Sparatoria alla scuola di Parkland: Nicholas Cruz si dichiara colpevole

Fort Lauderdale, Florida. Nicholas Cruz si è dichiarato colpevole dell’omicidio mercoledì nel massacro del liceo del 2018 a Parkland, in Florida, che ha provocato la morte di 17 persone.

Cruz, 23 anni, ha presentato le sue suppliche in un’udienza a cui hanno partecipato dozzine di parenti delle vittime dopo aver risposto a una lunga lista di domande del giudice di circoscrizione Elizabeth Shearer volte a confermare la sua competenza mentale. È stato accusato di 17 capi di omicidio e 17 capi di tentato omicidio di primo grado nell’attacco del 14 febbraio 2018 alla Marjory Stoneman Douglas High School a Parkland fuori Fort Lauderdale.

Il processo di condanna determinerà se Cruz riceverà una condanna a morte o l’ergastolo senza condizionale. Scherer prevede di iniziare l’esame dei giurati il ​​mese prossimo con la speranza che la testimonianza inizi a gennaio.

Quando diversi genitori hanno scosso la testa, Cruz si è scusato dicendo: “Mi dispiace così tanto per quello che ho fatto… a volte non riesco a vivere con me stesso”. Ha anche aggiunto che avrebbe voluto che spettasse ai sopravvissuti determinare se fosse vivo o morto.

Diversi genitori e parenti di altre vittime sono scoppiati in lacrime mentre ascoltavano i procedimenti giudiziari tramite una chiamata Zoom.

Gli avvocati di Cruz hanno annunciato la sua intenzione di dichiararsi colpevole durante un’udienza la scorsa settimana.

Fred Guttenberg, la cui figlia di 14 anni Jaime è morta nella sparatoria, ha detto di aver visitato la sua tomba questa settimana per chiederle forza per superare l’udienza di mercoledì.

“Era la persona più difficile che abbia mai conosciuto”, ha detto. “Mia figlia ha sempre lottato per ciò che era giusto. Mia figlia disprezzava i bulli e si metteva in mezzo a qualcuno che veniva vittima di bullismo per fermarli”.

READ  Il tunisino Hafnawi vince l'oro a sorpresa nel nuoto | Notizie sui Giochi Olimpici

Le dichiarazioni di colpevolezza apriranno la strada a un processo di condanna in cui 12 giurati decideranno se Cruz debba essere condannato a morte o all’ergastolo senza condizionale. Data la notorietà del caso, Scherer prevede di selezionare migliaia di potenziali giurati. Le udienze sono previste per novembre e dicembre, con l’obiettivo di iniziare la sua testimonianza a gennaio.

Dopo le richieste, Mike Satz, il procuratore generale dello stato di Broward, ha descritto gli omicidi. Gli investigatori hanno detto che Cruz ha ucciso 14 studenti e tre dipendenti il ​​giorno di San Valentino 2018 durante un attacco di sette minuti in un edificio di tre piani a Stoneman Douglas. Hanno detto che ha sparato alle vittime nei corridoi e nelle aule con un AR-15. Cruz è stato licenziato da Stoneman Douglas un anno fa dopo una storia di comportamenti minacciosi, intimidatori, insoliti e talvolta violenti risalenti all’asilo.

Le sparatorie hanno indotto alcuni studenti di Stoneman Douglas a lanciare il movimento March for Our Lives, che ha spinto a rafforzare i controlli sulle armi a livello nazionale.

Giorni dopo la sparatoria, gli avvocati di Cruz gli hanno offerto una dichiarazione di colpevolezza in cambio dell’ergastolo, dicendo che avrebbe risparmiato alla società il tumulto emotivo di far rivivere l’attacco al processo. Ma Satz ha rifiutato l’offerta, dicendo che Cruz meritava la pena di morte e si è nominato procuratore generale. Satz, 79 anni, si è dimesso da procuratore generale a gennaio dopo 44 anni, ma rimane il procuratore capo di Cruz.

Il suo successore, Harold Pryor, si oppone alla pena di morte ma ha detto che seguirà la legge. Come Satz, non ha mai accettato un’offerta di difesa, come funzionario eletto, il che è stato difficile, anche nella contea liberale di Broward, dove i democratici sono più numerosi dei repubblicani di oltre 2 a 1.

READ  Cancellazione di Covid e Natale a Londra: inizia il blocco rigoroso | Johnson: "Agisci contro la nuova variante del virus"

Con Cruz dichiarato colpevole, i suoi avvocati saranno in grado di sostenere durante la sua udienza di condanna che si è assunto la responsabilità delle sue azioni.

—-

Il giornalista dell’Associated Press Will Weissert a Washington, DC, ha contribuito a questo rapporto.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x