SNL prende in giro brutalmente Rudy Giuliani dopo una sentenza per diffamazione da 148 milioni di dollari

SNL prende in giro brutalmente Rudy Giuliani dopo una sentenza per diffamazione da 148 milioni di dollari

Rudy Giuliani era una presenza familiare all’interno dello Studio 8H al 30 di Rockefeller Plaza. È apparso travestito da nonna italiana, si è scontrato con Will Ferrell (nel ruolo di Janet Reno) e ha colpito Joe Pesci con una mazza da stickball quando ha ospitato Sabato sera in diretta Nell’anno 1997.

Nel corso degli anni ha fatto diverse altre apparizioni nella serie comica di sketch, incluso un momento solenne il 29 settembre 2001, quando si trovava accanto ai primi soccorritori sul palco principale dell’ospedale. SNLIl primo episodio dopo l’11 settembre.

Le apparizioni dell’ex sindaco di New York negli anni successivi si sono limitate a impressioni tra i membri dello staff e hanno deriso la sua discesa nelle teorie del complotto elettorale e la lealtà a Donald Trump.

Dopo che gli è stato ordinato di pagare più di 148 milioni di dollari a due operatori elettorali che aveva diffamato in seguito alle elezioni presidenziali del 2020, SNL Lo ha ridotto a “sindaco dell’11 settembre, perché è tutto ciò che gli è rimasto sul conto in banca”.

In un segmento di “Weekend Update”, il co-conduttore Colin Jost ha attaccato l’ex avvocato di Trump.

“Dopo essere stato dichiarato colpevole di diffamazione contro due funzionari elettorali della Georgia, ieri Rudy Giuliani è stato condannato a pagare la ridicola somma di 148 milioni di dollari”, ha detto Jost. “Potresti anche guadagnargli un miliardo, perché non è possibile che possa pagare così tanto.”

READ  L'azione legale dice che un adolescente è costretto a mangiare la pizza nonostante la religione

“A questo punto chiamano Giuliani il ‘sindaco dell’11 settembre’ solo perché è tutto ciò che è rimasto sul suo conto in banca”, ha detto.

Jost ha parlato accanto a una foto della famigerata foto di Giuliani della tintura per capelli che gli scorreva sul viso durante una conferenza stampa del 2020, amplificando false dichiarazioni sulla frode degli elettori. “Sorprendentemente, abbiamo visto tempi migliori qui”, ha detto Jost.

Durante il processo, il giudice distrettuale americano Beryl Howell ha chiesto direttamente a Giuliani delle dichiarazioni provocatorie che aveva rilasciato nei confronti dei pubblici ministeri Ruby Freeman e Shay Moss fuori dall’aula. Le ha detto che è stato un incidente.

“Ci sono molti incidenti in corso”, ha detto il giudice Howell.

Su “Weekend Update” di sabato, Jost ha detto che Giuliani ha risposto: “Oh, puoi sentirne l’odore?”

Il giudice Howell aveva già ritenuto il signor Giuliani responsabile delle accuse di diffamazione in una sentenza preliminare all’inizio di quest’anno, derivante da una causa durata anni da parte di lavoratrici elettorali madre-figlia che continuano a subire abusi razzisti e messaggi minacciosi dopo che Giuliani ha mentito. . Lavorare in un centro di conteggio dei voti in Georgia.

Dopo un processo durato quattro giorni in un tribunale federale di Washington, DC, venerdì, una giuria composta da otto membri ha stabilito che Giuliani doveva loro rispettivamente 16,2 milioni di dollari e 16,99 milioni di dollari di danni, e ulteriori 20 milioni di dollari ciascuno per aver causato intenzionalmente il disturbo. Distress emotivo e un’ulteriore multa di 20 milioni di dollari ciascuno per aver inflitto intenzionalmente disagio emotivo. Altri 75 milioni di dollari di danni punitivi.

READ  Inviato russo: posiziona armi nucleari in Bielorussia vicino al confine NATO | Notizie sulle armi nucleari

La straordinaria sentenza si aggiunge alla montagna di altre battaglie legali che il signor Giuliani deve affrontare, tra cui… Procedimento penale ad Atlanta Anche questo comporta le stesse bugie. È accusato insieme all’ex presidente e a più di una dozzina di altri imputati di essersi uniti a una “impresa criminale” per ribaltare illegalmente i risultati elettorali nello stato.

“Non mi pento di nulla”, ha detto Giuliani ai giornalisti fuori dall’aula venerdì.

Ha aggiunto: “L’assurdità del numero conferma l’assurdità dell’intera procedura”. “Sono abbastanza fiducioso che quando questo caso arriverà in un tribunale giusto, verrà ribaltato così rapidamente da farti girare la testa.”

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x