Rossi fiducioso che la VR46 MotoGP si muova nonostante la confusione degli sponsor

All’inizio di quest’anno, un gruppo dell’Arabia Saudita guidato dal principe Abdulaziz, noto come Tanal Entertainment, ha annunciato di aver concordato un accordo con VR46 e il gigante petrolifero Aramco per portare una squadra russa in MotoGP dal 2022.

Tuttavia, in seguito Aramco ha rilasciato una dichiarazione ad Autosport secondo cui non esisteva un tale accordo di sponsorizzazione reale, cosa che si è ripetuta a giugno dopo che il CEO di Aramco ha tenuto diversi incontri sul circuito MotoGP di Assen per riaffermarlo.

Tunal Entertainment e Prince sono sempre stati irremovibili su un accordo, e Rossi ha detto in diverse occasioni che confida che tutto sarà risolto.

Ma a parte la VR46 che si unisce alla Ducati per il 2022, la formazione dei piloti e la partnership per il titolo devono ancora essere confermate ufficialmente.

Quando gli è stato chiesto venerdì a San Marino quando potrebbe essere possibile un annuncio del genere, Rossi ha detto: “Penso che faremo la squadra l’anno prossimo, sì, ma non so quando sarà ufficiale”.

L’incertezza ha dominato l’ultima stagione di Rossi in MotoGP e ammette che le continue domande su di lui sono state una “distrazione” per la sua prestazione.

Quando gli è stato chiesto da Autosport se la saga della VR46 ha gettato un’ombra nel corso dell’anno, Rossi ha dichiarato: “Per me, la più grande distrazione è rispondere a tutte le tue domande sulla squadra.

“È difficile per me perché perdo molto tempo a cercare di concentrarmi su di me come pilota, ma devo rispondere a molte domande sulla mia squadra per il prossimo anno.

READ  Il Festival del cinema ebraico (virtuale) di Albuquerque presenta film da tutto il mondo »Albuquerque Magazine

“Ma onestamente non lo so molto bene. Sto cercando di dare il mio supporto, ma sono molto concentrato sul resto.

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT

Foto di: oro e oca / foto di sport motoristici

“Non sono io a parlare, per capire l’ultimo aggiornamento sulla mia squadra il prossimo anno solo perché non lo seguo in diretta perché devo concentrarmi sulla guida.

“L’ho già detto 20 volte, ma continui a fare la stessa domanda. Cerco sempre di dirti quello che so ma, come ho detto, non ho le ultime notizie”.

Venerdì, Autosport ha riferito che la Yamaha stava cercando di passare alla Moto2 il prossimo anno per creare un pool di sviluppo di talenti per i futuri piloti della MotoGP.

Attualmente alla guida di una squadra nel campionato CEV Moto2 con Yamaha, Rossi ha confermato di aver parlato con il marchio giapponese in merito ai piani per il campionato mondiale Moto2, ma non sa quanto sia probabile una partnership a questo punto.

“La situazione in Moto2 non è ancora chiara per il prossimo anno”, ha detto Rossi.

“La situazione è già di due o tre anni con Yamaha [we have a team] Nel campionato CEV abbiamo una buona organizzazione per aiutare i giovani piloti Yamaha, che provengono principalmente dall’Asia, a migliorare.

Ho parlato con Lin [Jarvis, Yamaha boss], vogliono l’accesso a [Moto2] Motomondiale.

“Quindi stiamo parlando perché stiamo già insieme da due o tre anni.

“Ma non so cosa accadrebbe, se dovessimo fare il progetto insieme. Non lo so molto bene, ma la situazione attuale è questa.

“È possibile, ma non lo so.”

READ  "Pompei in miniatura" ritrovata sotto un ex cinema a Verona | Italia

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x