Ricorda quelli che abbiamo salutato nel 2021, incluso il proprietario del Preston North End Trevor Hemmings

L’ex attaccante di Huddersfield, Leicester, Bolton, Preston e Inghilterra, Worthington, è morto all’età di 72 anni a marzo. Worthington, che era nella squadra del North End vincitrice della promozione nel 1986/87, ha collezionato otto presenze con l’Inghilterra e ha rappresentato più di 20 squadre in una carriera da giocatore iniziata con l’Huddersfield nel 1966.

Partecipazione Nella nostra newsletter quotidiana

le notizie Taglia il rumore

Il proprietario della PNE Trevor Hemmings (Immagine: Getty Images)

Il proprietario del Preston North End Trevor Hemings è morto all’età di 86 anni, in ottobre. Hemmings ha posseduto completamente il North End dall’estate del 2010 ma il suo coinvolgimento in Deepdale risale ai primi anni ’70, quando è entrato a far parte del consiglio di amministrazione. È stato una figura importante nell’ippodromo, avendo avuto tre vincitori del Grand National: Hedgehunter nel 2005, Ballabriggs nel 2011 e Many Clouds nel 2015.

Il centrocampista Auld è stato uno dei “Lisbon Lions” del Celtic come parte della squadra che ha vinto la Coppa dei Campioni nel 1967, segnando 85 gol in un totale di 283 presenze in due periodi con il club. Morì a novembre all’età di 83 anni.

Il grande Bale si è spento al Manchester City a gennaio all’età di 74 anni. Il centrocampista, noto come il ‘King of Kibacs’, ha giocato 492 partite con il City, segnato 152 gol e aiutato a vincere titoli che includevano il titolo di First Division nel 1968. Bale ha anche vinto 48 presenze con l’Inghilterra.

Collins, il primo allenatore nero della Premier League, ha iniziato un periodo di sette anni al Rochdale nel 1960 e ha supervisionato il secondo classificato della Coppa di Lega 1962, perdendo contro il Norwich nella loro unica partita finale. Il sindacato dei direttori della Lega ha annunciato la sua morte all’età di 94 anni a febbraio.

Il terzino sinistro ha collezionato 351 presenze con il Leeds e segnato 11 gol, tra cui la vittoria della finale di Coppa di Lega 1968 contro l’Arsenal. Cuper, che ha anche partecipato al successo del club in First Division nel 1969 e ha giocato 20 partite per l’Inghilterra, è morto a luglio all’età di 77 anni.

Dexter era un potente battitore della classe media e ha capitanato l’Inghilterra in 30 dei 62 test match prima di diventare capo del Millennium Challenge Center. Morì ad agosto all’età di 86 anni.

Doug Holden, che ha segnato per il Preston North End nella finale di FA Cup del 1964, è morto all’età di 90 anni ad aprile. Holden esterno sinistro ha dato a Lilliwhites il vantaggio contro il West Ham a Wembley, ma Hammers ha vinto la partita 3-2.

I Flowers hanno collezionato 515 presenze con il Wolverhampton e li hanno aiutati a vincere tre titoli di First Division e la FA Cup nel 1960. Il club ha annunciato la sua morte all’età di 87 anni a novembre.

Fordham è diventato famoso nel 2004 quando ha sconfitto Mervyn King 6-3 nella finale del campionato mondiale BDO a Lakeside. Il “Vichingo”, che aveva bisogno di un’operazione intestinale salvavita nel 2020 e gli è stato diagnosticato il coronavirus all’inizio di quest’anno, è morto a luglio – aveva 59 anni.

Greaves, meglio conosciuto per la vittoria dell’Inghilterra nella Coppa del Mondo del 1966 dopo essere stato sostituito da Geoff Hurst nei quarti di finale, ha segnato 44 gol in 57 presenze con la nazionale, diventando così il quinto capocannoniere di tutti i tempi. È in cima alla lista del Tottenham Hotspur – con il quale ha vinto FA Cup e Coppa delle Coppe – con 266 partite in 379 partite, e ha anche segnato 132 gol per la sua prima squadra, il Chelsea. Graves è morto a settembre all’età di 81 anni.

L’ex campione indiscusso dei pesi medi soprannominato “Marvelous” è morto a marzo all’età di 66 anni.

Parte della squadra inglese per la finale della Coppa del Mondo del 1966, Hunt è stato il capocannoniere del Liverpool con 244 gol ed è al secondo posto nella lista dei Reds con un totale di 285 gol, dietro a Ian Rush. Il club ha annunciato la morte di Hunt all’età di 83 anni a settembre.

Kennedy ha vinto la doppietta con l’Arsenal nel 1971 e poi con il Liverpool tra cui cinque scudetti e tre Coppe dei Campioni, e ha anche giocato 17 volte per l’Inghilterra. Morì a novembre all’età di 70 anni.

Il Leeds ha annunciato a marzo che il capocannoniere di Lorimer era morto all’età di 74 anni dopo una lunga malattia. Il nazionale scozzese ha segnato 238 presenze in 705 partite in due periodi con Elland Road, che lo ha aiutato a vincere due titoli di First Division, la FA Cup, la League Cup e la Intercity Fairs Cup.

