Salvare l’Afghanistan: una baronessa britannica salva le donne giudici

ATENE, GRECIA – Una mattina di settembre, la baronessa Helena Kennedy era nella sua casa nel nord di Londra quando ricevette una chiamata urgente da un giudice afghano. Kennedy, un importante avvocato per i diritti umani e membro della Camera dei Lord del Regno Unito, stava pianificando la fuga del giudice con altri 25 colleghi e le loro famiglie.

Una donna si rifiutava di partire senza il marito, al quale era stato negato l’imbarco perché il suo passaporto era scaduto.

Con il suo titolo nobiliare di baronessa, il giudice inizialmente pensava che Kennedy fosse imparentata con la regina e potesse tirare le fila. Kennedy le disse: “Se te ne vai ora e prendi i bambini, farò tutto ciò che è in mio potere per tirarlo fuori”. Ma può garantirlo? Ha detto al giudice: “No”. L’intera famiglia è rimasta indietro. Kennedy mise giù il telefono e pianse, così come il giudice che si trovava vicino a un aereo noleggiato all’aeroporto internazionale di Mazar-i-Sharif in Afghanistan con otto posti vuoti.

E per anni, queste donne hanno protetto lo stato di diritto in Afghanistan e lo hanno fatto sapendo che i loro aspiranti combattenti sarebbero stati ricompensati dai talebani, che hanno distribuito ricompense e ricompense a chiunque le avesse uccise, anche prima che riprendessero il potere. Con i talebani che hanno ripreso il controllo e i prigionieri rilasciati, le donne giudici e pubblici ministeri coinvolte nelle loro condanne hanno iniziato a ricevere chiamate per consegnare questo messaggio: “Ti stiamo cercando”.

Dal suo ufficio nella sua casa di Londra, Kennedy ha spiegato da dove provenivano i soldi e come lei e il suo piccolo team presso l’Istituto per i diritti umani dell’International Bar Association erano diventati una sorta di centro per gli sfratti.

READ  Serbia e Kosovo criticano le relazioni diplomatiche tra Israele e Kosovo | Israel News

Sebbene la baronessa non sia reale, è imparentata. Una delle donazioni più grandi è arrivata da un filantropo canadese, con 300.000 dollari. Anche una celebrità del Regno Unito ha contribuito molto, ma nessuno dei due ha voluto rendere pubblico il proprio nome. Ciascuno dei tre aerei noleggiati dalla Baronessa è costato 700.000 dollari. Sul campo, anche i soldi hanno aiutato: Kennedy ha comprato una pecora come regalo di nozze per la figlia del leader talebano, un gesto di buona volontà che ha facilitato il passaggio sicuro.

Abbiamo dovuto cancellare le nostre anime

Giudici e avvocati hanno dovuto recarsi da case sicure all’aeroporto di Mazar-i-Sharif, nel nord del Paese.

Ci sono persone che non chiameresti, ha detto, “persone meravigliose e senza nome sulla Terra, che hanno fornito un livello di sicurezza”. Per evitare problemi ai posti di blocco, alle donne è stato chiesto di cancellare tutte le foto di se stesse con indosso la toga nera dei giudici. “Dovevamo cancellare le nostre vite”, mi ha detto qualcuno. Ma ci sono certe cose che non possono lasciar andare. Il giudice Zahra Heidi, 28 anni, incinta del suo primo figlio, ha raccontato di come ha nascosto il telefono nel reggiseno e si è seduta per la sua testimonianza in macchina, credendo che i talebani non le avrebbero chiesto di uscire. non l’hanno fatto.

Lo schema includeva anche la negoziazione con il controllo del traffico aereo e, infine, l’ottenimento del permesso per consentire alle persone di lasciare il paese con solo il proprio documento d’identità. Ciò significa che la famiglia che è rimasta sul primo volo è stata in grado di guidare il secondo.

READ  Autobomba ferisce 13 peacekeeper delle Nazioni Unite in Mali | Finanziario

destinazione? Atene. L’attraversamento dello spazio aereo iraniano si è rivelato troppo complicato: hanno invece trovato una rotatoria attraverso la Georgia.

Kennedy persuase il presidente della Grecia, lei stessa avvocato ed ex giudice, a farli entrare. Ha dichiarato senza esitazione di aver “pregato, preso in prestito e rubato” i soldi necessari per pagare il loro soggiorno.

“Questo è il momento per Schindler’s List”, ha detto Kennedy. “Spero che verrà un momento in cui potrò dire ‘queste sono le persone che mi hanno aiutato'”, ha aggiunto.

Con le elezioni canadesi ormai finite e un nuovo gabinetto istituito, spera che l’aiuto arrivi dal ministro canadese per l’immigrazione Sean Fraser, che ha ottenuto un elenco di tutte le donne che Kennedy sta aiutando, in attesa del reinsediamento.

Ha spiegato: “Il Canada ha una grande tradizione di risposta alle crisi umanitarie, faccio davvero appello al governo canadese affinché prenda parte della mia famiglia”.

Irlanda, Islanda, Germania e Australia sono tra i Paesi che hanno già alzato la mano.

Dopo più voli, quasi 80 donne e le loro famiglie – più di 400 in totale – sono ora ad Atene, sperando che un paese apra le sue porte in modo permanente. Ma quelle sono solo le persone che Kennedy e il suo team hanno aiutato.

Le ONG e altri individui che hanno anche esercitato pressioni sul governo greco sono stati in grado di coinvolgerne altre centinaia, comprese le donne parlamentari che hanno trovato rifugio nella rete Melissa, un’organizzazione di donne migranti e rifugiate con sede ad Atene.

Si ritiene che il 40% della rappresentanza femminile nel parlamento afghano sia ora in Grecia. Mentre aspettano che un paese li prenda, i loro incontri nella rete di Melissa si concentrano sulla creazione di quello che chiamano un parlamento parallelo.

READ  I parlamentari della California che hanno sparato a un uomo che stava presumibilmente camminando fuori strada hanno discusso se fermarlo

“Vogliamo creare un’organizzazione in modo da poter difendere e lavorare per le donne afghane in Afghanistan, sotto il nome di Afghan Women Parliamentarians”, mi ha detto Shagofa Noorzai. È la più giovane deputata al Parlamento afghano.

“Ascolta, ascolta, le donne di tali professioni, che non sono sposate con uomini che sono loro stesse (…) si trovano anche (…) anche giudici, avvocati e professionisti”, ha detto senza mezzi termini la baronessa Kennedy, “questi sono i persone che contribuiranno maggiormente a qualsiasi nazione che li abbia ricevuti.'”

Il governo greco dice che vorrebbe vederlo stabile prima di Natale.

La baronessa Kennedy dice che vorrebbe organizzare un altro viaggio, ma le mancano i soldi.

“Questa è la cosa reale e dobbiamo aiutare queste persone”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x