri di cura in Cina e solo pochi da allora; Semplicemente non è abbastanza. Per prevenire un’alimentazione disordinata, dobbiamo creare un ambiente che promuova e incoraggi comportamenti sani e l’immagine del corpo. E basta con lo stigma: i disturbi alimentari non sono un’opzione. In una cultura in cui “hai mangiato” è un saluto (caldo e) comune, siamo in un posto eccellente per lasciare che il “no, non l’ho fatto, ed ecco perché” si incontri con empatia.

Zhang – in via di guarigione – è determinato a diffondere la consapevolezza dei pericoli del mangiare disordinato e incoraggiare coloro che stanno lottando a cercare aiuto. L’identificazione precoce e l’intervento tempestivo sono essenziali. Come hanno appreso Jones e il suo team di consulenti, “prima qualcuno riceve supporto, maggiori sono le possibilità di guarigione”.

Mentre i disturbi alimentari rimangono una disciplina a cui si aggrappano milioni di persone, con sistemi di cura di cui possiamo fidarci e una società che mette il benessere prima del peso, c’è speranza che un giorno tutti possiamo abbandonarci.

Assicurati di fare il check-in con “Emma Leaning is MENTAL” il primo lunedì di ogni mese.

“Esposizione anticorpo”

Quando: Fino al 14 giugno (chiuso il lunedì), 10.00-18.00

Luogo: Museo dell’Himalaya di Shanghai

Indirizzo: 3-4F, 869 Yinghua Road, Pudong New Area

Tel: 5033 9801

Ramo: disturbi alimentari e la paura mortale di lasciarlo

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x