Siena: una foto virale che aiuta a portare in Italia una famiglia di profughi siriani

Siena, Italia: La premiata fotografia – di un uomo che ha perso una gamba in un attentato dinamitardo in Siria mentre solleva in aria il figlio, nato senza arti, un’altra vittima della guerra civile nel Paese – è diventata virale l’anno scorso in Italia.
Munther Al-Nozl, l’uomo nella foto, e suo figlio Mustafa, venerdì, sono arrivati ​​in Italia dopo un notevole sforzo da parte degli organizzatori dei Siena International Photography Awards per portare loro e loro. famiglia Dalla Turchia, dove sono fuggiti dopo la Siria. Stiamo arrivando, grazie”, ha detto Mustafa di sei anni, sorridendo ampiamente, in un videomessaggio registrato prima che lui e la sua famiglia – padre, madre e due sorelle di 1 anno – salissero a bordo di un aereo ad Ankara ieri. Giovedì in volo per l’Italia. Poi ha aggiunto: “Noi amiamo l’Italia”.
La foto di Mustafa e suo padre, entrambi con sorrisi amorevoli, scattata dal fotografo turco Mehmet Aslan nel gennaio 2021 e intitolata “The Hardship of Life”, è stata annunciata come Foto dell’anno ai Siena Awards dello scorso anno. L’immagine emotiva e scioccante ha fatto notizia in Italia e si è diffusa a livello internazionale sui social media, spingendo gli organizzatori del festival ad agire e avviare una campagna di raccolta fondi per il trattamento di padre e figlio.
Gli organizzatori del festival hanno contattato diplomatici, ospedali, centri di riabilitazione e una diocesi cattolica di Siena per ospitare la famiglia siriana in modo che Mustafa e suo padre potessero ricevere cure e protesi. “L’immagine era al di là di ogni immaginazione”, ha detto Luca Venturi, l’architetto che ha fondato il Siena Photography Festival, che ha assegnato il premio circa sei anni fa. “Pensavamo di poter superare anche la nostra paura di non poter fare nulla per questa famiglia”. Come tutti i paesi, l’Italia può rilasciare visti per motivi umanitari, ma i rifugiati hanno bisogno della sponsorizzazione di un’organizzazione locale che si occupi delle pratiche burocratiche e fornisca supporto finanziario e, motivata dal successo del crowdfunding, l’organizzazione no profit che organizza il festival fotografico ha deciso di sponsorizzare la famiglia siriana. “Era un grande sogno per tutti”, ha detto Venturi. Venturik contattava regolarmente El Nezzel tramite WhatsApp, utilizzando Google Translate per comunicare in arabo con il 33enne padre di tre figli.

READ  Guida della città di Bergamo, Italia

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x