Rocky Colavito torna a svelare una statua: ‘Sono grato a Dio che mi abbia scelto per suonare a Cleveland’ (Foto)

Cleveland, Ohio – Non puoi dire “Rocky Colavito” senza usare la parola “amato” nella stessa frase. Non è finita.

Martedì, quando una statua di – sì, amata – lumache indiane è stata svelata al Tony Brush Park nel quartiere Little Italy di Cleveland, il rispetto che i fan di vecchia data nutrivano per Colavito è decollato. Ed era reciproco.

“Come ho detto, lo dirò di nuovo: Cleveland è la mia città preferita al mondo. E sono totalmente onorato e sopraffatto da tutti voi ragazzi, tutta la mia famiglia, tutti gli amici che sono qui, che hanno vieni. E alcuni dei miei compagni di squadra – Denny McClain e Willie Horton – sono qui. Se non mostra rispetto, non so cosa sia. “Ho a cuore il rispetto”, ha detto Colavito.

Ha aggiunto: “Sono grato che Dio mi abbia scelto per giocare per Cleveland”.

E centinaia sono usciti per stringergli la mano, ottenere il suo autografo, salutare e fare una foto. Sorprendentemente, l’ultima volta che Colavito è uscito dal diamante come giocatore è stato nel 1968 – 53 anni fa.

Non ha mai dimenticato il culmine della cerimonia della statuetta con un’azione popolare nel corso di diversi anni, alimentata da fan il cui amore per Colavito non ha mai vacillato.

Ci sono voluti artisti del calibro di Joe Gazoo, le sue lezioni di insegnamento al Baseball Heritage Museum, gli sforzi di marketing di Randy Mintz e la passione della fan Ida Pucci che lo ha visto giocare da bambina. Ci è voluto Matt Gambatsy per ottenere donazioni e volontari da Anthony Delguid, Sheldon Green e Mark Page.

READ  George Clooney e la sua famiglia bloccati nelle devastanti alluvioni in Italia, notizie di intrattenimento

Page ricordava di aver ascoltato la radio a transistor il 10 giugno 1959, il giorno in cui Colavito colpì quattro fuoricampo. In onore di quelle esercitazioni locali – un record della major league detenuto da molti giocatori – quattro cespugli di rose sono stati piantati nel giardino vicino alla statua.

Rocky Colavito si rivolge alla folla prima dell’inaugurazione. La leggenda dei Cleveland Indians Rocky Colavito è stata onorata con una statua onorata con una statua al Tony Brush Park di Little Italy martedì 10 agosto 2021, che ha anche segnato il suo 88esimo compleanno. Centinaia di persone hanno affollato il parco per assistere all’inaugurazione della statua.David Petkevich, cleveland.com

Colavito ha detto ai giornalisti prima della partita che i suoi più grandi ricordi di essere un indiano erano le riprese a casa. Ricordava anche di aver vinto una partita che fu un sollievo per il suo compagno di stanza degli Yankees, Steve Barber, contro Detroit nell’agosto 1968. Un mese dopo, Colavito si ritirò.

Bob DePasio ricorda quell’epoca. Il suo lavoro quotidiano come Senior Vice President of Public Affairs con gli Indians lo tiene impegnato a trattare con i giocatori attuali, ma rimane un fan nel suo cuore, e Colavito è stato – ed è tuttora – un favorito.

“Amiamo le nostre icone e Rocky Colavito è in cima a quella lista”, ha detto DiBiasio.

Non molto tempo dopo la biografia di Mark Somer “Rocky Colavito: Iconic Slugger di Cleveland” Nel 2019, l’autore ha coordinato un evento di accoglienza presso il Teatro di Stato nella Playhouse Square di Colavito. Non è stata una sorpresa quante persone siano venute – e in molti casi da centinaia di chilometri di distanza – per stringere la mano a un uomo che potrebbe averlo visto colpire una delle 374 case.

READ  IFC Films cattura il documentario di Andrea Arnold in Buzzy Cannes - Scadenza

Ma parla con i tifosi, e non raccontano gli eventi che stanno avvenendo sul loro suolo come spesso fanno le storie di un giocatore che ha passato del tempo con i tifosi, non si è mai vergognato di loro, non ha dedicato loro molto tempo.

Gazzo ha fatto commenti onesti che non erano una lettera ma un ringraziamento a Colavito, l’uomo la cui reputazione è stata incisa con momenti come firmare autografi per bambini sui gradini della chiesa.

“Spero che oggi il tuo cuore si riempirà di metà della gioia che ci hai regalato sul campo”, ha detto Gazzo durante la cerimonia. “Sei un Hall of Famer sul campo e sei un Hall of Famer fuori dal campo… l’intera città di Cleveland ti ama.”

Ma se pensi che i cuori dei fan siano completamente pieni d’amore, allora ti sbagli. Per quanto amassero Colavito, odiavano Frank Lane. Il direttore generale degli Indians ha scambiato Colavito con Detroit nel 1960. Cinque anni dopo è tornato, a Cleveland, e nei cuori dei fan, e ha battuto il .287.

