Telecom Italia al lavoro sul nuovo piano industriale valutato da KKR – fonti

MILANO (Reuters) – Telecom Italia (TIM) sta lavorando con le banche per sviluppare un nuovo piano industriale che potrebbe includere la separazione degli asset mentre valuta le opzioni per aiutare a valutare un’offerta dal fondo statunitense KKR, affermano due fonti vicine alla questione. Martedì.

TIM gravata dal debito ha ricevuto un approccio non vincolante all’acquisizione da KKR a novembre che ha valutato l’ex monopolio telefonico a 33 miliardi di euro (38 miliardi di dollari), compreso il debito.

Ma il vuoto di potere creato dal licenziamento dell’amministratore delegato Luigi Gobitossi dopo una serie di profit warning lo scorso anno ha ritardato la risposta del gruppo a KKR, che ha chiesto l’accesso ai dati della società prima di fare un’offerta formale.

L’offerta di KKR è subordinata al sostegno del consiglio di amministrazione della società e del governo italiano, ma il maggiore azionista di TIM, Vivendi, ha affermato che non riflette il valore di TIM.

Il nuovo piano triennale, che sarà redatto su base autonoma, prenderà in considerazione una serie di opzioni per aumentare il valore come la segregazione degli asset, incluso il business strategico della rete, hanno affermato le fonti.

Le fonti hanno aggiunto che TIM, che ha nominato Goldman Sachs e LionTree come consulenti per valutare l’offerta di KKR e altre opzioni, ha coinvolto Mediobanca e Vitali & Co in Italia per aiutare con il piano.

La rete fissa di TIM è l’asset più prezioso del gruppo e ci sono state richieste dal socio n. 2, l’istituto di credito statale Cassa Depositi e Prestiti (CDP), per rilanciare un piano in stallo per combinare la rete con il concorrente in fibra ottica Open Fiber per aumentare i rendimenti ed evitare la duplicazione degli investimenti.

READ  L'Italia rielegge Mattarella presidente per porre fine allo stallo politico

CDP possiede il 60% di Open Fiber.

In connessione con l’offerta KKR, CDP sta lavorando con Credit Suisse, Tesoro italiano con Lazard e Vivendi con Rothschild, affermano le fonti.

Una delle fonti ha affermato che TIM dovrebbe approvare le linee guida del suo nuovo piano nella riunione del consiglio prevista per il 26 gennaio.

TIM, che deve ancora trovare un sostituto per Gubitosi, ha incaricato il cacciatore capo Spencer Stewart di trovare un nuovo CEO e il processo dovrebbe essere completato a gennaio.

Fonti affermano che Pietro Labriola, capo del business brasiliano di TIM che è stato nominato direttore generale a novembre, è considerato un candidato di prim’ordine.

(Segnalazione di Elvira Paulina e Stephen Geox; Montaggio di Mark Potter)

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x