― Advertisement ―

spot_img
HomeTechReporterbot in Space: lo sviluppatore di giochi utilizza il background giornalistico come...

Reporterbot in Space: lo sviluppatore di giochi utilizza il background giornalistico come ispirazione

Il giornalismo non è il lavoro più affascinante.

Può essere un lavoro ingrato, che comporta una scarsa connessione Wi-Fi nei bar, pranzi improvvisati con un basso valore nutrizionale e lunghi periodi di seduta.

Ben Gelinas spera che il suo videogioco sul giornalismo sia interessante e divertente.

“Times and Galaxy”, in uscita il 21 giugno su console e PC, mette i giocatori nei panni dell'apprendista robot dell'omonima pubblicazione, “il giornale più affidabile del sistema solare”.

Gelinas abbandonò la scuola superiore volendo diventare giornalista e studiò all'Università di Regina, con il suo primo lavoro come stagista presso Edmonton Magazine.

Dopo un periodo con due giornali nel sud dell'Ontario, ha ricevuto una telefonata da uno dei redattori del giornale che gli chiedeva se voleva tornare in Alberta.

Il lavoro, sfortunatamente per lui, era quello di giornalista di cronaca nera.

“Odiavo così tanto denunciare i crimini”, dice Gelinas in una recente intervista. “Sono timido anche nel migliore dei casi. Come giornalista, indosso il mio cappello… ma scrivere di criminalità è stata la cosa più difficile.

“Ci sono così tanti traumi, e i traumi di altre persone, che vuoi assicurarti di fare tutto e tutti in modo equo, rimanendo completamente fedele ai fatti e ritenendo il potere responsabile.”

Tuttavia, gli mancava Edmonton e aveva un lavoro fisso nel giornalismo praticamente fuori dalla scuola, quindi se ne andò.

Gelinas ha trascorso tre anni al quotidiano Edmonton come giornalista di cronaca nera, coprendo “tutti i tipi di omicidi” – forse più di 100, secondo le sue stime.

“Dopo un po' ho iniziato a sentirmi davvero esaurito”, dice.

READ  Ubisoft sta raddoppiando il suo impegno per NFT per un motivo

Si è preso una pausa dalla scrittura di storie artistiche come recensioni di concerti, ma si è perso anche le “ultime notizie”.

“Era un posto difficile”, dice.

Un giorno, un editore dello studio di videogiochi BioWare con sede a Edmonton chiamò con un'opportunità di lavoro che pensava sarebbe stata una buona soluzione.

“Avevano bisogno di qualcuno che prendesse la loro tradizione fantasy nella serie Dragon Age e la trasformasse in qualcosa a cui si potesse fare riferimento internamente”, dice, come Wikipedia.

Era un'offerta di contratto di sei mesi.

Gelinas, che all'epoca aveva circa vent'anni, aveva due scelte: restare nel suo lavoro a tempo indeterminato come giornalista o passare a un potenziale lavoro temporaneo in un settore che aveva sempre amato.

“Ho corso un rischio e non mi sono mai guardato indietro”, dice prima di correggersi. “Beh, a volte mi guardo indietro. (The Times & Galaxy) guarda indietro, non è vero? E mi manca, ma non sono più un giornalista. Sono uno sviluppatore di giochi.”

“È così strano. Lo faccio da così tanto tempo e mi sento ancora un impostore.”

La sua esperienza giornalistica è stata una risorsa nella sua fiorente carriera di sviluppatore di giochi poiché ha portato nuove idee e prospettive. Alla fine il suo contratto è stato reso permanente.

“Ha portato molte storie, non storie specifiche, ma realismo nel gioco che stavamo realizzando”, afferma.

“È come se questa persona avesse subito una grande perdita o fosse stata traumatizzata, ma nello spazio. O i suoi cari fossero stati mangiati da un drago. Come puoi renderlo reale in un pezzo di finzione, giusto?”

Quando sua moglie trovò lavoro a Toronto, Gelinas lasciò BioWare e si trasferì di nuovo a est. Desideroso di espandere le sue competenze oltre la scrittura e l'editing, Gelinas si è rivolto alla comunità di sviluppatori indipendenti locali e ha creato “Speed ​​​​Dating for Ghosts”, descritto come un “sano gioco horror”.

READ  Puoi finalmente ascoltare YouTube Music su Wear OS

Dopo aver lavorato a contratto, inclusa la scrittura per “Control” e “Gotham Knights” dello sviluppatore finlandese Remedy Entertainment per WB Games Montreal, Gelinas alla fine è tornato a Edmonton, dove sua moglie lavora come reporter.

“Times and Galaxy”, il suo primo grande progetto, ha richiesto anni con l'aiuto di un gruppo di creativi incontrati nel corso degli anni a Edmonton e oltre.

“Il mio unico obiettivo con il team che ho costruito era: sei un tipo strano o non sei un idiota?”, dice del suo studio, Copychaser Games. “E creativamente, ti divertirai con noi.

“Siamo un gruppo di tipi strani provenienti da tutto il Canada e un ragazzo del New Jersey crea questo gioco.”

La stranezza è ovunque in Times and Galaxy, un gioco d'avventura comico in cui il giocatore, nei panni di Reporterbot, viene inviato a coprire tutti i tipi di storie, comprese mostre di gatti intersolari e funerali di fantasmi spaziali.

Il gioco presenta personaggi 2D in ambienti 3D, proprio come la serie “Paper Mario” di Nintendo.

Una delle prime missioni è inviare un Reporterbot a far schiantare una navetta su un pianeta arido. Il nostro intrepido stagista viene accolto da Policebot, che offre una spiegazione non errata dal punto di vista tecnico: “C'è stato un incidente. Questo incidente è ora sotto inchiesta.”

Dopo altre domande, Policebot diventa più specifico: “La navetta si è scontrata con un oggetto simile a una roccia”. (A Reporterbot è stato successivamente consigliato di parlare con Mediarelationsbot della polizia.)

Spetta al giocatore intervistare eventuali testimoni, funzionari o esperti presenti sulla scena per raccogliere informazioni, quindi costruire la storia.

READ  Apple risponde alla segnalazione di ladri che spiano i passcode dell'iPhone per "rubare la tua intera vita digitale"

Gelinas afferma che i giocatori vivono un'esperienza “con i piedi nell'acqua” dei tipi di sfide che i giornalisti devono affrontare quando raccolgono informazioni.

Dice che uno degli aspetti che preferisce del suo lavoro di giornalista è cercare di catturare ciò che ha imparato e scrivere una storia che sia accurata e che valga la pena leggere.

“Sto cercando di trasformarlo in un videogioco, con alieni e robot.”