Traore, un giocatore di rugby italiano, chiama i suoi compagni di squadra per il suo regalo di Natale razzista

ROMA (Reuters) – Un giocatore di rugby italiano di colore ha accusato mercoledì i suoi compagni di squadra di razzismo dopo che gli hanno regalato una “banana marcia” durante uno scambio anonimo di regali per un Babbo Natale segreto.

Cherif Traore ha scritto su Instagram di aver ricevuto un regalo non gradito, dentro un sacco della spazzatura, durante la cena di Natale dei giocatori della Benetton Treviso.

“A parte un gesto offensivo, quello che mi ha ferito di più è stato vedere ridere la maggior parte dei miei colleghi presenti. Come se fosse tutto normale”, ha detto.

“Non ho dormito tutta la notte”, ha aggiunto il 28enne.

Traore è nato in Guinea ma vive in Italia dall’età di sette anni. Gioca come tifoso per il club Treviso Nord e per la nazionale italiana Rugby Union.

Ha detto che di solito non risponde alle “battute razziste”, per non “fare nemici” con le persone intorno a lui, ma ha detto che non poteva lasciarsi passare l’insulto finale.

“Ho deciso di non tacere questa volta per garantire che tali eventi non si ripetano”, ha detto, aggiungendo che un simile comportamento “sarebbe fortemente condannato fuori dall’Italia”.

In un comunicato, la Benetton ha dichiarato al rugby di aver “sempre condannato con la massima fermezza ogni espressione di razzismo e/o forma di discriminazione”.

Il club ha affermato che l’incidente che ha coinvolto Traore “non ha nulla a che fare con lo sport”, e il club difenderà sempre “il rispetto per le persone, la loro cultura, razza, fede e dignità”.

Ci sono stati molti casi di atleti neri in Italia che hanno subito abusi razzisti. Nel calcio, i giocatori di colore subiscono regolarmente abusi da parte dei tifosi durante le partite. A ottobre, la giocatrice di pallavolo nera Paola Egono ha annunciato che si sarebbe presa una pausa dalla nazionale italiana dopo i commenti che mettevano in dubbio la sua nazionalità.

READ  Harry Kane: la prestazione del giudice inglese ai Mondiali

(Segnalazione di Elvis Armellini; Montaggio di Christian Radnedge)

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x