Sei ore, rumorose e “incatenate” al muro: così dormono gli astronauti nello spazio

Non è facile dormire nello spazio. La microgravità influisce sulla capacità di riposare orizzontalmente, quindi gli astronauti devono adattare metodi diversi per rimanere stabili.

Ogni posto letto sulla Stazione Spaziale Internazionale ha le dimensioni di una cabina telefonica, con oggetti diversi. La cosa principale è un sacco a pelo che può essere posizionato sul muro.

Con la microgravità, “gli astronauti sono ‘senza peso’ e possono dormire in qualsiasi direzione”, afferma la NASA. “Tuttavia, devono resistere in modo da non galleggiare e colpire qualcosa”.

Hanno anche un cuscino, una lampada, una presa d’aria, un laptop personale e un posto per oggetti personali come La NASA lo mostra nel video qui sopra.

Chi non vuole dormire nella sua stanza Puoi installare il sacco a pelo sul pavimento, sul soffitto o su qualsiasi altra parete.

Ogni sacco a pelo contiene un cuscino rigido per la pressione sulla schiena.

Il rumore della stazione è un’altra sfida per gli astronauti nello spazio

Sebbene a ogni astronauta vengano assegnate otto ore di sonno, la solita cosa è che in sei ore si è già riposato. Secondo l’Agenzia spaziale canadese, Alcuni specialisti sono del parere che il corpo si stanchi meno rapidamente in assenza di peso, Perché i muscoli non devono lavorare tanto quanto lavorano sul pavimento.

La cosa più fastidiosa per molti non è il sonno fluttuante, ma il rumore della stazione spaziale. Rimanendo sempre in silenzio, la mancanza di silenzio può influire sull’equipaggio. Per questo motivo, molte persone usano i tappi per le orecchie durante il sonno.

READ  Tutti i sistemi sono sottoposti al test "super moon rocket" della NASA. Perché sono stati nascosti così tanti dettagli a riguardo?

Un’altra curiosità è che il loro schema di sonno è influenzato dall’alba che possono osservare ogni 90 minuti. Mentre la Stazione Spaziale Internazionale orbita attorno alla Terra, Gli astronauti possono vedere il sole sorgere e tramontare 16 volte ogni 24 ore.

Per spostarsi e lavorare, gli equipaggi utilizzano l’ora di Greenwich, quindi i centri di controllo di Houston e Mosca devono impegnarsi a stare all’erta per orari di apertura insoliti nei loro locali.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x