La leggenda indiana di Cleveland Rocky Colavito è onorata con una statua a Little Italy

I membri della famiglia (a destra) e lo scultore David Deming, tirano il coperchio per rivelare una statua di Rocky Colavito. La leggenda dei Cleveland Indians Rocky Colavito è stata onorata con una statua onorata con una statua al Tony Brush Park di Little Italy martedì 10 agosto 2021, che ha anche segnato il suo 88esimo compleanno. Centinaia di persone hanno affollato il parco per assistere all’inaugurazione della statua.David Petkevich, cleveland.com

Martedì è tornato a Cleveland, viaggiando con dozzine di familiari e amici dalla sua casa di Reading, in Pennsylvania, da casa sua e altrove. McClain e Horton – che hanno trascorso il 1963, il loro primo anno ai Majors, giocando a Colavito nei Tigers – hanno mostrato sostegno. Vern Fuller, suo compagno di squadra in diverse squadre indiane, così come il proprietario degli indiani Paul Dolan hanno partecipato.

Prima della cerimonia, Colavito ha visitato League Park con la famiglia e alcuni membri del comitato. Non aveva mai giocato lì, ma voleva visitare i resti conservati del campo da baseball situato in Lexington Street, sul lato est della città, una leggendaria casa colpita da Babe Ruth, un ricordo aleggia nel suo parco.

“Speravo di incontrare Ruth”, ha detto Colavito mentre suo figlio Steve spingeva silenziosamente la sua sedia a rotelle sul diamante.

Colavito, il potente battitore, guardò oltre la recinzione ad arco nel famigerato campo corto a destra e disse: “Un pezzo di torta sul campo giusto. L’unica cosa è che ero un destro”.

Visitò anche il museo e l’aula magna, dove erano chiusi i gradini originali dove venivano avvitate le volte. Si è tenuto il pranzo Angelo Nido Italia, un pezzo fisso nel quartiere Little Italy di Cleveland e dall’altra parte della strada da dove risiede la statua di Colavito.

Colavito è ancora modesto di riconoscimenti. Ha l’aspetto di un uomo che è in soggezione di attenzione, non quello di qualcuno che si aspetta adulazione.

“A volte metti alla prova le regole e il gioco, e le persone ti infastidiscono un po'”, ha detto Colavito, questa spina dorsale del Bronx ancora nella sua retorica. “Questo non mi ha dato molto fastidio. So che erano delusi, ma non sapevano quanto fossi deluso io. … Non è che hanno fischiato un ragazzo, hanno fischiato la situazione”.

È stato questo tipo di maturità che ha contribuito a creare una vicinanza tra i fan. Gambatsi, del comitato della statua, ha affermato che le persone si sono affrettate a riunirsi per sostenere il progetto della statua.

La leggenda indiana di Cleveland Rocky Colavito è onorata con una statua a Little Italy

I fan applaudono durante i discorsi. La leggenda dei Cleveland Indians Rocky Colavito è stata onorata con una statua onorata con una statua al Tony Brush Park di Little Italy martedì 10 agosto 2021, che ha anche segnato il suo 88esimo compleanno. Centinaia di persone hanno affollato il parco per assistere all’inaugurazione della statua.David Petkevich, cleveland.com

“Tutti quelli con cui ho parlato sono saltati su questa cosa, guarda cosa abbiamo”, ha detto.

Ciò che i fan hanno ricevuto è stata una scultura in bronzo di David Deming, che ha fatto una somiglianza con Larry Dube, Lou Boudreaux e Jim Thom al Progress Court. Cattura la scultura di Doming Colavito nel suo periodo migliore, mentre cammina verso il piatto al Cleveland Municipal Stadium e spaventa i lanciatori mentre scava all’interno e punta la racchetta verso di loro. Il suo swing, il suo ingegno e il suo occhio erano abbastanza buoni da segnare Colavito .266 in 14 stagioni nella Big League.

Il conto alla rovescia per l’inaugurazione della statua è iniziato alle 6 – numero di maglia di Colavito.

Martedì è stato speciale in un altro modo: Colavito ha compiuto 88 anni.

“È un giorno glorioso per Rocky”, ha detto Sommer. “Ed è davvero notevole che, a più di 50 anni dall’ultima volta che ha indossato un’uniforme, è ancora inghiottito dall’amore e dall’affetto di Cleveland, tra il pubblico in generale e sicuramente tra gli italoamericani, il che rende ancora più appropriato che la statua sia nel giardino di Tony Brush in Little Italy. “.

“Sarà il culmine della Hall of Fame”, ha aggiunto Sommer.

Martedì Colavito non ha usato il suo tempo per entrare nella Hall of Fame. È pieno di molta umiltà e gratitudine.

“Vi ringrazio tutti. Voglio solo che sappiate che amo ognuno di voi per essere qui oggi a condividere questo con me.”

Sono su cleveland.comIl team Life and Culture si occupa di cibo, birra, vino e argomenti legati allo sport. Se vuoi vedere le mie storie, Questa è una guida su cleveland.com. Bill Wills del WTAM-1100 e io di solito parliamo di cibo e bevande alle 8:20 del giovedì. E aspetta le 7:05 di ogni mercoledì per guardare “Beer with Bona and Much, Much More” con Munch Bishop il 1350-AM The Gambler. Cinguettio: @mbona30.

Fai un salto nel fine settimana e Partecipazione per Cleveland.comsettimanalmente “a CLE” Email newsletter, la tua guida essenziale alle migliori cose da fare a Greater Cleveland. Arriverà nella tua casella di posta venerdì mattina: un’esclusiva lista di cose da fare, incentrata sul meglio del fine settimana. Ristoranti, musica, film, arti dello spettacolo, divertimento in famiglia e altro ancora. Basta cliccare qui per iscriverti. tutti cleveland.com Le newsletter sono gratuite.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x