Studente nigeriano picchiato, bruciato a morte per “blasfemia”

Abuja, Nigeria –

Una studentessa è stata picchiata e bruciata a morte giovedì da altri studenti nel nord-ovest della Nigeria, hanno riferito testimoni e polizia, dopo essere stata accusata di aver pubblicato un post sui social media in segno di disprezzo.

Deborah Samuel è stata uccisa Shehu Shagari College of Education di Sokoto Dopo essere stato accusato di “aver pubblicato un post sui social media che bestemmiava il profeta Maometto”, secondo una dichiarazione della polizia. Due studenti sono stati arrestati in relazione all’incidente.

Le autorità hanno anche chiuso la scuola a tempo indeterminato, nel tentativo di calmare i nervi tesi in quella parte della Nigeria dove i residenti in passato hanno reagito violentemente ad azioni o commenti ritenuti anti-Islam.

L’omicidio di Samuel ha causato indignazione e shock tra molti nigeriani sui social media.

L’incidente mette in luce una profonda tensione religiosa nel Paese più popoloso dell’Africa, che è più o meno equamente diviso tra cristiani nel sud e musulmani nel nord. Un ateo è stato condannato ad aprile a 24 anni di carcere per un post sui social media che un tribunale dello stato settentrionale di Kano ha ritenuto blasfemo.

Testimoni hanno detto che Samuel, una studentessa del secondo anno di college la cui età non è stata annunciata, è stata immediatamente attaccata da altri studenti dopo aver criticato un post relativo alla religione sul gruppo WhatsApp degli studenti.

“Era arrabbiata per il modo in cui i musulmani parlavano di affari islamici in quel gruppo WhatsApp, cosa che le ha fatto rilasciare alcune frasi non islamiche contro il profeta Maometto”, ha detto Basharu Gyawa Issa, un residente e attivista per i diritti umani a Sokoto.

READ  Non andare a Joe Exotic: l'elenco dei perdoni di Trump cancella 'Tiger King'

L’amministrazione scolastica ha rapidamente schierato personale di sicurezza per proteggere Samuel, ma è stata sopraffatta dal giovane arrabbiato.

“Gli studenti hanno rimosso con la forza la vittima dalla stanza di sicurezza dove le autorità scolastiche l’hanno nascosta, uccisa e bruciato l’edificio”, ha detto il portavoce della polizia di Sokoto Sanusi Abubakar.

Un video dell’incidente pubblicato sui social media e verificato dall’Associated Press mostrava Samuel sdraiato a terra, lapidato e picchiato con assi di legno. Poi i giovani intorno a lei le lanciarono delle gomme, dandogli fuoco.

Abubakar ha detto che due studenti sono stati arrestati in relazione all’incidente mentre è in corso un’indagine sotto la direzione del governatore di Sokoto Aminu Tambol.

“I sospetti sono stati avvistati nel video virale su Twitter e saranno (identificati) presto”, ha detto.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x