St Vincent BM ferito dopo aver colpito una pietra durante una protesta contro i vaccini

Ralph Gonsalves, il primo ministro di Saint Vincent e Grenadine, è stato portato in ospedale dopo che un manifestante gli ha lanciato una pietra in testa durante una protesta contro i vaccini guidata da infermieri e altri lavoratori nell’isola dei Caraibi orientali, hanno detto i funzionari giovedì sera.

Gonçalves stava sanguinando copiosamente, ma si prevede che si riprenderà, secondo una dichiarazione del suo ufficio.

Il ministro delle finanze Camilo Gonçalves è stato citato dai media locali per aver detto al parlamento giovedì che il primo ministro sarebbe stato trasportato in aereo alle Barbados per ulteriori cure mediche, inclusa una risonanza magnetica.

Le autorità hanno detto che Gonçalves è stato ferito quando è sceso dalla sua auto e ha cercato di entrare in parlamento tra una folla di circa 200 persone che hanno bloccato l’ingresso quando hanno dato fuoco ai posti di blocco.

verbo “riprovevole”

“Un tale atto deve essere categoricamente condannato”, ha detto il suo ufficio.

Altri hanno criticato l’attacco, incluso Ronald Sanders, l’ambasciatore presso l’Organizzazione degli Stati americani.

“Questo sviluppo nella politica dei Caraibi è riprovevole”, ha detto.

Il senatore Julian Francis è stato citato dai media locali per aver affermato che una donna non identificata era stata arrestata. Non erano immediatamente disponibili ulteriori dettagli.

La protesta è stata organizzata dai sindacati che rappresentano infermieri, polizia e altri lavoratori che hanno affermato che il governo intendeva imporre le vaccinazioni ad alcuni dipendenti. Gonçalves ha chiarito che non avrebbe reso obbligatorie le vaccinazioni.

READ  Esercito: il presidente ciadiano Idriss Deby Itno è stato ucciso dopo 30 anni al potere

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x