Shock e rabbia per il Tigray racconta “gravi crimini” delle forze eritree | Notizie di Abi Ahmed

Mikkeli, Etiopia – Il 4 dicembre è un momento che riempie di orrore la Gioconda Abraha. La diciottenne racconta che i soldati eritrei sono entrati nel suo villaggio, Tembin, nella regione assediata del Tigray in Etiopia.

Hanno cercato di violentarmi, quindi sono stato gettato a terra. Poi, uno dei soldati mi ha sparato per spaventarmi, ma mi ha colpito la mano e poi ha sparato un altro proiettile che mi è penetrato nel braccio “, ricorda Abraha dal suo letto d’ospedale alla periferia di Mikkeli, la capitale del Tigray.

“Stavo sanguinando per ore. Poi il mio braccio è stato amputato”, prima che lei crollasse in lacrime.

L’account Abraha è uno dei pochi resoconti emersi dal conflitto segreto nel Tigray, dove le comunicazioni sono state interrotte per diverse settimane e l’accesso ai media è stato severamente limitato prima di essere allentato un po ‘di recente. Al Jazeera ha ora ottenuto un accesso raro e sentito da testimoni oculari e sopravvissuti che affermano di essere stati gravemente maltrattati dalle forze eritree.

Dopo mesi di tensione, il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha ordinato all’inizio di novembre un’offensiva aerea e terrestre nel Tigray per rimuovere il partito al governo della regione, il Fronte di liberazione popolare del Tigray, a seguito degli attacchi ai campi dell’esercito federale. Il Fronte di liberazione popolare del Tigray, che ha dominato la politica etiope per decenni fino a quando Abiy è salito al potere nel 2018, ha condotto una guerra brutale con l’Eritrea tra il 1998 e il 2000.

Testimoni, sopravvissuti e residenti hanno detto ad Al Jazeera che le truppe dell’Eritrea hanno commesso crimini orribili dopo essere entrate nel Tigray per sostenere l’esercito etiope contro il loro vecchio avversario.

READ  Nelle immagini: dimostrazioni di massa che investono la Russia | Notizie dalla Russia

Saba, una donna sfollata di Mai Kadra, ha detto ad Al Jazeera: “Alcune delle ragazze e io siamo riuscite a lasciare il villaggio, ma per strada siamo state arrestate dai soldati eritrei”. “Più di 10 soldati si sono alternati violentandoci”.

Un’altra donna sfollata di Mai Kadra ha detto: “Mio marito è stato ucciso nel nostro villaggio” e ha incolpato le forze eritree, prima di appellarsi a: “Di ‘al mondo che stiamo morendo”.

Mai Kadra, nel Tigray occidentale, è stato anche il luogo in cui circa 600 civili sono stati uccisi nel massacro del 9 novembre attribuito a un gruppo di giovani tigrini, nonché alla polizia locale e ai miliziani.

Il massacro di Axum

L’Eritrea e l’Etiopia hanno negato la partecipazione delle forze eritree al conflitto, che si ritiene abbia ucciso migliaia di persone, sfollato centinaia di migliaia e provocato enormi carenze di cibo, acqua e medicine. Ma i testimoni hanno stimato il numero di soldati eritrei A migliaia, mentre Al Jazeera ha scattato foto di camion con targa eritrea nel Tigray che trasportavano soldati.

Anche membri di spicco del governo ad interim nominato dallo stato nel Tigray hanno riconosciuto la presenza di truppe eritree e le accuse di saccheggi e omicidi.

Il Fronte di liberazione popolare del Tigray ha attaccato l’esercito del governo federale [Tigray] Mulu Nega, il governatore ad interim della regione del Tigray, ha detto ad Al-Jazeera, che ha rivelato la loro posizione e l’ingresso delle forze eritree. “È successo contro la nostra volontà.”

