Smettila di fingere che i fascisti italiani fossero vittime innocenti

Penso di poter vantare qualcosa dal record per il maggior numero di “recensioni” prima che il mio libro fosse effettivamente disponibile: c’erano almeno quattro giornali di destra che offrivano rimozioni dal mio libro solo in base al titolo! Poiché gli insulti a cui è stata sottoposta erano già al loro apice, ho letto un commento su una delle pagine dei social media della nuova epidemia che diceva: “Non preoccuparti, abbiamo già vinto la battaglia delle foibe”. Nessun partito politico, infatti, si è opposto al Memorial Day del 10 febbraio: sono tutti d’accordo con alcune sfumature diverse. Hanno tutti abbracciato la prospettiva nazionalista che significa, piaccia o no, la depenalizzazione del fascismo.

L’unica tensione è tra il mondo politico e mediatico – che commemorano questi eventi in vari modi parziali e errati – e storici onesti e coraggiosi (più rari) che cercano di sfidare la narrativa che viene intessuta. Oggi è più facile soccombere alla finta narrazione ed emarginare le poche voci che non si uniscono al coro.

Ma questo è un pericoloso errore politico, perché la nostra democrazia è a rischio qui. È già abbastanza brutto criminalizzare gli storici che dicono la verità, ma è anche pericoloso criminalizzare la resistenza e presentare i fascisti come eroi e martiri. E ‘una cosa che fa l’intera classe politica: ogni anno l’onore ufficiale delle “martiri Phoebe” – molti dei quali miliziani fascisti – è pagato dalle autorità statali, non solo da associazioni private di nostalgia fascista.

Con questo effettivo accordo politico sulla memoria del 10 febbraio, se del caso, del 25 aprile – l’anniversario della liberazione dall’occupazione tedesca e dal regime fascista – è il vero oggetto di discordia politica. È spesso definito come divisivo dagli stessi politici che sono ossessionati dal ripetere la falsa narrativa delle foibe e rifiutano di riconoscere i valori antifascisti.

READ  La star del cinema italiano Monica Vitti muore all'età di 90 anni a Roma

Questo è del tutto coerente: la storia che raccontano di una phoebe è in netto contrasto con quella che celebra la resistenza. Questo semplicemente perché è il prodotto della memoria di una parte, quella fascista, che ha però conquistato una posizione dominante nella politica di memoria pubblica del nostro Paese. In breve, se tutti i politici concordano sul fatto che la resistenza (jugoslava) era criminale e che il fascismo è completamente innocente, allora è chiaro che il 25 aprile stesso diventa una data per “solo una parte” celebrata da quei nostalgici antifascisti (equivalenti al comunismo ) e che condanna il 10 febbraio.

Tutto ciò illustra un tentativo di rovesciare i valori fondamentali della costituzione del dopoguerra: i valori di libertà, democrazia e antifascismo. E nessun partito politico sembra avere un reale interesse a difenderli.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x