Siccità in Italia in peggioramento e record – Autorità idrica

ROMA (Reuters) – Giovedì l’autorità per l’irrigazione del Paese ha avvertito che le condizioni di siccità si stanno diffondendo rapidamente in tutta Italia poiché fiumi e bacini artificiali si sono prosciugati e l’aumento delle temperature potrebbe peggiorare le cose.

Diverse regioni italiane hanno già dichiarato lo stato di emergenza e stanno cercando di liberare fondi per affrontare la crescente crisi idrica, mentre le associazioni agricole affermano che la produzione agricola è destinata a diminuire quest’anno nelle principali regioni agricole.

“La combinazione della peggiore siccità degli ultimi anni e delle temperature che hanno raggiunto i 40 gradi Celsius (104 gradi Fahrenheit) a fine giugno stanno portando l’Italia verso una situazione ambientale ed economica catastrofica”, ha affermato l’Anbi.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il fiume più lungo d’Italia, il Po, che attraversa le principali regioni settentrionali e rappresenta circa un terzo della produzione agricola del Paese, sta vivendo la peggiore siccità degli ultimi 70 anni.

“Il Po continua a registrare minimi lungo il suo corso”, ha affermato ANBI. “La portata è stata dimezzata in due settimane, scendendo a poco più di 170 metri cubi al secondo”, ha aggiunto, aggiungendo che la velocità dovrebbe essere di 450 cm/sec per evitare che l’acqua salata entri in mare e distrugga i terreni agricoli.

I principali laghi settentrionali erano già a livelli record o prossimi a livelli minimi, ha affermato l’ANBI, con anche i bacini naturali nell’Italia centrale in declino. Il Tevere è ai minimi pluriennali mentre la portata del fiume Aniene si è dimezzata.

La Regione Lazio, con sede a Roma, ha dichiarato questa settimana lo stato di emergenza, imponendo restrizioni ad alcune comunità, tra cui il divieto di utilizzo di manichette idriche e il riempimento delle piscine.

READ  Kishida parte per l'Indonesia per iniziare un tour nel sud-est asiatico e in Europa

Un progetto finanziato dall’Agenzia spaziale europea ha affermato giovedì che settimane di caldo hanno aumentato la temperatura superficiale del Mar Mediterraneo di circa 4 gradi Celsius al di sopra della media 1985-2005.

“Capire cosa sta succedendo esattamente al clima attuale è sempre più importante perché i cambiamenti iniziano ad avere un impatto misurabile sulla vita di tutti i giorni”, ha affermato Gianmaria Sanino, presidente di ENEA Climate Modeling che è stato coinvolto nel progetto.

Le previsioni meteorologiche per il resto del mese si stanno aggravando, con temperature che dovrebbero raggiungere i 10°C e i 12°C sopra la norma la prossima settimana, con un picco di 44°C previsto sulle isole di Sardegna e Sicilia.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Crispian Palmer Reporting) Montaggio di Alison Williams

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x