― Advertisement ―

spot_img
HomesportRoc Nation di Jay-Z sta pagando per uno spot a tutta pagina...

Roc Nation di Jay-Z sta pagando per uno spot a tutta pagina che invita l’Italia a condannare il razzismo

Roc Nation di Jay-Z ha detto “basta abbastanza” all’Italia quando ha agito dopo che Romelu Lukaku dell’Inter è stato sottoposto a versi di scimmia durante una partita di calcio.

L’attaccante è stato oggetto di abusi razzisti dopo aver segnato un rigore contro la Juventus martedì e il 29enne è cliente di Star Music Agency.

Roc Nation ha pagato per un annuncio a tutta pagina sulla Gazzetta dello Sport italiana, come riportato per la prima volta TMZper insistere “basta abbastanza”.

“Cara Italia, fai di meglio. Tu vuoi di meglio. Sii migliore”, iniziava il messaggio.

a livello professionale [soccer]I giocatori di colore sono stati odiati nella professione [soccer] Giochi. L’odio si è manifestato sotto forma di canti di scimmia, insulti razzisti e bucce di banana lanciate contro i migliori giocatori del mondo, mentre il mondo guarda, come guardano i bambini, come guardano le famiglie dei giocatori.

Roc Nation di Jay-Z ha pagato per un annuncio a tutta pagina che diceva all’Italia di condannare il razzismo dopo i recenti eventi
Romelu Lukaku, il giocatore dell’Inter, è stato oggetto di abusi razzisti. Ha festeggiato mettendosi il dito sulla bocca in direzione dei tifosi della Juventus, anche se i suoi rappresentanti hanno detto che è stata una festa normale
L’agenzia di Jay-Z rappresenta l’attaccante di 29 anni e ha agito dopo che è stato abusato

Nessuno ha affrontato alcuna conseguenza per questo comportamento atroce. Niente è cambiato. Non è stata intrapresa alcuna azione.

Lukaku è stato preso in giro dalle scimmie di una parte dei tifosi della Juventus dietro la porta quando ha segnato un rigore al quinto minuto di recupero per dare all’Inter un pareggio per 1-1 nell’andata della semifinale di Coppa Italia di questa settimana.

Le riprese video hanno mostrato la folla che cantava “fottuta scimmia” e “vaffanculo” a Lukaku, che ha ricevuto un secondo cartellino giallo ed è stato espulso per il silenzio e i saluti durante i suoi festeggiamenti.

Roc Nation ha insistito sul fatto che fosse una parte normale della loro celebrazione.

E la dichiarazione dell’agenzia continuava: “In effetti, l’unica persona che può essere ritenuta responsabile è il giocatore, se ha risposto a questo comportamento disgustoso durante la partita”.

READ  Dovizioso si ritira dalla MotoGP dopo aver corso in casa a San Marino

‘Quando è troppo è troppo.

“Odio uguale razzismo uguale ignoranza”.

Lukaku ha anche invitato le autorità calcistiche italiane a reprimere duramente i tifosi della Juventus che lo hanno insultato in modo razziale con feroci canti da scimmia.

Lukaku ha scritto mercoledì su Instagram: “La storia si ripete. Ci sono passato nel 2019… e di nuovo nel 2023…

Lukaku ha scritto in un messaggio su Instagram che “la storia si ripete” perché è stato nuovamente vittima di abusi razziali
Le sue parole hanno ottenuto il sostegno di una serie di superstar, tra cui Kylian Mbappe e Vinicius Jr.

“Spero che questa volta il campionato agisca davvero perché questo bellissimo gioco dovrebbe essere apprezzato da tutti.

Grazie per i messaggi di supporto. Fottuto razzismo.

Il messaggio di Roc Nation continua: “In un gioco che unisce persone di tutto il mondo come fan, dobbiamo assistere solo al meglio dell’umanità.

Non c’è circostanza in cui il razzismo possa essere tollerato. L’Italia è meglio di così. Siamo tutti meglio di così.

Chiediamo alla comunità sportiva globale – giocatori, proprietari di squadre, artisti, marchi e tutti i fan – di condannare tale comportamento razzista e di tenere conto dei bigotti secondo standard umani. Colui che mantiene la decenza, il rispetto e l’empatia per gli altri.

La prima squadra è la squadra umana. Lavoriamo insieme per rimuovere il razzismo dal gioco una volta per tutte.

“Cordiali saluti, Nazione Roc.”

Kylian Mbappe, Vinicius Jr, Rhys James e Thibaut Courtois erano tra i colleghi di Lukaku che hanno pubblicato commenti di supporto sul post dell’attaccante.

Lukaku ha subito abusi razzisti dai tifosi del Cagliari dopo aver segnato contro di loro nel 2019 (nella foto)

L’Inter ha condannato l’abuso in una dichiarazione sul proprio sito web mercoledì, mentre la Juventus ha promesso di bandire i colpevoli.

Lukaku, che è in prestito all’Inter dal Chelsea, è stato oggetto di abusi razzisti durante il suo primo periodo con il club italiano tra il 2019 e il 2021.

READ  Exeter City ha ottenuto un altro aumento di denaro dopo che Ole Watkins ha vinto la seconda partita dell'Inghilterra

A settembre 2019, ha detto che la partita stava “andando in discesa” quando i tifosi del Cagliari lo hanno offeso con cori da scimmia quando ha segnato il gol della vittoria per l’Inter.

A quel tempo, Lukaku ha invitato le autorità calcistiche e le società di social media a prendere una posizione più forte contro la discriminazione razziale.

Nel settembre 2021, Lukaku ha affermato che il razzismo nello sport aveva raggiunto “il massimo storico” e ha nuovamente esortato le autorità a prendere posizione.

E a gennaio di quest’anno, la Serie A ha aperto un’inchiesta sulle accuse di abuso razzista di Lukaku da parte dei tifosi del Napoli.

Rock Nation aveva già condannato i cori “vili” nei confronti del suo giocatore Lukaku

Il presidente di Rock Nation Michael Jormak ha rilasciato una dichiarazione prima dell’annuncio, dicendo martedì: “Le osservazioni razziste fatte stasera dai tifosi della Juventus a Torino a Romelu Lukaku sono state spregevoli e inaccettabili.

Romelu ha segnato un rigore a fine partita. Prima, durante e dopo la punizione, è stato sottoposto ad odiosi e disgustosi abusi razziali.

Romelu ha festeggiato i gol come prima. La risposta dell’arbitro è stata quella di assegnare un cartellino giallo a Romelu.

Romelu merita le scuse della Juventus, e mi aspetto che la Lega condanni immediatamente il comportamento di questo gruppo di tifosi bianconeri.

Le autorità italiane dovrebbero sfruttare questa opportunità per affrontare il razzismo, piuttosto che punire la vittima di abusi.

Sono sicuro che il mondo del calcio condivide lo stesso sentimento.