Recensione del Summit of the Gods: nelle alture (montagna)

L’animazione trasporta gli spettatori in luoghi in cui le cineprese non si spostano facilmente – fino ai tratti superiori delle montagne più alte del mondo – in “cima degli dei, Citazione francese dal manga giapponese.

La cosa che guida la trama è, giustamente, una macchina fotografica: in un bar di Kathmandu, uno sconosciuto si è avvicinato a un fotoreporter di nome Fukamachi (doppiato da Damien Boisseau) per vendergli quella che sostiene essere la macchina fotografica che George Mallory ha portato sull’Everest nel 1924. Mallory e il suo compagno di cordata non sono sopravvissuti. , Andrew Irvine, ma qualunque foto abbiano scattato potrebbe rispondere alla domanda se sono arrivati ​​in cima. Quando Fukamachi in seguito vede un solitario scalatore giapponese, Happo (doppiato da Eric Hearson McCarrell e Lazar Hearson McCarrell di varie età), afferrare una giacca tascabile Kodak, sospetta che il dispositivo possa essere legittimo.

Usando un debole approccio alla struttura in stile “Citizen Kane”, la prima metà del film alterna le indagini di Fukamachi sui motivi della scomparsa di Habu e i flashback sulla vita di Habu, mentre utilizza il contenuto della telecamera come equivalente funzionale del Rosebud. Patrick Imbert, al suo debutto alla regia, lavora con caratteri nitidi, movimento e una tavolozza di colori tenue che sembra dovere più a certi artisti di anime che alle illustrazioni tessute del manga originale. Si dice che Imbert abbia tratto ispirazione dal regista di “Tomb of the Fireflies” Isao Takahata, tra gli altri.

L’attuale movimento del film nel tempo è stato presentato in modo sottile diversi anni prima che il corpo reale non dichiarato di Mallory, senza macchina fotografica, fosse scoperto nel 1999. A termini limitati – catturando una fisicità alpinistica nel mezzo etereo dell’animazione – “Il Peak of the Gods” è descritto.

READ  Daniel Radcliffe aveva una cotta per questo co-protagonista di "Harry Potter"

superiore degli dei
Classificazione PG. In francese con traduzione. Durata: 1 ora e 35 minuti. Guarda su Netflix.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x