Sempre per le loro rose, clip riconoscente dei Deadheaders di Huntington Botanical Gardens da battere – Daily News

Scritto da Brandon Black, scrittore collaboratore

Negli ultimi anni della battaglia di sua madre contro il cancro, Gloria Sierra ha portato Maria Concepción Celia de Romo al curatissimo roseto della Huntington Library a San Marino. Sebbene sia effimero, c’era consolazione nella sua bellezza.

Un giorno guardarono con interesse un vecchio che correva in ginocchio in un letto di rose. Le sue mani si muovono armoniosamente lungo gli steli, tagliando metodicamente la vecchia infiorescenza. Sierra gli ha gentilmente chiesto cosa stesse facendo. Voltando le spalle verso di loro, rispose: “Sono morto, tesoro”, e continuò a tagliare i fiori di rosa morta dal cespuglio.

Più di un decennio dopo, Sierra ricorda ancora le azioni dell’uomo, in netto contrasto, all’epoca, con i suoi sentimenti vuoti: la bellezza.

Ha detto: “Ero così invidiosa, e mi è rimasta impressa”.

Tre anni dopo la morte di Maria nel 2006, Sierra, un’insegnante in pensione che ha trascorso 30 anni nel distretto scolastico unificato di Los Angeles, ha guidato il suo dolore facendo volontariato a Huntington Rose Garden con il film “Grateful Deadheaders”.

Ha detto: “Dovevo essere vicino a mia madre dopo la sua morte, ed è qui che sono scappata, perché mi sentivo più vicina a lei”.

Tutto l’anno, un gruppo affiatato di 44 lavoratori a settimana, scintillante di fiori sacrificabili che promuovono la ricrescita e la vitalità generale della pianta. A gennaio, i Grateful Deadheaders potano meticolosamente ogni ramo di ogni arbusto in preparazione per la fioritura primaverile. Lo fanno con entusiasmo.

“È anche soddisfacente prendere un arbusto che è cresciuto enormemente durante tutto l’anno e rimetterlo nella sua struttura di base e sapere che sarà fantastico in pochi mesi”, ha detto Cynthia Conant, che ha iniziato a fare volontariato nel 2015.

Tom Carruth, curatore del gruppo di rose di Huntington, ha detto che il gruppo ha preso il nome dai volontari del Municipal Rose Garden di San Jose. Nel 2007 e nel 2008, a fronte di tagli al budget e di un parco fatiscente, la città di San Jose ha scelto di rimuovere il parco di cinque acri e mezzo. Centinaia di volontari si sono fatti avanti per far rivivere i fiori consumati. Una delle sue misure salvavita più importanti: la morte.

Per tre giorni alla settimana, i volontari che indossano maschere indossano jeans e pantaloncini esterni, indossano cappelli a tesa larga e guanti robusti, si dividono in gruppi in base al loro giorno specifico e decapitano in un’area del parco che ruota con ogni gruppo. Villarreal.

Il capo giardiniere tecnico ha affermato che Helping Hands, obbligato a lavorare 12 ore al mese, consente a lui e al suo partner, Daniel Oliveira, di affrontare altri compiti come i bordi delle aiuole, annaffiare prati e fiori e sostituire le rose antiche con rose più piccole. . “Tutti sentono di contribuire a qualcosa”, ha detto.

Si stima che 2.500 rose (più di 1.300 varietà coltivate) siano piantate in tutto il roseto di tre acri con rose profumate intenzionalmente situate vicino all’ingresso. I fiori della prima stagione sono ora al loro apice.

Lo scorso marzo, l’Huntington Hotel ha chiuso temporaneamente al pubblico le sue gallerie e i suoi parchi. Sulla scia della prima fioritura della stagione, Carruth e il suo team si sono dati da fare per recuperare il margine di flessibilità extra. Il personale di altri parchi si è affollato e pochi volontari selezionati per potare le rose.

READ  Il puzzolente 'fiore cadavere' di San Marino risplende al Museo di Los Angeles

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x