Sams Technology, startup IIT che combatte la contraffazione di prodotti farmaceutici e alimentari

Crea tracciabilità standard e tag non convenzionali per combattere la contraffazione creando un Digital Twin per ogni prodotto nella Blockchain. Il progetto è stato premiato nella categoria Information and Communication Technology del National Innovation Award

Tecnologia Sams

Il progetto Sams Technology Entrepreneurship, nato nel 2017 presso la sede dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Milano, Centro di Nanoscienze e Nanotecnologie (CNST), si è aggiudicato la categoria Information and Communication Technology nella diciottesima edizione del Pni – Premio Nazionale Innovazione. Questo è il concorso di riferimento a livello nazionale per i progetti di startup del mondo della ricerca italiano. Nell’edizione di quest’anno, 65 progetti imprenditoriali hanno gareggiato per 4 premi di settore da 25.000 euro ciascuno per le categorie Industria, Tecnologia pulita, Energia, Scienze della vita e Ict.

Come funziona la tecnologia Sams

Sams Technology mira a reimpostare lo standard per l’anticontraffazione e la tracciabilità nel settore del packaging. Riferimento specifico al packaging primario della filiera farmaceutica e alimentare. Ad esempio? Far scorrere i materiali direttamente al suo interno senza danneggiarne la superficie; Dai un’identità unica e immutabile a ogni singolo prodotto durante l’intero ciclo di vita con una soluzione “phygital”. Cioè è in grado di creare un legame “fisico -> digitale” indelebile della sua produzione.

La forza innovativa della tecnologia Sams è la creazione di tracciabilità standard ed etichette non convenzionali per l’anticontraffazione. Creando un Digital Twin per ogni prodotto tramite Blockchain. Trasformando le cose per natura in cose integrate digitalmente lungo la catena di fornitura.

Lotta alla contraffazione

Obiettivo del progetto startup IIT, infatti, è combattere la contraffazione, la mancanza di trasparenza e la piena tracciabilità nella filiera farmaceutica e alimentare. Il mercato dei farmaci contraffatti è enorme e comporta perdite dirette per le aziende e danni ai marchi. Ma ha anche conseguenze indirette, soprattutto per quanto riguarda la salute pubblica. Lo stesso problema nel settore alimentare ha portato all’ormai noto fenomeno del falso “Made in Italy” da oltre 60 miliardi di dollari (fonte Coldiretti).

READ  Si dice che Nintendo porterà i giochi Game Boy e Game Boy Color su Switch Online

Controlla il singolo prodotto

“Vogliamo combattere la contraffazione di medicinali e prodotti alimentari, facilitare i produttori di imballaggi e le aziende farmaceutiche e alimentari e aumentare il valore aggiunto della produzione industriale”, ha affermato Matteo Botti, Ricercatore IIT e CEO di Sams Technology. “Con la nostra tecnologia, possiamo assegnare un identificatore univoco a ogni singolo prodotto di confezionamento, potendo così controllare non l’intero gruppo ma il singolo prodotto, da un’ottica di industria 4.0 e una catena di produzione trasparente e ottimizzata”.

Opportunità per i ricercatori

Guglielmo Lanzani, Direttore del Centro IIT di Milano, conclude: “Sams Technology è la quinta iniziativa di start-up del Centro IIT di Milano, a dimostrazione che crediamo nell’importanza del trasferimento tecnologico”. “Le startup sono un’opportunità per i giovani PhD e Postdoctoral di applicare i propri studi e lavorare. Sono contento dell’ottimo risultato di Sams Technology che spero sia l’inizio di un forte percorso imprenditoriale”.

Sams Technology Team

L’impresa imprenditoriale Sams Technology è attualmente alla ricerca di investitori e prevede, con finanziamenti adeguati, di poter avviare la produzione entro 18 mesi. L’età media del team è di 36 anni ed è composto da: Matteo Botti, Ricercatore IIT (CEO), Luigino Criante, Ricercatore Tecnico IIT e Responsabile Strutture (Supervisore Scientifico), Marcelo de Costa, Technology, Innovation, Business and Strategy Consultant (Business Educator).

Fino Neri

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x