Romelu Lukaku: Perché l’attaccante del Chelsea sta lottando per reinventare Thomas Tuchel al meglio? | notizie di calcio

Romelu Lukaku potrebbe essere visto protestare con Hakim Ziyech mentre i giocatori di Chelsea e Brighton si sono diretti nel tunnel alla fine della prima metà della riunione di martedì allo stadio AMEX.

Gli ospiti erano in vantaggio grazie al tiro dalla distanza di Ziyech, ma è stata un’altra serata frustrante per Lukaku, qualcosa che sembrava aver conosciuto al suo compagno di squadra.

Il secondo tempo ha seguito uno schema familiare, sia per Lukaku, che è stato sostituito in ritardo dopo aver toccato palla solo 18 volte, sia per il Chelsea, che ha perso 13 punti dalle posizioni vincenti in questa stagione con un vantaggio in rete del Brighton.

Lukaku ha iniziato la stagione alla grande, segnando quattro gol nelle prime quattro partite dopo il trasferimento di 97,5 milioni di sterline dall’Inter ad agosto, ma un infortunio alla caviglia in ottobre ha ostacolato i suoi progressi ei mesi successivi non sono stati immediati.

Il belga ha espresso la sua frustrazione per l’approccio tattico del Chelsea in un’intervista a cielo in italia, per il quale si è scusato all’inizio di questo mese, ma domenica affronterà il Tottenham dopo aver segnato solo due gol nelle ultime 12 partite di Premier League. La sua forma è soggetta a controllo così come il modo in cui Thomas Tuchel lo usa.

Il ruolo di Lukaku cambia

L’intervista di Lukaku a cielo in italia Gli ha permesso di ricucire i rapporti con i tifosi del Chelsea, ma è stato comunque interessante sentire l’attaccante parlare candidamente.

I suoi commenti sul Chelsea hanno fatto notizia, ma all’Inter c’era molto da fare. Ha detto che il suo tempo lì “ha salvato la sua carriera” dopo un periodo difficile con il Manchester United. Il direttore Antonio Conte lo ha descritto come una “enorme influenza”.

Il successo del suo periodo in Italia, dove ha segnato 64 gol in 95 presenze in tutte le competizioni e ha aiutato l’Inter a vincere il suo primo titolo di Serie A in oltre un decennio, è stato in gran parte nel modo in cui Conte ha plasmato la sua rosa. .

Era destinato a giocare sui punti di forza di Lukaku. Conte raramente devia dal percorso del 3-5-2 e Lukaku ha stretto una formidabile partnership d’attacco con Lautaro Martinez. “Potrei morire per lui in campo”, ha detto Lukaku. cielo in italia internazionale argentino.

READ  Matilda attira il più grande pubblico televisivo per gli sport di squadra femminile nella storia australiana

Il sistema preferito di Tuchel è simile a quello di Conte, nel senso che comprende anche tre difese, ma c’è una differenza fondamentale in attacco, con Lukaku che solitamente funge da unico attaccante, affiancato da due attaccanti larghi, anziché da due avampiede.

Questo rappresenta un problema per Lukaku per diversi motivi.

In primo luogo, ciò significa che è tenuto a svolgere i compiti dell’uomo bersaglio, catturando il possesso con le spalle alla porta nelle aree centrali, mentre prende la palla e alimenta i corridori ai suoi fianchi.

È un ruolo che sembra fisicamente adatto a lui, ma non è un ruolo che gli piace.

“Il modo in cui sono costruito – sono così grande – tutti pensano che sia una specie di bersaglio: prendo solo la palla e tiro in porta”, ha detto in un’intervista alla UEFA pubblicata a ottobre .

“Ma non ho mai giocato in quel modo e lo odio. Il mio più grande punto di forza è che sono pericoloso quando affronto la porta, perché raramente prendo le decisioni sbagliate”.

La produzione di riprese di Romelu Lukaku è diminuita drasticamente in questa stagione
foto:
La produzione di riprese di Romelu Lukaku è diminuita drasticamente in questa stagione

Lukaku ha potuto giocare così all’Inter, affrontando la porta invece di scappare, anche per la sua forma offensiva, che ci porta al secondo motivo della sua partenza lenta al Chelsea.

La mancanza di attaccanti larghi all’Inter ha permesso a Lukaku di trascorrere più tempo nella sua posizione privilegiata di interno destro, dove può raccogliere il pallone in avanti e guidare verso la porta.

Molte delle migliori prestazioni della sua carriera provenivano da quella regione. Da lì ha distrutto l’Arsenal due volte, una con l’Everton nel 2014 e di nuovo con il Manchester United nel 2018, e ha fatto lo stesso con il Brasile con il Belgio nei quarti di finale della Coppa del Mondo 2018.

Disegno

Al Chelsea, la preferenza di Tuchel di schierare attaccanti di supporto, uno per lato, significa che le aree preferite di Lukaku sono solitamente occupate, limitando la sua libertà e lasciandogli meno opportunità di conquistare aree più profonde.

Invece, è spesso isolato.

