Titano, la luna di Saturno, ha paesaggi simili a quelli della Terra: gli scienziati

I ricercatori della Stanford University hanno modellato la superficie di una delle lune di Saturno, rivelando paesaggi sorprendentemente simili a quelli della Terra.

I ricercatori hanno dettagliato le loro scoperte nella rivista Lettere di ricercatori geofisici anticipo questo mese. Su Titano, la luna più grande di Saturno, hanno detto, troverai molti fiumi, laghi, dune di sabbia e canyon che sembreranno proprio come i paesaggi della Terra.

Tuttavia, c’è una differenza fondamentale tra i paesaggi della Terra e dei Titani. Invece dell’acqua, il metano liquido riempie i fiumi e i laghi su Titano.

I fiumi di metano, così come i venti, sono la chiave per come un tale paesaggio simile alla Terra potrebbe essere apparso su Titano. L’erosione dei sedimenti rocciosi di Titano da questi fiumi e venti aiuta a formare granelli di sabbia e creare un ciclo sedimentario stagionale che guida questi paesaggi, affermano i ricercatori.

Matthew Laputre, autore dello studio e geologo della Stanford University, ha dichiarato: Comunicato stampa pubblicato lunedì.

Questo processo è anche simile a come vengono create le dune di sabbia e altri paesaggi sulla Terra. Rocce e minerali si erodono nel tempo dalle onde dell’oceano, dal flusso del fiume e dai venti, formando granelli di sabbia.

Quando il vento trasporta i chicchi, i chicchi si scontrano tra loro e con la superficie. Queste collisioni tendono a ridurre la granulometria nel tempo, ha detto Laputre.

Ma l’altra grande differenza tra la Terra e Titano è che si pensa che i depositi di Titano siano composti da composti organici solidi, ritenuti troppo fragili per formare grani. I ricercatori hanno affermato che un processo chiamato sinterizzazione, in cui i grani si fondono con i grani vicini per formare un pezzo più grande, potrebbe essere in grado di bilanciare la fragilità di questi composti e consentire ai granelli di sabbia di mantenere una dimensione costante.

READ  Terra 2.0 al di fuori del nostro sistema solare? La Cina ha intenzione di trovarlo

“Siamo stati in grado di risolvere il paradosso sul motivo per cui le dune di sabbia esistono da così tanto tempo su Titano anche se il materiale è molto debole”, ha detto Laputre.

Titano è stato a lungo un argomento di interesse per gli astronomi per la sua abitabilità. I ricercatori affermano che le loro scoperte potrebbero essere parte del puzzle quando si giudicano le prospettive di vita su Titano.

“Mostriamo che su Titano – proprio come sulla Terra e com’era su Marte – abbiamo un ciclo sedimentario attivo che può spiegare la distribuzione latitudinale del paesaggio attraverso l’erosione occasionale e la sinterizzazione delle stagioni di Titano”, ha detto Laputre. . “È fantastico pensare a come esiste finora questo mondo alternativo, dove le cose sono molto diverse, ma molto simili”.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x