Roma 2, San Marino 0: Riepilogo partita

Ebbene, il diluvio di gol che ci aspettavamo di iniziare il nostro sabato non è mai arrivato. Nella seconda partita consecutiva, San Marino ha rifiutato di piegarsi ai capricci del gruppo di talentuosi attaccanti della Roma. Quando la partita della Roma contro San Marino una volta sembrava segnare un gol da quattro o cinque gol, il Principality Club ha effettivamente ridotto il divario tra le due squadre, limitando la Roma a “soli” cinque gol nelle due precedenti partite.

Anche se potrebbe sembrare una bella rimonta, tieni presente che la Roma ha segnato 13 gol contro la stessa squadra nel 2019-2020 e sta iniziando a ottenere un’indicazione di quanto sia “frustrante” con la vittoria per 2-0 di oggi contro San Marino. – certo, lo siamo sicuramente. Noi scegliamo, ma chi non ama la buona vecchia moda sabato mattina una favola?

Nell’anteprima della partita, abbiamo descritto questa partita del Round 17 come un’opportunità per Betty Pavagnoli di scherzare con la sua squadra. Con la breve storia di questa partita a favore della Roma, e senza nulla di veramente significativo in gioco, Pavanioli sarebbe stata scusata se avesse buttato in battaglia oggi al Tre Fontane alcuni dei più giovani della Roma.

Ma questo non era il caso. Lontano dalla campionessa della scorsa settimana Maria Panosic che ha iniziato con l’attaccante al posto di Paloma Lazaro, è stato come al solito per Pavanioli e Roma, la cui unica preoccupazione in formazione era il dolore al ginocchio del capitano Elisa Bartoli. E proprio come ha fatto lo scorso fine settimana contro Inter MilanPavagnoli ha allontanato Angelica Sophia dalla consueta posizione di terzino destro per sostituire Bartoli sulla sinistra, mentre a destra è partito il terzino sloveno Kaga Erzen.

A parte questo, la rosa della Roma era piuttosto standard: Annamaria Sertorini e Lindsay Thomas dietro le quinte, Manuela Giugliano, Vanessa Bernauer e l’ultima vincitrice del contratto, Claudia Secotti, sono a centrocampo. In difesa, Alison Swabi ed Elena Linari hanno tenuto la fortezza tra Erzen e Sofia.

READ  Limita il movimento per evitare la terza ondata

La Roma non è riuscita a trovare la rete tutte le volte che ci aspettavamo, ma la scelta di Pavanioli è stata semplicemente troppo per San Marino. I giallorossi non hanno creato occasioni come volevano, ma hanno dominato quasi ogni aspetto della partita: controllare il ritmo a centrocampo, sfruttare la velocità di Sertorini e Thomas per sfruttare i bordi del campo e privare il San Marino di tutto. Voltati grazie al gioco tranquillo di Linari e Swabi nelle retrovie, tanto che il portiere Camellia Cesar ha in gran parte fermato il pomeriggio libero, e raramente (se c’è) deve spostarsi fuori posto per affrontarla.

Il primo gol della Roma è arrivato quando Thomas e Sertorini sono arrivati ​​a sbloccare la situazione al 21 ‘. Con una mossa praticamente strappata dalla prima pagina del playbook di Pavagnoli, Thomas ha fatto esplodere il suo difensore sulla destra prima di infilare un pallone al centro dell’area di rigore. Sertorini è entrata in area di rigore nel momento esatto in cui la palla ha lasciato Thomas Foot, che ha sopraffatto il difensore e ha deviato la palla per scavalcare la portiera sammarinese Gloria Cecioli, che si sarebbe vendicata di lei nel secondo tempo, privando Sertorini del gol. Meraviglioso gruppo che continua a fare immersioni.

Ha giocato il resto del primo tempo senza chiare possibilità alle due estremità, ma con la Roma che ha vinto la battaglia per il possesso e sembrava completamente a suo agio nel farlo, i giallorosse non si sono mai sentiti in pericolo di perdere quella partita – fino al tempo di recupero.

