Siamo già in recessione?

La Banca d’Inghilterra ha recentemente sollevato un problema prevedendo che l’economia si contrarrà nell’ultimo trimestre del 2022, con la Gran Bretagna che trascorrerà tutto il prossimo anno in stasi. Liz Truss è stata particolarmente critica, dicendo che una recessione non è inevitabile. Nel dibattito di ieri sera a Cheltenham, ha fatto nuovamente riferimento all’argomento, dicendo che era importante non “parlare di recessione”.

Ma potrebbe verificarsi una recessione prima di quanto previsto dalla Banca d’Inghilterra? I dati di questa mattina dell’Ufficio di statistica nazionale (ONS) mostrano che l’economia si è contratta dello 0,1 per cento nel secondo trimestre di quest’anno. Se anche i numeri del terzo trimestre, previsto per ottobre, mostrassero un calo, la Gran Bretagna potrebbe essere ufficialmente in recessione per allora. Non sarebbe il primo grande paese industriale ad entrare in recessione: gli Stati Uniti hanno già registrato due trimestri consecutivi di crescita negativa, che è la definizione tradizionale e più comunemente usata di recessione, sebbene Joe Biden, con l’aiuto di Wikipedia, ha cercato il cambiamento. Questa definizione serve a salvare il suo rossore.

Finora, sei paesi del Gruppo dei Sette hanno annunciato i dati sul PIL del secondo trimestre. Solo Gran Bretagna e Stati Uniti hanno visto una diminuzione. La Germania è rimasta piatta, la Francia è cresciuta dello 0,5%, l’Italia è cresciuta dell’1% e il Canada è cresciuto dell’1,1%. Il Giappone non ha ancora pubblicato i dati sul PIL del secondo trimestre. Il contrasto tra la Gran Bretagna e le maggiori economie dell’UE potrebbe eccitare il resto, ma poi l’economia francese si è contratta nel primo trimestre, quando l’economia britannica era ancora in crescita. Anche l’economia italiana è stata più lenta di quella britannica dalla pandemia.

READ  Olimpiadi invernali: la coppia di curling del Team GB ha organizzato un'affascinante partita dell'Italia con un'altra vittoria

Il numero di oggi è solo una prima stima per ONS ed è soggetto a revisione. I dati sul PIL sono spesso rivisti al rialzo o al ribasso dello 0,1 per cento, quindi è molto probabile che la recessione economica registrata oggi scompaia con le successive revisioni.

Il numero uno potrebbe far deglutire la gente alla cifra mensile del PIL di giugno, poiché si stima che l’economia si sia contratta dello 0,6%.

Tuttavia, c’è una ragione per questo. Le celebrazioni giubilari consistevano in due giorni festivi. Di solito abbiamo un giorno festivo alla fine di maggio.

È interessante notare che il contributo maggiore alla contrazione dell’economia nel secondo trimestre è venuto da “Salute umana e lavoro sociale”, che è sceso del 5,4% nel trimestre. Ciò è stato in gran parte dovuto alla fine dei test, della tracciabilità e di altre infrastrutture del SSN legati alla pandemia. Il primo ministro si è più volte vantato di come il programma di vaccinazione precoce della Gran Bretagna le abbia consentito di iniziare una ripresa economica più velocemente di altri paesi. Ironia della sorte, tuttavia, il governo potrebbe inavvertitamente mettere il paese in recessione ponendo fine ai test e alle tracce quando lo ha fatto.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x