Red Deer Advocate – L’inventore olandese di cassette muore a 94 anni

L’AIA, PAESI BASSI – Lou Ottens, l’inventore olandese della cassetta, è morto il mezzo preferito per milioni di cassette miste, ha detto Philips, poiché ha anche contribuito allo sviluppo del CD.

Philips ha confermato che Otensee è morto sabato all’età di 94 anni.

Ingegnere strutturale formatosi presso la prestigiosa università tecnica di Delft, è entrato in Philips nel 1952 ed era a capo della divisione di sviluppo prodotto dell’azienda olandese quando ha iniziato a lavorare su una sostituzione per registratori esistenti con bobine di nastro grandi e ingombranti.

Il suo obiettivo era semplice. Rendi i nastri e i driver più portabili e più facili da usare.

“Durante lo sviluppo della cassetta, all’inizio degli anni ’60, aveva un blocco di legno che si adattava perfettamente alla tasca del cappotto”, ha detto Olga Colin, direttrice del Museo Philips nella città meridionale di Eindhoven. “Questa era la dimensione della prima cassetta compressa, il che la rende molto più accessibile degli ingombranti registratori usati all’epoca.”

Il prodotto finale creato nel 1962 si trasformò in seguito in un successo mondiale, con oltre 100 miliardi di cassette vendute, molte delle quali ad amanti della musica che registravano le proprie collezioni direttamente dalla radio. Philips ha affermato che la sua popolarità è diminuita con lo sviluppo del CD, un’invenzione che Ottens ha anche contribuito a creare come supervisore del team di sviluppo.

Utens ha dichiarato in un’intervista pubblicata dal Phillips Museum che il successo della cassetta deriva dalla sua semplicità.

“È stato un passo avanti perché era a prova di errore”, ha detto, aggiungendo che lettori e registratori possono anche funzionare a batterie, rendendoli estremamente facili da usare e in definitiva portatili.

READ  Le immagini trapelate di Galaxy Watch 4 Classic includono uno sguardo di prima mano al nuovo sistema operativo smartwatch di Samsung e Google

“Tutti possono mettere la musica in tasca”, ha detto Utens.

Il prototipo xilografico non è arrivato al museo aziendale. Colin ha detto che Utens l’ha usato per sostenere il suo paranco quando si sostituisce un pneumatico con uno sgonfio e lo lascia sul ciglio della strada.

“A Lu piaceva la tecnologia quando parlava dei suoi occhi che cominciavano a brillare”, ha detto Colin, il direttore del museo.

Mike Corder, Associated Press

Ricevi storie locali che non troverai da nessun’altra parte nella tua casella di posta.
Registrati qui

Fino Neri

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x