Mentre entrambi i manager hanno apportato quattro modifiche nel secondo tempo, non ci sono stati infortuni di cui parlare né pause casuali per giocare, quindi non sono abbastanza sicuro di dove l’arbitro abbia trovato Christian Coudini altri quattro minuti, ma la sua stima era sul punto di ribaltare la Roma.

READ  L'auto aveva un malfunzionamento, è sceso e si è scontrato con un camion. 43 anni

Proprio come hanno fatto la maggior parte del pomeriggio, la Roma ha tenuto lo spettacolo nei minuti di recupero, ha mantenuto la palla in serie e ha fatto il giro di San Marino a suo piacimento … fino agli ultimi 30 secondi. Con la Roma aggrappata a un gol di vantaggio, San Marino ha gettato in attacco tutti e dieci i giocatori dello stadio, mettendo Giloros sotto pressione più di qualsiasi altro punto durante la partita.

Mentre la Roma lottava per rimuovere il pericolo nelle profondità della loro regione, Caja Irzen ha fatto un orribile giro in profondità nel territorio della Roma – ha perso il controllo della palla mentre cercava di allontanarsi dalla stampa sammarinese. In tal modo, è stato quasi spianato la strada a San Marino per strappare un pareggio dalle fauci della sconfitta.

Tuttavia, grazie alla indossabile Elena Linari, la Roma è riuscita a evitare un crollo tardivo e di fatto ribaltare la situazione su San Marino, poiché Agnese ha scelto Bonfantini in contropiede nel momento successivo. L’esterno destro della Roma ha giocato uno contro uno contro il Ceciole, dove l’ha superato facilmente per aggiudicarsi la vittoria ufficiale della partita, ottenendo la decima vittoria della Roma nelle ultime 11 partite.

Pensieri finali

Questa partita aveva tutti gli ingredienti per battere l’altra Roma, quindi diamo un po ‘di rispetto a San Marino qui; Sono rimasti bloccati lì Quasi Ha rubato un punto alla morte. La Panosic non è stata in grado di ripetere i suoi campionati dell’Inter dallo scorso fine settimana, apparendo in gran parte separata dal resto dell’attacco della Roma in 70 minuti sul campo, quindi non sono sicuro che Paloma Lazaro debba ancora preoccuparsi di perdere la sua posizione.

READ  La Chiesa finalmente! A 20 anni dal gol di suo padre Enrico, Federico dimostra di essere uno della Juventus prima pagina

Da Martina Piemonte e Luisa Pugnali durante la prima stagione della Roma ad Amalie Thestrup lo scorso anno, la Roma ha faticato a trovare consistenza nella posizione dell’attaccante, ma non è stato necessario guardare lontano per intravedere il potenziale futuro della Roma in quella posizione. Bastava infatti guardare dall’altra parte del campo la giovane donna con la 92esima maglia, Serena Landa in prestito dalla Roma.

La 19enne attaccante italiana non ha trovato la rete oggi, ma ha mostrato i barlumi della sua formidabile promessa. San Marino ha lottato per avere un impatto sulla linea di difesa della Roma, ma quando lo hanno fatto, di solito è stato grazie a Landa, che ha mostrato un livello di forza, visione e intelligenza tattica che smentisce i suoi 19 anni.

Più volte nel secondo tempo, Landa può essere visto schermare la palla da difensori imponenti come Swaby e Linari, e in un certo senso. residente Trovare il tempo e lo spazio per salvare i suoi compagni di squadra o scatenare bellissimi colpi curvi con il piede sinistro. È stato un impegno impressionante di Landa, che ha visto aumentare il suo tempo in campo in ognuna delle ultime cinque partite di San Marino.

La Roma ha un disperato bisogno di una posizione di attaccante e se la 19enne può sfruttare al massimo il suo prestito con il San Marino, dovrebbe stringere una partnership completa con Sertorini, Bonfantini, Gogliano e il resto della Roma. Da attaccanti U-23 nel prossimo futuro.

successivo

La Roma si prenderà una pausa internazionale di tre settimane prima della resa dei conti Fiorentina Il 17 aprile.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x