Re Carlo onora la defunta madre, difendendo la “fede nelle persone” di Elisabetta nel suo primo discorso di Natale

Re Carlo ha reso omaggio alla sua defunta madre, la regina Elisabetta, nel suo primo discorso natalizio da monarca, difendendo la sua fede nella società e coloro che la abbracciano in tempi difficili.

“Il Natale è un momento particolarmente toccante per tutti noi che abbiamo perso i nostri cari”, ha detto Carlo della Cappella di San Giorgio al Castello di Windsor in Inghilterra.

“Sentiamo la loro assenza ad ogni svolta familiare della stagione e li ricordiamo in ogni versione amata”.

La monarca più longeva della Gran Bretagna, Elisabetta, è morta a settembre all’età di 96 anni dopo sette decenni sul trono. Charles, 74 anni, le succedette come capo dello stato sovrano del Canada.

In inni molto amati Oh piccola città di BetlemmeCantiamo come “nelle tue strade buie risplende la luce eterna”, ha detto.

“La fede di mia madre nel potere di questa luce era una parte essenziale della sua… fede nelle persone. È una parte che condivido con tutto il mio cuore.”

Charles ha anche elogiato coloro che “toccano, con gentilezza e compassione, la vita degli altri”, inclusi operatori sanitari, insegnanti e soccorritori, per aver aderito a questa convinzione.

“In questo momento di grande ansia e difficoltà, sia per coloro che affrontano conflitti, carestie o disastri naturali in tutto il mondo, sia per coloro che a casa trovano il modo di pagare le bollette, nutrire e riscaldare le loro famiglie, vediamo [the power of light] Nell’umanità delle persone in tutte le nostre nazioni e nel Commonwealth che rispondono prontamente all’angoscia degli altri “.

READ  I consiglieri di Trump disprezzano le indagini sulle rivolte del Campidoglio

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x