Recensione Film – Luca – Editor’s Choice

“Luca” è una storia di famiglia, amicizia, avventura e mostri marini. Tuttavia, non c’è bisogno di aver paura di ciò che si trova nell’oceano. Questi mostri marini sono desiderosi di scendere a terra, socializzare con la gente, assaggiare il gelato e andare in Vespa. È una storia commovente comoda dentro e fuori dall’acqua.

Negli anni ’50, la gente del posto nel villaggio costiero italiano di Portorosso aveva a lungo avuto paura dei mostri marini. I racconti di queste formidabili creature risalgono a molti anni fa e i cacciatori temono e sono desiderosi di cacciare queste bestie. Il piccolo Luca è un mostro marino, ma non c’è niente di abominevole in lui. Vive con sua madre, suo padre e sua nonna, ma è molto curioso di sapere cosa c’è sulla Terra, anche se gli è proibito andare. Le cose cambiano quando incontra Alberto, il mostro marino più avventuroso. Alberto ha mostrato a Luca qualcosa di insolito. Quando un mostro marino raggiunge la terraferma, si trasforma in umano. Armati delle conoscenze di Luca e Alberto, iniziano a esplorare il mondo sopra il mare, rimangono affascinati dal mondo umano e sognano persino di avere la propria Vespa ed esplorare la campagna. Si dirigono a Portorosso e cercano di socializzare con la gente del posto. Incontrano Julia, la ragazza coraggiosa e allegra, ma anche sola. Julia vive con il padre cacciatore, il temibile Massimo. Corrono anche con Ercole, un uomo forte locale presuntuoso che possiede una Vespa, e un bullo. È il campione della corsa annuale in città e Julia Luca e Alberto la convincono a unirsi a lei e gareggiare. Si stanno divertendo un sacco, ma riusciranno questi due a mantenere la loro bugia umana, e cosa succede quando i genitori di Luca decidono di andare a cercarlo, e cercano di riportarlo nell’oceano dove tutti i buoni mostri marini dovrebbe essere?

READ  In mezzo al Coronavirus, i bambini di quarta elementare offrono un viaggio in California

“Luca” è l’ultimo film della Pixar Animation e viene distribuito tramite il servizio di streaming Disney+. Questo è il secondo film Pixar a seguire questa strada, dopo “Soul” dello scorso anno. Potrebbe essere più adatto alle famiglie e più economico per il pubblico, ma è un peccato perché i valori di produzione in questa versione animata sono di nuovo fantastici. L’Italia degli anni ’50 è stata realizzata con colori così brillanti, e c’è molta musica e suoni. Merita di essere sul grande schermo.

Il regista è Enrico Casarosa, al suo esordio nel lungometraggio. Sceneggiatura scritta da Jesse Andrews e Mike Jones. È un piccolo dramma divertente e toccante su come alzarsi in piedi (letteralmente nel caso di Luca) ed esplorare il grande, vasto mondo. Potrebbe non avere la profondità di altri film Pixar come “Soul”, “Up” o “Inside Out” e potrebbe essere considerato più adatto a un pubblico più giovane sulla falsariga di “The Good Dinosaur” e “Cars”.

Ma ci sono molte cose per cui tutti possono divertirsi, non ultima l’animazione di prim’ordine. Ha un’ambientazione così particolare e i personaggi sono unici e indimenticabili. C’è un grande cast di voci tra cui Jacob Tremblay come Luca, Maya Rudolph come sua madre e Sacha Baron Cohen come il piccolo ma divertente zio Ugo che vive nell’oscurità in fondo al mare. La cosa più fastidiosa è che dei quattro giovani membri del cast, solo uno ha un accento italiano, ed è il cattivo.

“Luca” è un’altra aggiunta vincente al mondo dell’animazione Pixar. Ha secchi di magia e un grande cuore dolce. Se ci fossero solo viaggi internazionali, sono sicuro che ci sarebbe un aumento dei biglietti prenotati per la Riviera Ligure per i viaggi in Vespa.

READ  Vincent Bueno è ancora di buon umore nonostante la sconfitta dell'Eurovision

3.5 / 5

Michael Clarke è un anchorman della ABC North Queensland. Le sue recensioni cinematografiche settimanali vengono ascoltate sia a livello locale a Townsville che a livello nazionale in tutta l’Australia in “Editor’s Choice”

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x