Tracce dell’eruzione vulcanica di Tonga trovate per raggiungere lo spazio

Dopo essere rimasto relativamente inattivo dal 2014, il vulcano Hongi Tonga-Hanga Hawapai ha eruttato il 15 gennaio 2022. La sua eruzione è iniziata alla fine di dicembre 2021 ed è poi esplosa violentemente a metà gennaio 2022. L’eruzione ha inviato onde d’urto atmosferiche, vortici sonori e onde di tsunami tutto il mondo.

Ore dopo l’eruzione, sono state trovate tracce del vulcano per raggiungere lo spazio. dati da NasaI satelliti Ion Communication Explorer, o ICON, e Swarm dell’Agenzia spaziale europea (ESA) indicano che l’esplosione ha generato venti alla velocità di un uragano e correnti elettriche insolite in ionosfera.

Brian Harding, fisico dell’Università della California, Berkeley, e autore principale di un nuovo articolo che discute i risultati, ha affermato: “Il vulcano Ha causato il più grande sconvolgimento nello spazio che abbiamo visto nei tempi moderni. Ci permette di testare l’incomprensibile relazione tra la bassa atmosfera e lo spazio. “

ha affermato Jim Spahn, capo della meteorologia spaziale della divisione eliofisica della NASA presso la sede centrale della NASA a Washington, DC, “Questi risultati sono uno sguardo entusiasmante su come gli eventi sulla Terra influiscono sia nello spazio che Il tempo spaziale colpisce la Terra. Comprendere in modo completo il clima spaziale alla fine ci aiuterà a mitigare i suoi effetti sulla società”.

L’eruzione vulcanica è durata 11 ore. L’eruzione ha spinto un gigantesco pennacchio di gas, vapore acqueo e polvere nel cielo: i grandi disturbi di pressione causati dall’eruzione causano venti forti e veloci che si estendono negli strati atmosferici più sottili. ICON ha rilevato velocità del vento fino a 450 miglia orarie mentre si avvicinava alla ionosfera e al confine dello spazio, rendendolo il vento più forte della missione a meno di 120 miglia di altezza dal lancio.

READ  Telescopio Webb alimentato per volare, pronto a sollevarsi sopra un lanciatore - Spaceflight Now

Il satellite GOES-17 ha catturato le immagini di una nuvola di paracadute dall’eruzione sottomarina del vulcano Hong Tonga-Hung Hapai il 15 gennaio 2022. Si possono anche vedere onde d’urto a forma di mezzaluna e diversi colpi di luce.
Crediti: immagine NASA Earth Observatory di Joshua Stevens utilizzando immagini GOES per gentile concessione di NOAA e NESDIS

I forti venti hanno influenzato anche le correnti elettriche nella ionosfera. La corrente elettrica equatoriale è una corrente elettrica che scorre verso est formata da particelle portate dal vento nella ionosfera nella bassa atmosfera. Dopo l’esplosione, il getto elettrico equatoriale è salito a cinque volte la sua forza normale e si è ribaltato drammaticamente, scorrendo verso ovest per un breve periodo.

Joanne Wu, fisica dell’Università della California, Berkeley, e coautrice del nuovo studio, Lei disseE “È molto sorprendente vedere il motore elettrico in gran parte invertito a causa di qualcosa che è successo La superficie terrestre. Questo è qualcosa che abbiamo visto in precedenza solo con forti tempeste geomagnetiche, che sono una forma di clima spaziale causato da particelle e radiazioni provenienti dal sole”.

Lo studio fornisce informazioni su come gli eventi dalla Terra e dallo spazio influenzano la ionosfera.

Riferimento del giornale:

  1. Brian J. Harding, Wen Jung, Guan Woo et al. Effetti dell’eruzione vulcanica di Tonga del gennaio 2022 sulla dinamo della ionosfera: osservazioni ICON-MIGHTY e Swarm di venti forti e correnti neutre. DOI: 10.1029/ 2022GL098577

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x