― Advertisement ―

spot_img

Google conferma Pixel 9 Pro Fold con un video teaser

Google ha confermato in un video teaser che la sua prossima linea di smartphone include un nuovo modello pieghevole. L'azienda ha definito Pixel...
HomeTechScandalo Horizon IT: la BBC sfida l'ex avvocato delle Poste

Scandalo Horizon IT: la BBC sfida l'ex avvocato delle Poste

Spiegazione video, Ha interrogato l'ex avvocato dell'ufficio postale Jane McLeod sulla mancata partecipazione all'inchiesta

  • autore, Auto dell'isolotto
  • Ruolo, Corrispondente d'affari, Londra

L'avvocato più anziano dell'ufficio postale è stato sfidato quando ha combattuto il caso storico portato da Alan Bates e altri subpostmaster da BBC News in Australia, dopo aver rifiutato di comparire all'inchiesta pubblica sullo scandalo Horizon.

Il team della BBC ha interrogato Jane McLeod, che è stata consigliere generale dell'ufficio postale tra il 2015 e il 2019, mentre portava a spasso il suo cane fuori dalla sua casa a Sydney.

Ha risposto “nessun commento” quando le è stato chiesto perché non era presente. Avrebbe dovuto testimoniare questa settimana.

“Non è sorprendente, ma la dice lunga”, dice Joe Hamilton, uno degli ex direttori delle poste che è stato ingiustamente condannato. Ha aggiunto: “Se fosse stata determinata ad aiutare con le indagini, sarebbe stata lì”.

“Testimone importante”

Jane Macleod è nata in Australia ed è tornata a vivere lì nel 2020.

Il mese scorso, Sir Wayne Williams, presidente dell'inchiesta informatica dell'ufficio postale di Horizon, ha rivelato che, sebbene la signora McLeod avesse rilasciato una testimonianza, aveva deciso di non fornire prove orali, nonostante le fosse stato chiesto di farlo.

Dall'inchiesta è emerso che la ragione, fornita dagli avvocati della signora McLeod, era che, nel tempo, lei aveva considerato la sua dichiarazione scritta la migliore prova che poteva fornire.

Da allora, la signora MacLeod non ha risposto alle richieste di commento della BBC.

Sir Wayne ha detto che anche prima di vedere la sua testimonianza scritta, aveva deciso che la signora McLeod era una “testimone importante” che voleva ascoltare di persona.

Ha aggiunto che, nonostante si fosse offerta di coprire le spese di viaggio e alloggio, la signora McLeod aveva chiarito che non avrebbe collaborato alle indagini fornendo prove orali, né di persona né tramite collegamento video.

Tuttavia, Sir Wayne ha spiegato che le sue opzioni per costringerla a partecipare erano limitate perché lei vive all'estero.

Secondo l'Inquiries Act del 2005, i testimoni possono essere legalmente obbligati a testimoniare, ma ciò si applica solo ai cittadini del Regno Unito.

Nella sua dichiarazione scritta all'inchiesta, la McLeod afferma: “Sono pienamente consapevole che le decisioni in cui sono stata coinvolta durante il mio periodo presso Post Office Limited in relazione alla controversia legale collettiva e all'indagine sulle prestazioni e sulla forza di Horizon hanno avuto implicazioni per numerosi vicecapi delle poste e le loro famiglie.”

E aggiunge: “Mi dispiace che ciò sia accaduto e mi scuso con coloro che sono stati gravemente colpiti per le conseguenze negative che hanno subito”.

'Totalmente sbagliato'

Jane MacLeod è stata il consigliere generale dell'ufficio postale per il periodo in cui si è scontrato con i sub-direttori delle poste in tribunale nella storica controversia guidata da Alan Bates.

Presentando prove il mese scorso, l'ex direttrice delle poste Paula Fennells ha nominato Jane McLeod come uno dei dirigenti senior di cui si fidava per fornire le sue informazioni – quando Sam Stein KC le ha chiesto di elencare coloro che l'avevano delusa.

La signora Fennells ha anche raccontato di aver chiesto alla signora McLeod perché stavano continuando la causa contro i sub-postmaster, cosa che secondo lei era “completamente sbagliata”.

Ha detto all'inchiesta che dopo aver inizialmente suggerito che l'ufficio postale avrebbe probabilmente risolto i casi, il punto di vista della signora McLeod era che un caso in tribunale fosse “l'unico modo per risolvere questo problema”.

A marzo, in risposta alla storia, Jane Macleod ha rilasciato una dichiarazione alla BBC affermando di sostenere e assistere l'inchiesta pubblica in corso sullo scandalo dell'ufficio postale.

READ  Fate/Samurai Remnant pubblica il suo primo DLC.