Amnesty International ha affermato in un rapporto la scorsa settimana che centinaia di civili sono stati massacrati dai soldati eritrei nella città di Axum a novembre, il che equivale a una “serie di violazioni dei diritti umani e del diritto umanitario”.

READ  Covid, come funziona la giornata della vaccinazione 27 dicembre. Germania, Slovacchia e Ungheria hanno già iniziato

Il rapporto afferma che il massacro è stato commesso in modo “coordinato e sistematico” al fine di “terrorizzare e soggiogare la popolazione” e può costituire un crimine contro l’umanità.

I suoi risultati si basavano su 41 interviste a testimoni e sopravvissuti al massacro, tutti di etnia tigrata.

Jean-Baptiste Gallopin, l’autore del rapporto, ha detto ad Al Jazeera: “Le forze eritree hanno chiamato [for] I rinforzi hanno iniziato a sparare ai civili nelle strade usando fucili di precisione e mitragliatrici “.

Il rapporto di Amnesty ha citato i residenti di Axum che hanno affermato che gli autori erano soldati eritrei, affermando che spesso viaggiavano su camion con targhe scritte “Eritrea”.

Testimoni oculari hanno detto che la maggior parte di loro indossava uniformi e scarpe che potevano essere facilmente distinte da quelle dei soldati etiopi. Hanno indicato che i soldati si sono distinti come eritrei quando hanno parlato con un accento distintivo con le loro parole e il dialetto.

Il rapporto afferma che alcuni soldati hanno mostrato tre cicatrici in ogni tempio vicino ad Al-Ain e si sono identificati come Bani Amer, un gruppo etnico che si estende attraverso il Sudan e l’Eritrea ma è assente dall’Etiopia.

Il governo etiope ha messo in dubbio l’accuratezza delle fonti di Amnesty, ma dice che verrà aperta un’indagine. La Commissione etiope per i diritti umani nominata dallo stato ha anche affermato che il rapporto di Amnesty International dovrebbe essere preso sul serio e che le indagini preliminari hanno indicato che i soldati eritrei avevano ucciso un numero imprecisato di civili ad Axum.

Ma in una lettera ad Al-Jazeera, l’ambasciatore dell’Etiopia in Qatar, Samia Zakaria Goto, ha definito il rapporto di Amnesty “cotto”.

READ  I repubblicani in Georgia promulgano un progetto di legge sulle restrizioni al voto | Notizie di notizie

È noto che questo tipo di “segnalazione” basata su fonti inaffidabili comporta il rischio di rafforzare ulteriormente la disinformazione e la pubblicità attraverso [the] Una cricca criminale nel TPLF “, ha scritto Goto.

Il ministro dell’Informazione eritreo Yamani Meskel ha respinto le “accuse assurde” di Amnesty International.

Abiy, che nel 2019 ha vinto il Premio Nobel per la Pace dopo aver ripristinato le relazioni con l’Eritrea all’indomani della guerra del 1998-2000, ha dichiarato la vittoria sul Fronte di liberazione del Tigray il 28 novembre dopo l’entrata delle forze federali a Mikkeli. Tuttavia, i leader del TPLF si sono impegnati a continuare i combattimenti e gli scontri sono continuati nell’area, ostacolando gli sforzi per fornire gli aiuti umanitari di cui hanno tanto bisogno.

Il mese scorso, gli Stati Uniti hanno detto che tutti i soldati eritrei dovrebbero lasciare “immediatamente” la regione del Tigray.

Nel frattempo, i residenti di Mekele che hanno parlato con l’isola hanno chiesto alle forze eritree di lasciare il paese.

“Perché è successo tutto questo? Le forze eritree hanno commesso gravi crimini. Vogliamo perseguire tutti coloro che hanno commesso questi crimini e vogliamo che le forze straniere lascino la nostra patria”.

“La nostra infrastruttura è distrutta e i servizi di base sono assenti. Non c’è sicurezza e vogliamo che il mondo conosca la nostra lotta”, ha aggiunto l’ingegnere Keprom Zaroo.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x