L’ex attaccante dell’Inghilterra, Mariner ha segnato 139 gol in 339 partite con l’Ipswich in un’epoca d’oro in cui ha vinto la FA Cup nel 1978 e la Coppa dei Campioni nel 1981, e ha anche giocato con Plymouth, Arsenal e Portsmouth. Morì a luglio all’età di 68 anni.

Il centrocampista McLoughlin, che ha segnato il gol che ha portato la Repubblica d’Irlanda alle finali della Coppa del Mondo 1994, il pareggio contro l’Irlanda del Nord al Windsor Park nel novembre 1993, e ha giocato per club come Swindon, Southampton e Portsmouth, è morto a maggio di cancro. Aveva 54 anni.

Anche Mosley, l’ex presidente della FIA, è morto a maggio, all’età di 81 anni. Ha guidato l’organo di governo della FIA dal 1993 al 2009 e ha contribuito a cambiare il record di sicurezza dello sport dopo la morte di Ayrton Senna al Gran Premio di San Marino nel 1994.

Muller, meglio conosciuto come “Der Bomber”, ha segnato 68 gol in 62 presenze con la Germania Ovest, incluso il vincitore della finale della Coppa del Mondo 1974. Li ha anche aiutati a vincere il Campionato Europeo nel 1972 ed è stato tre volte vincitore della Coppa dei Campioni con il Bayern Monaco , dove ha segnato 365 gol in 427 partite di Bundesliga. Il club ha annunciato la sua morte all’età di 75 anni ad agosto.

L’ex allenatore del West Ham è morto a febbraio all’età di 65 anni dopo una lunga battaglia con un tumore al cervello. Roeder ha giocato come difensore al Queens Park Rangers e al Newcastle, e ha lavorato come allenatore sotto Glenn Hoddle con l’Inghilterra, così come con gli Hammers, gestendo Magpies, Gillingham, Watford e Norwich.

L’ex allenatore del Coventry è noto soprattutto per aver supervisionato la vittoria della FA Cup del 1987 degli Sky Blues quando hanno battuto il Tottenham Hotspur 3-2 a Wembley. Cellett, che ha giocato per il club negli anni ’60 dopo essere arrivato dal Chelsea, è morto a novembre all’età di 85 anni.

Gerald Seinstadt: Il commentatore di calcio Seinstadt, che ha coperto quattro Coppe del mondo ITV tra il 1970 e il 1982 prima di lavorare alle Olimpiadi per la BBC, è morto a novembre all’età di 91 anni.

Walter Smith: I Rangers hanno annunciato che l’uomo che li ha portati a 10 scudetti, cinque Coppe di Scozia, sei Coppe di Lega e la finale di Coppa UEFA 2008 è morto all’età di 73 anni a ottobre. Smith ha anche allenato Scozia ed Everton.

Leon Spinks: Spinks ha vinto la medaglia d’oro per gli Stati Uniti alle Olimpiadi del 1976 prima di ottenere uno dei più grandi sconvolgimenti della boxe sconfiggendo Muhammad Ali due anni dopo nella sua ottava battaglia professionale per diventare il campione mondiale indiscusso dei pesi massimi. È stato annunciato morto all’età di 67 anni a febbraio.

Ian St John: l’ex attaccante del Liverpool e della Scozia, che ha segnato 118 gol per i Reds Shankly in un decennio al club dal 1961, è morto a marzo all’età di 82 anni. Dopo i suoi giorni di gioco, Saint John ha conquistato una nuova generazione di fan quando lui e Graves hanno messo in scena il loro famoso spettacolo calcistico del sabato pomeriggio Saint and Greavsie.

Lo slovacco, che è diventato il primo allenatore al di fuori del Regno Unito e dell’Irlanda a guidare una squadra inglese di massima serie quando è stato nominato allenatore dell’Aston Villa nel 1990, e in seguito ha allenato il Celtic, è morto a gennaio. Aveva 84 anni.

Il commentatore lo considerava la “voce della Formula 1”, che ha lavorato per BBC e ITV durante una carriera televisiva durata oltre 50 anni, ed è morto a marzo all’età di 97 anni.

L’avvocato Watkins ha trascorso 28 anni come allenatore del Manchester United dal 1984, che includeva la gestione del club attraverso procedimenti legali a seguito del calcio di kung fu di Eric Cantona contro un fan del Crystal Palace nel 1995 e la mediazione dell’accordo che ha mantenuto Sir Alex Ferguson in carica. . suo capo dopo aver deciso di dimettersi nel 2002. Morì ad agosto all’età di 79 anni.

Il fondatore ed ex manager della Williams Racing, che ha supervisionato i sette titoli piloti di Formula 1 e nove campionati costruttori, è morto a novembre all’età di 79 anni.

READ  Le paure dei ciclisti afgani si avverano mentre i talebani mirano a impedire alle donne di fare esercizio

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x