READ  Jonathan Bradley: Maru Itogi ha ragione... il rugby ha bisogno di attirare nuovi fan, ma fallo promuovendo star come lui, non affidandoti agli spettacoli dell'intervallo

In questa stagione il 28enne, oltre a fare meno tiri e segnare meno gol rispetto all’Inter, fa meno tocchi di palla, fa meno passaggi e crea meno occasioni.

Vale anche la pena notare che, nonostante la sua scarsa partecipazione, Lukaku è molto competitivo Di più I duelli aerei – la sua media di 6,2 ogni 90 minuti, rispetto a 3,3 ogni 90 minuti dell’Inter la scorsa stagione – forniscono un’ulteriore prova di come il suo ruolo sia cambiato in quello di uomo bersaglio.

Mancanza di servizio e chimica

Lukaku non è irreprensibile nella sua lotta. Ci sono state opportunità perse costose, inclusa la sconfitta per 1-0 dello scorso fine settimana contro il Manchester City, dopo la quale Tuchel ha criticato il suo contributo.

“Avevamo otto o nove mosse offensive, ma non c’erano touchdown nell’area”, ha detto Tuchel. BT Sport. Ha aggiunto che Lukaku ha mostrato “una mancanza di concentrazione, tempismo e compostezza”.

Romelu Lukaku - Brighton-Chelsea
foto:
Romelu Lukaku ha lottato per avere un impatto ultimamente

“Certo che vogliamo servirlo, ma fa parte della squadra e, essendo al top, possiamo fare molto meglio”, ha continuato Tuchel.

“Lukaku a volte ha bisogno di servire, è incluso in questo. Ha subito molte sconfitte sulla palla in circostanze molto promettenti e ha avuto una grande opportunità”.

L’occasione persa di Lukaku quel giorno, quando ha scelto di nutrire Ziyech in anticipo piuttosto che spararsi, ha mostrato che la sua fiducia in se stesso era stata compromessa ma che le circostanze non lo hanno aiutato.

In 17 partenze da attaccante, Tuchel ha utilizzato 10 diverse combinazioni nella linea d’attacco del Chelsea. Lukaku è stato occasionalmente inviato al Front Two, ma anche allora l’identità del suo partner variava. È ben lontano dalla costanza e dalla stabilità che ha avuto al fianco di Martinez all’Inter.

Doran Tuchel è nato per necessità a volte, ovviamente, con Christian Pulisic, Kai Havertz, Seych, Mason Mount e Timo Werner che si sono infortunati in vari punti.

Ma il problema più grande è che nessuno di questi giocatori è stato in grado di esibirsi a un livello costantemente alto. Infatti, degli attaccanti del Chelsea in questa stagione, solo Mount e Callum Hudson-Odoi si collocano tra i primi 50 giocatori della Premier League in termini di opportunità create.

READ  Il calcio sta gradualmente usurpando il baseball a Cuba: rapporto

È presente anche Reece James, ma con lui e il collega terzino Ben Chilwell ora in disparte a causa di infortuni a lungo termine, la creatività del Chelsea in generale è peggiorata, così come il servizio con Lukaku.

Ha segnato una media di quasi quattro tiri ogni 90 minuti durante le sue prime quattro partite di Premier League in questa stagione. Da allora, ha fatto non più di due tiri in porta in una partita.

C’è una carenza di chimica così come il servizio.

I dati sui passaggi di Obta mostrano che Mount e il centrocampista Mateo Kovacic sono gli unici due giocatori che Lukaku colleziona regolarmente.

Sorprendentemente, Hudson-Odoi, Werner e Ziyech lo hanno trovato solo con 12 passaggi tra di loro in Premier League finora in questa stagione. Nel frattempo, Havertz non l’ha trovato una volta nonostante abbia iniziato quattro partite con lui.

Questa situazione lascia molto a Tochel a cui pensare. L’allenatore ha minimizzato la sofferenza di Lukaku dopo la partita del Brighton, dicendo “Romelo non è proprio il problema”, ma finché non troverà un modo per sfruttare i suoi punti di forza, il Chelsea potrebbe continuare a balbettare.

Tuchel: Lukaku non è l’unico su cui facciamo affidamento

Alla domanda specifica sulle lotte di Lukaku in vista del derby di questo fine settimana contro il Chelsea, Tuchel ha ammesso di ritenere che troppi riflettori sul belga fossero ingiusti.

“In realtà è il benvenuto, tutto qui”, ha detto. “Siamo sotto i riflettori, veniamo tutti giudicati e questo è su base giornaliera. È così, se sei un giocatore decisivo o stai giocando bene, queste persone parlano di te, e se tu’ no, parlare di te fa parte del lavoro, che ti piaccia o no.”

Tuchel ha aggiunto di non poter spiegare il livello di Lukaku, ma ha sottolineato che sta cercando anche altri giocatori per salire.

“Molto raramente nel calcio hai una situazione o un problema e questa è una soluzione, è sempre una combinazione di molte influenze.

“Era davvero più coinvolto e ha faticato, ci sono delle ragioni, ne abbiamo già discusso. È quello che è e non è l’unico su cui ci affidiamo durante le partite, quindi non è niente di speciale”.

Guarda la partita di Chelsea e Tottenham in diretta Sky Sport Premier League dalle 16:15 di domenica; La partita inizia alle 16:30

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x