Sony affronta una causa collettiva da 7,9 miliardi di dollari sui prezzi del PlayStation Store

Sony affronta una causa collettiva da 7,9 miliardi di dollari sui prezzi del PlayStation Store

LONDRA (Reuters) – Un tribunale di Londra ha stabilito che Sony Corp (6758.T) dovrebbe affrontare un’azione legale collettiva del valore di 6,3 miliardi di sterline (7,9 miliardi di dollari) per le accuse secondo cui il produttore di PlayStation avrebbe abusato della sua posizione dominante, portando a prezzi… Ingiusto nei confronti dei clienti. Martedì.

Sony Interactive Entertainment (SIE) è stata citata in giudizio lo scorso anno per conto di quasi 9 milioni di persone nel Regno Unito che hanno acquistato giochi digitali o contenuti aggiuntivi tramite il PlayStation Store di Sony.

Alex Neil, un difensore dei consumatori che ha lavorato a campagne precedenti, sta portando avanti la causa contro Sony, che è valutata fino a 5 miliardi di sterline (6,23 miliardi di dollari) più interessi.

I suoi avvocati hanno affermato che le stime dei danni totali nel caso hanno raggiunto i 6,3 miliardi di sterline nelle dichiarazioni del tribunale il mese scorso.

L’azienda afferma che la società ha abusato della sua posizione dominante richiedendo che i giochi digitali e gli add-on fossero acquistati e venduti solo attraverso il PlayStation Store, che addebita una commissione del 30% a sviluppatori ed editori.

L’accusa sostiene che i clienti hanno quindi pagato prezzi più alti per giochi e contenuti aggiuntivi rispetto a quanto avrebbero altrimenti pagato.

Gli avvocati di Sony hanno affermato che il caso era “difettoso dall’inizio alla fine” e hanno affermato che dovrebbe essere archiviato.

READ  Todd Howard di Bethesda conferma le prestazioni e il frame rate di Starfield su Xbox Series X e S.

Il tribunale d’appello della concorrenza ha stabilito che il caso di Neal poteva procedere, anche se ha affermato che le persone che hanno effettuato acquisti dal PlayStation Store dopo che il caso è stato avviato nel 2022 dovrebbero essere rimosse dalla classe di querelanti proposta.

La sentenza di martedì è stata “il primo passo per garantire che i consumatori ottengano ciò che meritano”, ha affermato Neal in una nota. Sony non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

($ 1 = 0,8025 sterline)

Lo riferisce Sam Tobin. A cura di Aurora Ellis e Jonathan Oatis

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Fino Neri

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x