Saeed El-Fil: Il caso dei diritti umani davanti alla corte

La più alta corte di New York è stata nominata per determinare se Ha detto che un elefante asiatico di 47 anni vive nello zoo del Bronx, Viene imprigionato illegalmente.

The Non-Human Rights Project (NhRP), un’organizzazione senza scopo di lucro per i diritti civili che sostiene la personalità giuridica di grandi scimmie, elefanti, delfini e balene, Fece la sua prima petizione v lo zoo nel 2018 “per chiedere il riconoscimento della personalità giuridica di Happy e del suo diritto fondamentale alla libertà fisica e il suo rilascio in un santuario degli elefanti”.

Mercoledì la Corte d’Appello di New York ha ascoltato le argomentazioni di entrambe le parti a favore del rilascio di Happy dallo zoo. I rappresentanti sia del NhRP che del Bronx Zoo hanno detto alla CNN che il tribunale probabilmente emetterà una decisione nelle prossime quattro o sei settimane.

L’argomento legale NhRP ruota attorno all’idea di un habeas corpus, che protegge dalla reclusione illegale. Allo zoo del Bronx, sostengono, Happy è tenuto nell’equivalente dell’isolamento, che secondo loro è particolarmente crudele dato che gli elefanti sono creature altamente sociali che vagano per vaste distese di terra allo stato brado.

“È la natura della detenzione e la natura della specie” che rende le circostanze di Happy una violazione dell’habeas corpus, ha detto alla CNN Monica Miller, un avvocato di NhRP.

Happy, nato in natura nel 1971, è uno dei due elefanti asiatici attualmente tenuti nello zoo, che sono tenuti in recinti separati ma adiacenti e possono annusare, vedere e toccarsi con la proboscide attraverso il recinto. L’organizzazione sta spingendo affinché Happy venga trasferita in un santuario degli elefanti, dove dicono che avrà più spazio, come se fosse allo stato brado, e sarà in contatto sociale con altri elefanti.

READ  La Cina invia aerei da guerra verso Taiwan per il secondo giorno consecutivo

“presa [elephants] In cattività e confinati impedisce loro di impegnarsi in un comportamento normale e indipendente e può portare a artrite, osteoporosi, osteomielite, noia, comportamento stereotipato, “aggressivo, rigido e incapace di crescere”, ha affermato la ricercatrice di elefanti Joyce Ball nella petizione dell’organizzazione.

NhRP ha chiesto che Happy venisse rilasciato al The Elephant Sanctuary nel Tennessee o al Performance Sanctuary della Animal Welfare Society in California. Nessuno dei due gruppi appartiene a NhRP.

Ma lo zoo Hanno sostenuto il contrario nella loro risposta. Happy è in contatto con un altro elefante ed è accudito “da veterinari e appassionati di animali ben addestrati che trattano Saeed con rispetto e gentilezza”. Confermano che lo zoo è certificato e che Happy, come tutti gli animali residenti nello zoo, è protetto dall’Animal Welfare Act.

Inoltre, Happy e gli altri animali per conto dei quali NhRP ha citato in giudizio, non hanno richiesto la rappresentanza legale per NhRP, afferma lo zoo del Bronx. E lei non ne ha bisogno.

Lo zoo ha scritto che “la preoccupazione di NhRP è vincere una discussione legale, non ciò che è meglio per Happy”. In una dichiarazione generale. “Il NRP sta usando Happy nello stesso modo in cui ha usato gli animali in altri casi nei loro sforzi per capovolgere secoli di habeas corpus e imporre la propria visione del mondo secondo cui gli animali non dovrebbero stare negli zoo”.

Lo zoo sostiene che questo caso ha anche implicazioni legali più ampie. La citazione non è mai stata applicata agli animali non umani a New York, dice lo zoo, e questo aprirà la porta al caos legale e aumenterà la pressione sui sistemi dei tribunali statali.

READ  Lunga strada alla ripresa dopo l'uragano Ida | Notizie USA e Canada

“La modifica di questo concetto legale più fondamentale ha implicazioni non solo per gli zoo, ma anche per i proprietari di animali domestici, gli agricoltori, i ricercatori accademici, gli ospedali e, soprattutto, ogni essere umano che potrebbe cercare o aver bisogno di accedere al sistema giudiziario”, ha scritto lo zoo. .

Ma Miller, un avvocato di NhRP, afferma che il gruppo sta spingendo per una sentenza molto più restrittiva. Attualmente, ha detto, lo studioso di diritto “non ha spazio per distinguere tra un elefante e un bruco. In questo momento, Happy ha gli stessi diritti di una formica”.

Miller ha affermato che Happe “più simile a un essere umano ai fini del diritto alla libertà fisica”, sottolineando che la sentenza non aprirebbe necessariamente la porta ad altri animali come cani o bovini per ottenere i diritti umani. Secondo il NhRP, gli elefanti “condividono molte abilità cognitive complesse con gli esseri umani, come autocoscienza, empatia, consapevolezza della morte, comunicazione intenzionale, apprendimento, memoria e capacità di classificazione”, rendendoli unicamente meritevoli del diritto a un habeas corpus.

Happy è stato specificamente utilizzato come modello per l’intelligenza degli elefanti: studio 2006 In termini di autocoscienza animale, Happy si è trovata in grado di riconoscersi in uno specchio, per la prima volta rispetto alla sua specie.

Il caso si basa anche sulla storia legale della citazione. Storicamente, un atto di habeas corpus è stato utilizzato per liberare gli schiavi in ​​Inghilterra e negli Stati Uniti, anche nei momenti in cui gli schiavi non avevano personalità giuridica. Pertanto, afferma l’organizzazione, esiste un precedente per l’habeas corpus utilizzato per concedere la libertà a coloro che non hanno personalità giuridica, come gli elefanti.

READ  5 cose da sapere su CTVNews.ca per lunedì 22 novembre 2021: il Parlamento torna, si schianta la parata di Natale, inondazioni nella Columbia Britannica

Proprio l’anno scorso, il Regno Unito ha approvato un disegno di legge Riconoscere ufficialmente gli animali come “esseri sensibili”Parte di un pacchetto sul benessere degli animali che includeva anche progetti di legge che vietavano la maggior parte delle esportazioni di animali vivi e l’importazione di trofei di caccia. La citazione è stata utilizzata nel 2016 per liberare uno scimpanzé di nome Cecilia in Argentina da uno zoo e trasferirlo in un santuario in Brasile, afferma NhRP .

Ma simili sforzi legali negli Stati Uniti sono falliti. Nel 2017, la Corte d’Appello di New York Rifiuto di citazione Per Tommy lo scimpanzé, uno dei “clienti” di NhRP. La corte, nonostante la loro intelligenza, ha deciso che gli scimpanzé non erano in grado di svolgere compiti legali e che questi casi sui diritti degli animali erano più rilevanti per il processo legislativo che per una causa. Lo zoo ha affermato che più di 20 giudici si sono pronunciati contro Happy e casi simili.

“Al Bronx Zoo, ci concentriamo su ciò che è meglio per la persona felice, non in generale, ma come individuo con una personalità unica e distinta”, ha affermato lo zoo nella sua dichiarazione.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x