― Advertisement ―

spot_img

Studio: la Via Lattea potrebbe essere più grande del previsto

Kunming, 12 luglio 2020 (Xinhua) -- Gli scienziati hanno affermato che la Via Lattea potrebbe essere più grande di quanto precedentemente previsto e avere...
HomescienceSe non ci riesci all'inizio... persevera!

Se non ci riesci all’inizio… persevera!

Come discusso nel blog della scorsa settimana, il team scientifico ha cercato di ottenere un campione dall’unità di roccia bitorzoluta in cima al conoide nel cratere Jezero. Il primo tentativo ha prodotto un campione purtroppo troppo piccolo e il secondo tentativo non ha avuto successo. Perché è così difficile campionare questa roccia e perché siamo così determinati a prenderne una?

La roccia conglomerata è di particolare interesse per il team scientifico perché è composta da molte rocce scistose. Questi grumi distinti si cementano insieme nel tempo per formare l’agglomerato. Ancora più importante, queste faglie sono state probabilmente trasportate nel cratere Jezero da molto lontano. L’analisi delle distinte crepe e cementiti catturate in un campione di conglomerato darebbe informazioni sulla provenienza di questi materiali, quanto lontano hanno viaggiato e com’era l’ambiente marziano, sia quando si sono formati i gusci sia quando si sono formate le rocce del conglomerato.

Quelle caratteristiche succose e grumose sono anche ciò che li ha resi difficili da assaggiare: sono friabili! I blocchi sembrano tenuti insieme da una matrice di sedimenti a grana fine e cemento minerale. Quando il rover ha tentato di campionare questa roccia, il microarray probabilmente si è frantumato e ha causato il collasso della roccia. Tuttavia, a causa del merito scientifico di ottenere un campione da questo conglomerato, il team ha ritenuto prioritario riprovare… e ancora.

E la terza volta è stata magica! Il rover ha acquisito con successo un campione (nella foto sopra) del conglomerato a Otis Peak. Osservando da vicino questa immagine del sample proveniente da CacheCam, si possono notare alcuni colori distinti, che indicano diverse combinazioni, presenti nel sample. Ogni roccia conterrà elementi e minerali che potrebbero raccontare agli scienziati la storia dell’acqua e delle rocce nel cratere Jezero. Con un altro esemplare di successo nella pancia, Perseverance e il team scientifico stanno ora guardando verso il viaggio verso Snowdrift Peak sulla strada per l’unità marginale.

READ  Gli amanti dei cani Windsor sono in allerta per una nuova malattia canina