‘Storia correttiva’: alleati di Trump e democratici litigano per le rivolte | Donald Trump News

L’audizione della Camera sul ruolo dei militari nelle rivolte del Campidoglio degli Stati Uniti del 6 gennaio ha visto i funzionari di Trump difendere le misure in un giorno controverso.

I funzionari di alto rango dell’amministrazione dell’ex presidente Donald Trump hanno difeso le loro azioni durante la ribellione del Campidoglio degli Stati Uniti in un’audizione del Congresso mercoledì.

La polizia del Campidoglio e gli ufficiali militari degli Stati Uniti sono stati criticati per non aver risposto alle bande violente che hanno tentato di impedire a una sessione congiunta del Congresso di certificare la vittoria elettorale del 6 gennaio del presidente Joe Biden. Cinque sono morti all’indomani delle violente rivolte.

Caroline Maloney, presidente della Commissione per la supervisione e la riforma della Camera, ha iniziato l’udienza affermando che “il governo federale non era preparato per questa ribellione, anche se era stata pianificata sotto gli occhi di tutti sui social media in modo che il mondo potesse vederla”.

L’ex segretario alla Difesa ad interim, Christopher Miller, ha detto che molte delle critiche rivolte ai militari erano “prive di fondamento”.

In osservazioni preparate riportate dall’Associated Press, Miller ha affermato che si è verificata la mancanza di risposta “Le preoccupazioni circa l’uso appropriato e limitato dell’esercito negli affari interni sono state accresciute dai commenti dei media sulla possibilità di un colpo di stato militare”.

Gas lacrimogeni sparati a una folla di manifestanti durante gli scontri con la polizia del Campidoglio in una manifestazione per contestare la certificazione dei risultati delle elezioni presidenziali del 2020 al Campidoglio di Washington il 6 gennaio 2021 [File: Shannon Stapleton/Reuters]

Durante l’udienza, Miller ha ribadito queste preoccupazioni ai legislatori alla Camera dei Rappresentanti.

“Ero anche molto consapevole delle preoccupazioni e delle preoccupazioni per il precedente uso delle forze armate nel giugno 2020 in risposta alle proteste vicino alla Casa Bianca”, ha detto Miller, riferendosi alla rimozione di una protesta contro la brutalità della polizia nella capitale in modo che Trump può scattare una foto in una chiesa vicina.

READ  Polizia: 2 sospetti arrestati in un incendio a Los Angeles

La mossa è stata ampiamente criticata, anche tra i massimi comandanti militari.

Miller ha continuato:[J]Prima dell’approvazione del Collegio elettorale, 10 ex ministri della difesa hanno firmato un articolo d’opinione sul Washington Post in cui metteva in guardia sui pericoli di una politicizzazione inappropriata, usando i militari.

Miller ha detto di non aver parlato con Trump il 6 gennaio.

I legislatori della Camera hanno anche interrogato l’ex procuratore generale ad interim Jeffrey Rosen sulla giornata, chiedendo se Trump gli avesse parlato degli sforzi per garantire il Campidoglio.

Rosen ha anche affermato di non aver parlato con Trump il 6 gennaio, poiché ha l’autorità necessaria per fare ciò che è richiesto per ottenere la sicurezza.

I legislatori democratici hanno anche fatto pressioni su Rosen sul fatto che lui e Trump avessero parlato di cancellare i risultati delle elezioni del 2020.

L’allora presidente Donald Trump saluta al suo arrivo all’aeroporto internazionale di Palm Beach a West Palm Beach, in Florida, il 20 gennaio 2021 [File: Carlos Barria/Reuters]

Il caso è diventato oggetto di indagine da parte delle autorità statali in Georgia.

Rosen ha rifiutato di rispondere, dicendo: “Come avvocato, non posso decidere se posso rivelare conversazioni private … altri prendono quella decisione”.

Il rappresentante repubblicano della Georgia Judy Hayes ha usato il suo tempo per dire che le critiche a Trump erano parte delle “narrazioni” errate offerte dai colleghi democratici e dai media.

Hayes ha detto: “Voglio sollevare … I media affermano che la tragica morte dell’agente Brian Sekinik è stata il risultato di bande pro-Trump che gli hanno colpito il cranio con un estintore, cosa che sappiamo tutti non è avvenuta ora”.

Sicknick era un ufficiale di polizia del Campidoglio e inizialmente si pensava che la sua morte fosse il risultato di rivoltosi, ma in seguito fu identificata come causata da un ictus dall’ufficio del medico legale nella capitale.

READ  Batteria di backup ridotta dopo le interruzioni di corrente in Field, BC

Tuttavia, il filmato sembra mostrare i rivoltosi che attaccano la polizia del Campidoglio. Il rapporto del medico legale ha detto che Seknik è stato spruzzato con una sostanza chimica prima della sua morte.

Julian Khater e George Tanios sono due uomini sospettati di aver spruzzato Sicknick con spray al peperoncino il 6 gennaio, secondo WUSA-TV, che ha ottenuto le riprese della rivolta.

Sia Khater che Tanios hanno ricevuto l’ordine di rimanere in custodia cautelare prima del processo di lunedì.

Il rappresentante Stephen Lynch ha detto in risposta a Hayes: “Trovo difficile credere alla storia revisionista che i miei colleghi stanno fornendo dall’altra parte”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x