― Advertisement ―

spot_img

L'ultimo accessorio dell'estate? I cuscinetti auricolari ispirati a Trump invadono la Convention Nazionale Repubblicana – Nazionale

Sembra che Donald Trump possa ora aggiungere il titolo di "fashion influencer" al suo curriculum.L'ex presidente, anche se non particolarmente conosciuto come un fan...
HomeWorldTomaj Salih: La Corte Suprema annulla la condanna a morte emessa contro...

Tomaj Salih: La Corte Suprema annulla la condanna a morte emessa contro il rapper

Commenta la foto, Gli esuli iraniani in tutto il mondo hanno chiesto il rilascio di Tomad Salehi dopo il suo arresto

  • autore, Youssef Taha
  • Ruolo, notizie della BBC

Un avvocato del rapper iraniano detenuto e condannato a morte per aver sostenuto le proteste antigovernative ha affermato che la sentenza è stata annullata dopo un appello alla Corte Suprema.

Tomag Salehi è stato arrestato nell'ottobre 2022 dopo aver rilasciato dichiarazioni pubbliche a sostegno delle proteste scoppiate in tutto l'Iran.

Il suo avvocato, Amir Raysian, ha detto che la Corte Suprema ha ora ordinato un nuovo processo e che i giudici hanno deciso che la precedente condanna a sei anni e tre mesi di carcere di Salehi violava le norme iraniane sui molteplici crimini ed eccedeva la sanzione legale.

Salehi (22 anni) è stato inizialmente condannato al carcere nel luglio 2023, dopo aver evitato la pena di morte secondo una sentenza della Corte Suprema.

Ma nel gennaio successivo, il Tribunale rivoluzionario di Isfahan lo ha accusato di nuovi crimini.

Ad aprile è stato condannato a morte con l'accusa di “diffondere la corruzione sulla terra”, punibile con la morte.

Il musicista è stato condannato anche per una serie di altri crimini, tra cui il contributo a fomentare la sedizione, l'incitamento a rivolte, la collusione e la propaganda contro lo Stato.

Attraverso le sue canzoni e i suoi testi, Salehi era noto per aver criticato coraggiosamente i leader iraniani per la loro corruzione e la repressione del dissenso.

Amini, 22 anni, stava visitando Teheran con la sua famiglia quando il Comitato per la promozione della virtù e la prevenzione del vizio l'ha arrestata per aver indossato un hijab “inappropriato”.

La repressione delle proteste ha portato alla morte di centinaia di persone e all’arresto di altre migliaia.

Prima dei disordini nazionali, Salehi era già un artista affermato e conosciuto come una figura schietta. Pubblicava le sue canzoni sui social perché era stato bandito dai concerti.