Rock Voyager di Perth si sente “extra” all’Eurovision

Rock Voyager di Perth si sente “extra” all’Eurovision

Ma per la rock band di Perth Voyager – la voce dell’Australia per il festival musicale di quest’anno – non potrebbe esserci un abbinamento più armonioso.

“La musica metal e rock riguarda davvero il palcoscenico e il dramma”, ha detto il cantante Danny Estrin ad AAP.

“E che cos’è l’Eurovision? Esattamente lo stesso. Penso che ci adattiamo perfettamente.”

A Liverpool, la Voyager luccica e risplende in preparazione della competizione di quest’anno, che prende il via con un tappeto turchese e un’emozionante cerimonia di apertura domenica e culmina nella Grand Final di sabato 13 maggio.

“Se puoi immaginare 20 anni di giochi ovunque puoi ottenerlo, e vorrei avere una luce in più, o un po’ più di spazio, o 20 schermi LED giganti, cosa farei?” Il batterista Ashley DuCourty continua.

“Ci abbiamo pensato per molto tempo. È lo spettacolo teatrale che abbiamo sempre desiderato”.

La band ha davvero alzato la posta organizzando e onorando le loro esibizioni in vista della competizione.

“C’è un sacco di glitter, ci sono un sacco di paillettes, hanno appena aggiunto una scorciatoia al mio vestito… è extra”, dice Estrin.

E si preparano a rialzarsi nelle esibizioni finali.

Non c’è da stupirsi che Voyager si stia preparando a tirare fuori i pezzi grossi. Se riescono ad arrivare in finale, possono esibirsi di fronte a un pubblico internazionale di oltre 180 milioni di persone.

READ  Wyre Dreams offre domotica intelligente a San Marino

“Questo è uno dei 40 al mondo”, si chiede Estrin.

Voyager ha avuto un crack all’Eurovision da quando l’Australia ha iniziato a partecipare alla competizione nel 2015, ma non è arrivata alle finali.

La band sta sicuramente sentendo la pressione perché, contrattualmente, questo è l’ultimo anno dell’Australia in comp.

“Se è rinnovato o meno è nell’aria. Quindi non c’è alcuna pressione”, riflette l’avvocato dai capelli lunghi.

La band non ha subito alcun contraccolpo all’interno della comunità dell’Eurovision per non essere dall’Europa.

“Mi sembrano tutti molto felici che l’Australia sia la cugina dell’Europa che viene a Natale e si diverte”, ride Dudecorty.

“Ubriacatevi un po’”, suona Estrin.

“È come … uh, lasciali in pace, possono restare e mangiare un po’ di tacchino”, aggiunge Dudecorte.

Ma non è solo l’Australia che Voyager rappresenta, è anche il genere musicale più pesante.

“Vogliamo portare con noi anche musica pesante”, spiega il chitarrista Alex Kanyon.

“La marea crescente solleva tutte le navi. Possiamo evidenziare altre band nei nostri generi e nella nostra scena”.

La loro canzone d’ingresso, Promise, dice Estrin, porta gli ascoltatori in un viaggio di tre minuti con un torbido ritornello orecchiabile e “spezzando lo spirito delle persone per ben 20 secondi” prima di risollevarli e lasciarli euforici.

READ  La rivalità tra Hamilton e Verstappen è il miglior duello in Formula 1 da anni

Dice che esplorare questo tipo di montagne russe aprirà le menti delle persone a cosa sia il metal e incoraggerà più ascoltatori.

“Che si tratti di prog metal, viking metal o sgargiante gothic metal tedesco”, dice.

“È davvero bello vedere più band heavy metal entrare in esso”.

L’Eurovision 2023 si tiene a Liverpool e ospitato dal Regno Unito per conto dell’Ucraina, che l’orchestra di Kalush ha vinto lo scorso anno.

Le semifinaliste australiane sono Albania, Armenia, Cipro, Romania, Austria, Danimarca, Lituania, San Marino, Belgio, Slovenia, Islanda, Georgia, Grecia, Polonia ed Estonia. I primi dieci paesi si qualificano per la Grand Final.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x