Tre stranieri che hanno combattuto per l’Ucraina sono stati condannati a morte da ribelli filo-russi




Bernat Armango e Juras Karamanu, Associated Press

Pubblicato giovedì 9 giugno 2022 7:39 EST



Ultimo aggiornamento giovedì 9 giugno 2022 16:16 EST

Cittadini britannici e marocchini sono stati condannati a morte giovedì per aver combattuto dalla parte ucraina, nella punizione inflitta dai ribelli filo-Mosca.

L’Ucraina e l’Occidente hanno condannato le misure contro i tre combattenti catturati come una farsa e una violazione delle regole di guerra.

Nel frattempo, mentre le forze del Cremlino continuano una feroce guerra di logoramento nell’est, il presidente russo Vladimir Putin sembrava paragonare le sue azioni a quelle di Pietro il Grande nel 18° secolo e disse che il paese aveva bisogno di “ripristinare” le storiche terre russe.

Un tribunale della Repubblica popolare ucraina di Donetsk ha ritenuto i tre combattenti colpevoli di aver chiesto un violento rovesciamento del potere, un crimine punibile con la morte nella repubblica orientale non riconosciuta. Gli uomini sono stati anche condannati per attività mercenarie e terrorismo.

L’agenzia di stampa russa RIA Novosti ha riferito che gli imputati – Aiden Aslin, Sean Benner e Ibrahim Saadoun – sarebbero stati fucilati. Hanno un mese per fare ricorso.

La parte separatista ha sostenuto che i tre erano “mercenari” che non meritavano le solite protezioni concesse ai prigionieri di guerra. Sono i primi combattenti stranieri ad essere condannati dai ribelli sostenuti dalla Russia in Ucraina.

Il portavoce del ministero degli Esteri ucraino Oleh Nikolenko ha condannato le misure come legalmente non valide, dicendo: “Tali processi farsa pongono gli interessi della propaganda al di sopra della legge e della morale”. Ha affermato che tutti i cittadini stranieri che combattono come parte delle forze armate ucraine dovrebbero essere considerati personale militare ucraino e protetti come tali.

READ  Almeno 8 morti all'Astroworld Music Festival di Houston

Il ministro degli Esteri britannico Luis Truss ha dichiarato la sentenza “una sentenza fittizia senza alcuna legittimità”. Il portavoce del primo ministro Boris Johnson, Jimmy Davis, ha affermato che in base alle Convenzioni di Ginevra, i prigionieri di guerra avevano diritto all’immunità come combattenti.

Il padre di Saadoun, Taher Saadoun, ha detto al quotidiano online marocchino Madar 21 che suo figlio non è un mercenario e che possiede la cittadinanza ucraina.

Le famiglie di Aslin e Benner hanno detto che i due uomini erano membri di lunga data dell’esercito ucraino. Si dice che entrambi vivano in Ucraina dal 2018.

I tre uomini combatterono a fianco delle forze ucraine prima che Benner e Aslin si arrendessero alle forze filo-russe nel porto meridionale di Mariupol a metà aprile, e Saadun fu catturato a metà marzo nella città orientale di Volnovaka.

Andrew Hill, un altro combattente britannico catturato dalle forze filo-russe, è in attesa di processo.

L’esercito russo ha affermato che i mercenari stranieri che combattono dalla parte dell’Ucraina non sono combattenti e dovrebbero aspettarsi lunghe pene detentive, nella migliore delle ipotesi, se catturati.

In altri sviluppi, Putin ha tracciato parallelismi tra la fondazione di San Pietroburgo da parte di Pietro il Grande e le ambizioni della Russia moderna.

Quando lo zar stabilì la nuova capitale, “Nessun paese europeo l’ha riconosciuta come la Russia. Tutti l’hanno riconosciuta come la Svezia”, ​​ha detto Putin, aggiungendo: “Cosa stava facendo (Pietro)? Recupero e rinforzo. Questo è quello che ha fatto. E sembra che anche noi siamo caduti nella riconquista e nel consolidamento”.

Putin sembrava anche lasciare la porta aperta per un’ulteriore espansione regionale russa.

READ  La falsa ereditiera tedesca, tenuta in custodia dagli Stati Uniti, rischia la deportazione

“È impossibile – capisci? – È impossibile costruire una recinzione attorno a un paese come la Russia. Non abbiamo intenzione di costruire una recinzione del genere”, ha affermato il presidente russo.

Sul campo di battaglia:

Pesanti combattimenti sono continuati nella città di Severodonetsk in una battaglia che potrebbe aiutare a determinare il destino del Donbass, la roccaforte industriale dell’Ucraina a est. I separatisti sostenuti da Mosca avevano già il controllo di parti del Donbass prima dell’invasione e le forze russe ne guadagnarono di più.

– Le autorità ucraine hanno affermato che le forze russe stanno cercando di riprendere la loro offensiva per impadronirsi della regione di Zaporizhia nel sud-est dell’Ucraina. Kiev continua a controllare la parte settentrionale della regione, compresa la città di Zaporizhia.

– Un inviato separatista filo-russo ha dichiarato sui social media che 13 civili sono stati uccisi nei bombardamenti ucraini della città di Stakhanov, nel Donbass, controllata dai separatisti. Non è stato immediatamente possibile verificare l’affermazione.

– La Russia ha affermato di aver usato missili per colpire una base a ovest della capitale nella regione di Zhytomyr, dove ha affermato che i mercenari venivano addestrati. Non vi è stata alcuna risposta immediata da parte delle autorità ucraine.

Rapporti di Karmanau da Leopoli, Ucraina.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x