San Marino lancia la dose di richiamo di Sputnik Lite il 22 dicembre – Società & Cultura

Roma, 11 dicembre. Franco Cavalli, un rappresentante dell’Istituto di sicurezza sociale di San Marino, ha dichiarato sabato a un giornalista della TASS che le autorità della Repubblica di San Marino inizieranno a utilizzare il vaccino russo Sputnik Lite come dose di richiamo il 22 dicembre.

“I primi scatti che utilizzeranno Sputnik Light come colpo di richiamo si svolgeranno a San Marino il 22 dicembre e quasi 300 persone si sono già registrate”, ha affermato.

Il 23 novembre, il Fondo russo per gli investimenti diretti (RDIF) ha riferito che le autorità sammarinesi avevano approvato il vaccino Sputnik Lite monocomponente. Le prime 4.000 dosi del punch sono arrivate nella repubblica più tardi a novembre.

Nel febbraio 2021, le autorità locali hanno stretto un accordo con l’RDIF per la consegna del vaccino contro il coronavirus Sputnik V che non solo ha permesso di immunizzare la popolazione locale di poco più di 30.000 entro maggio, ma ha anche lanciato il turismo vaccinale. Secondo il funzionario, ad oggi, 2342 attacchi Sputnik sono stati dati agli alieni. Ha sottolineato di “non aver notato effetti collaterali gravi” tra i vaccinati con il vaccino russo.

Il fatto che lo Sputnik V non sia stato approvato dall’Agenzia Europea dei Medicinali non ha consentito ai residenti locali di ottenere un certificato di vaccinazione riconosciuto in Italia e in altri Paesi europei. Il governo italiano stava permettendo loro di rinviare la presentazione della prova della vaccinazione. Secondo l’ultimo decreto emanato dal Ministero della Salute italiano, tutti i vaccinati con Sputnik V riceveranno un certificato di vaccinazione se riceveranno una terza dose di qualsiasi vaccino a base di mRNA, come quelli realizzati da Pfizer e Moderna. Secondo il funzionario, nella repubblica, “ad oggi sono state somministrate più di 5.600 dosi di richiamo, cioè preparati di mRNA (Pfizer)”.

READ  Il tennis femminile sammarinese batte La Cañada e vince il titolo CIF-SS Division 1 - Pasadena Star News

Secondo l’RDIF, l’efficacia di Sputnik a San Marino ha raggiunto l’80% 6-8 mesi dopo la somministrazione del secondo componente, che è superiore rispetto ai dati di efficacia pubblicati ufficialmente per i vaccini a base di mRNA, ha sottolineato in precedenza il presidente dell’RDIF Kirill Dmitriev.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x