Telescopio Webb senza scatola dopo la spedizione al centro spaziale della Guyana – Spaceflight Now

Il telescopio spaziale James Webb è stato visto all’interno della struttura di elaborazione del carico utile S5C il 15 ottobre presso il Centro spaziale della Guyana a Kourou, nella Guyana francese. Credito: NASA/Kris Jenn

Il responsabile del programma della NASA ha affermato che la scorsa settimana gli ingegneri hanno rimosso il telescopio spaziale James Webb dal suo container transcontinentale sudamericano e hanno iniziato un test finale completo pre-lancio dei sistemi elettrici prima del lancio a dicembre su un razzo Ariane 5.

L’osservatorio è arrivato il 12 ottobre al Guyana Space Center, uno spazioporto gestito dall’agenzia spaziale francese CNES e dall’Agenzia spaziale europea, dopo un viaggio in barca di 16 giorni dalla California meridionale, dove Northrop Grumman ha assemblato e testato Webb.

La missione da 10 miliardi di dollari, la cui preparazione ha richiesto più di due decenni, è prevista per il lancio il 18 dicembre su un razzo europeo Ariane 5. La finestra di lancio si apre alle 7:20 EST (9:20 ora locale; 1220 GMT).

Il lancio su un razzo Ariane 5 è uno dei maggiori contributi alla missione dell’Agenzia spaziale europea, che ha anche sostenuto lo sviluppo di diversi strumenti scientifici Webb. L’osservatorio è progettato per guardare indietro di oltre 13 miliardi di anni nel tempo per vedere l’universo com’era dopo il Big Bang, l’evento inimmaginabilmente violento che ha creato l’universo.

I team hanno smantellato il telescopio spaziale James Webb presso il Guyana Space Center il 14 ottobre. Crediti: ESA / CNES / Arianespace / P. Peron

Webb osserverà anche i nuclei di galassie lontane, studierà come si formano ed evolvono le stelle, osserverà i pianeti intorno ad altre stelle e rivelerà nuove intuizioni sulle loro atmosfere, ad esempio se ospiteranno gli elementi costitutivi della vita.

Da quando è arrivato la scorsa settimana nella Guyana francese, Webb è stato trasportato su autocarro alla struttura di movimentazione del carico utile S5C e rimosso dal vettore appositamente progettato, e le squadre di terra hanno iniziato a testare l’osservatorio per assicurarsi che rimanga in buona salute dopo il viaggio oceanico dalla California.

READ  La NASA sta cercando proposte per due nuove missioni speciali per astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale

“È uscito dal suo container, è andato in verticale e oggi abbiamo riavviato il nostro test finale dei principali sistemi”, ha detto Gregory Robinson, responsabile del programma Web della NASA, durante la riunione del consiglio comunale di lunedì. “Durerà poco più di una settimana. Faremo gli ultimi arresti, andremo a rifornirlo in poche settimane, quindi lo collegheremo al razzo e lo avvolgeremo nella carenatura e otterremo è decollato il 18 dicembre”.

Ci sono circa 11 giorni di margine nel programma di decollo per il 18 dicembre, Eric Smith, uno scienziato del programma Web della NASA.

Un membro del team di elaborazione osserva mentre il telescopio spaziale James Webb viene rimosso dal suo container. Crediti: ESA / CNES / Arianespace / P. Peron

La prova dei sistemi combinati iniziata lunedì sta verificando il funzionamento degli impianti elettrici dell’Osservatorio.

“Non ci saranno più schieramenti dell’osservatorio finché non sarà fisicamente nello spazio”, ha detto Smith la scorsa settimana. “Quindi fanno tutti i test elettrici, fanno alcuni controlli di connessione e passano attraverso l’arresto finale dell’osservatorio con alcuni pezzi finali di isolamento multistrato che mettono in posizione (sulla navicella).”

L’osservatorio verrà lanciato con il suo specchio primario, che è composto da 18 singoli pezzi placcati in oro, piegati in stile origami per adattarsi all’interno di un missile Ariane 5, che ha uno dei più grandi compartimenti di carico utile di qualsiasi veicolo di lancio operativo. Il veicolo spaziale è alto circa 35 piedi (10,7 metri) nella configurazione di lancio.

Vengono memorizzati anche l’array solare, lo specchio secondario e la protezione solare termica di lancio di Webb. Tutti gli oggetti appariranno uno per uno dopo il decollo in una sequenza di propagazione molto complessa e complessa, diversa da qualsiasi tentativo fatto da una precedente missione spaziale.

READ  La sonda canadese sul telescopio James Webb supera i primi test

Lo specchio del telescopio, che una volta aperto misura 6,5 ​​metri di diametro, è il più grande mai visto nello spazio.

Un lavoratore all’interno dell’impianto di elaborazione S5C ispeziona il telescopio spaziale James Webb. Crediti: ESA / CNES / Arianespace / P. Peron

Un razzo Ariane 5 Webb verrà lanciato verso il punto di Lagrange L2, una posizione gravitazionalmente stabile a circa 1 milione di miglia (1,5 milioni di km) dal lato notturno della Terra.

Webb è il successore del telescopio spaziale Hubble, che orbita attorno alla Terra dal 1990, ma vedrà l’universo a diverse lunghezze d’onda, principalmente a infrarossi. Gli strumenti scientifici di Hubble sono stati sintonizzati su osservazioni astronomiche nel visibile e nell’ultravioletto, con una certa potenza nel vicino infrarosso.

Lo sviluppo di Webb ha dovuto affrontare costi gonfiati e ritardi programmati. È sopravvissuto a diverse chiamate ravvicinate con cancellazioni.

Per rilevare il debole calore proveniente da lontane fonti cosmiche, Webb spargerà una crema solare a cinque strati delle dimensioni di un campo da tennis circa sei giorni dopo il lancio. Gli strumenti del telescopio verranno raffreddati per diversi mesi, ma un carico utile con i rilevatori deve essere raffreddato a meno 448 gradi Fahrenheit (meno 266 gradi Celsius).

Dopo una serie di passaggi di calibrazione, la NASA prevede di rilasciare le prime immagini da Webb circa sei mesi dopo il lancio.

Di seguito sono pubblicate altre immagini Webb all’interno della struttura di elaborazione del payload S5C.

Il telescopio spaziale James Webb ruota verticalmente il 15 ottobre all’interno dell’S5C Payload Processing Facility presso il Guyana Space Center. Credito: NASA/Kris Jenn
Il telescopio spaziale James Webb all’interno della struttura di elaborazione del carico utile S5C. Credito: NASA/Kris Jenn
Tre dei 18 segmenti esagonali dello specchio primario di JWST. Crediti: ESA / CNES / Arianespace / P. Peron
Crediti: ESA / CNES / Arianespace / P. Peron
Crediti: ESA / CNES / Arianespace / P. Peron
Crediti: ESA / CNES / Arianespace / P. Peron

Invia una mail all’autore.

Segui Stephen Clark su Twitter: Tweet incorporato.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x