Stellantis tira fuori dal baratro il leggendario marchio italiano Lancia

La franco-italo-americana Stellantis cercherà di far rivivere la Lancia italiana, uno dei marchi automobilistici più vergognosamente trascurati al mondo, paracadutandosi nel suo chief design officer.

Lancia, il produttore di alcune delle auto più leggendarie del mondo, è passata oltre la mediocrità alle cure palliative sotto Fiat Chrysler Automobiles, ma Stylantis è determinata a dargli un’ultima possibilità.

“La rinascita di Lancia è una sfida davvero entusiasmante”, ha affermato il nuovo capo del design Jean-Pierre Bloy.

“Lancia è un marchio iconico, che tornerà nella sua storica sede centrale in Europa, per sfruttare il suo enorme potenziale”.

Ploué gestirà il team di design Lancia dall’operazione Torino Centro Stile nel nord Italia, pur mantenendo la sua posizione di Direttore Generale del Design per Stellantis.

La mossa fa parte del piano del presidente di Stellantis, Carlos Tavares, di dare a ciascuno dei marchi italiani in difficoltà… Una possibilità negli ultimi 10 anni per diventare rilevante.

Maserati, Alfa Romeo e Lancia hanno lottato per raggiungere i loro obiettivi negli ultimi 30 anni, anche se tutti sono stati ostacolati dalla mancanza di risorse di Fiat Chrysler Automobiles.

La mossa suggerisce anche che ci sarà più di un modello Lancia e un’ipotesi plausibile include propulsori elettrici e almeno un crossover.

È così che Ploué ha resuscitato Citroen quando è entrato in carica nel 1999 ed è stato a capo di PSA dal 2009 fino alla fusione Stellantis all’inizio di quest’anno.

Ploué progettò anche la supercar Renault Twingo e lavorò anche per gli studi di design Volkswagen e Ford.

“Voglio dare il benvenuto a Jean-Pierre Bloy”, ha dichiarato l’amministratore delegato di Lancia Luca Napolitano.

“Sono molto onorato che possiamo sfruttare questo team eterogeneo di professionisti per lavorare insieme verso il successo di Lancia”.

Tale è stata la caduta in disgrazia di Lancia che ora vende solo un modello (la berlina Ypsilon basata su Fiat Bravo) in un paese (Italia) a una fascia demografica (per le donne).

Le sue vendite sono scese da 300.000 nel 1990 a meno di 100.000 nel 2010 e solo 48.555 nel 2018.

È un forte calo dai tempi in cui i modelli Lancia Stratos, Fulvia, 037 Rallye, Delta S4 e Delta Integral dominavano il Campionato Mondiale Rally.

La 037 Rallye è stata l’ultima vettura a trazione posteriore a vincere un WRC (nel 1983) e ha consegnato i titoli piloti ad alcuni dei più grandi piloti di rally della storia, come Juha Kankkunen e Miki Biasion, mentre ha vinto 73 WRC grazie a piloti come come Sandro Munari e Didier Auriol, Walter Ruhrl, Henry Tovonen e Marco Allen.

Lancia ha vinto 10 campionati costruttori con Stratus, 037 e Delta, ottenendo il maggior numero di titoli nella storia del WRC, anche se non gareggiava dai primi anni ’90.

Ha anche una forte storia di corse automobilistiche sportive, eguagliando la velocità della leggendaria Porsche 962, conquistando 13 pole position nei Campionati mondiali ed europei Endurance e vincendo i Campionati del mondo nel 1980 e 1981.

La sua vettura di Formula 1 D50 era così buona che ha vinto cinque Gran Premi dopo essere stata venduta alla Ferrari, guidando Juan Manuel Fangio al campionato del mondo nel 1956.

Altrettanto innovative furono le sue vetture stradali, con la Lancia Lambda che introdusse la prima carrozzeria standardizzata di produzione al mondo nel 1922 e l’Ardea con il suo primo cambio a cinque marce nel 1948.

Ha realizzato alcune delle auto più grandi e belle del mondo, ma sfortunatamente raramente le ho collezionate abbastanza bene da competere con i tedeschi.

C’erano Gama Coupe, Fulvia Coupe, Flaminia, Aprilia, Monte Carlo, Beta Coupe, motore Ferrari Thema 8.32 e Delta Integrale.

READ  Come sono le vacanze in Italia adesso?

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x