Trump inizia un round di vendetta contro un repubblicano dell’Ohio

Gli sforzi per estromettere i repubblicani che lo hanno sopravvissuto saranno uno dei più grandi test del potere post-presidenza di Trump, valutando se l’ex presidente ha ancora l’influenza sugli elettori repubblicani di base di cui ha goduto durante i suoi quattro anni alla Casa Bianca. Il viaggio di Trump nel nord-est dell’Ohio è espressamente inteso per ricordare agli elettori del distretto che votano per il presidente repubblicano all’inizio di quest’anno e per sostenere Max Miller, l’ex aiutante di Trump che sta sfidando il membro del Congresso alle elezioni primarie repubblicane del distretto il prossimo anno.

Ma il tempo ha aiutato Gonzalez, poiché anche i suoi più ardenti avversari hanno ammesso che la rabbia per il suo voto da allora si è dissipata, poiché gli elettori iniziano la loro vita quotidiana e, in parte, dimenticano le atrocità dell’inizio del 2021.

“Se fosse stata un’elezione (mesi fa), penso che Gonzalez avrebbe perso”, ha detto Jim Rinacci, il repubblicano repubblicano dell’Ohio di lunga data che sta ponendo una sfida iniziale contro il governatore in carica Mike DeWine. “Se le elezioni sono oggi, probabilmente è ancora in una zona di pericolo… Penso che sarebbe una gara molto dura per lui oggi, ma ha un anno per dimostrarsi e gli elettori se ne stanno dimenticando”.

L’obiettivo di Trump questo fine settimana è assicurarsi che ciò non accada.

“Il presidente Trump lancerà una campagna di aggressione contro tutti i membri di Rinos che non rappresentano la volontà dei loro elettori”, ha affermato Liz Harrington, portavoce dell’ex presidente, riferendosi ai “repubblicani solo di nome”.

Gonzalez rimane severo

Gonzalez ha mantenuto la sua posizione durante la disputa politica, sostenendo che la retorica di Trump prima della ribellione del 6 gennaio e il fatto che Trump abbia fatto poco per fermare queste azioni lo hanno portato a sostenere le sue accuse di impeachment. Ed è raddoppiato di numero: con disappunto dei repubblicani locali, anche Gonzalez ha votato per creare una commissione bipartisan sulla ribellione.

In una dichiarazione alla CNN, la campagna congressuale di Gonzales ha affermato che il deputato si stava “concentrando su questioni che contano per la gente del nord-est dell’Ohio” come “rafforzare la nostra economia, combattere contro il Partito Comunista Cinese e le sue pratiche commerciali sleali, servire i nostri veterani e fornendo il più alto livello di servizi componenti.” “.

“Max Miller non è adatto a rappresentare la nostra comunità al Congresso e la campagna, man mano che si svilupperà, influirà su questo”, ha affermato la campagna.

Il deputato, che si è fatto un nome prima alla Ohio State University e poi nella NFL con gli Indianapolis Colts, si ritrova sotto i riflettori su divisioni più ampie all’interno del Partito Repubblicano, contrapposto a un ex sostenitore di Trump. il cui sostegno all’ex presidente è calato nei confronti di chi resta fedele al leader repubblicano.

READ  L'Iran si rifiuta di fare marcia indietro sui passi nucleari prima che gli Stati Uniti revocino le sanzioni | Notizie sull'energia nucleare

Dave Handwerk, sindaco di Orville, Ohio, cittadina nell’area di Gonzales, si è schierato con il deputato di fronte a feroci critiche, sostenendo che la reazione ricevuta dal suo rappresentante è emblematica dello “stato triste” all’interno del Partito Repubblicano. Cerimonia.

“Se il Partito Repubblicano significa che dovresti essere un sostenitore di Trump, non so cosa significhi per me”, ha detto Handwerk, il sindaco di 68 anni che è stato repubblicano per tutta la vita. “Per me, significa solo che non so più dove sia diretto il Partito Repubblicano”.

Gonzalez ha anche risposto al contraccolpo sollevando domande sul suo partito e avvertendo i membri dell’eccessiva lealtà nei confronti di Trump.

“La realtà all’interno del nostro partito è che la gente la pensa diversamente sul presidente Trump. Se in futuro vinceremo le elezioni, riavere la Camera, il Senato e la Casa Bianca, ci deve essere spazio per entrambi”, ha detto. Intervista di maggio Con il Cleveland City Club. “E se licenziamo persone che la pensano diversamente… penso che sia una strategia perdente per il partito”.

In un altro segno che è dalla sua parte, Gonzalez ha recentemente creato un comitato congiunto di raccolta fondi con il rappresentante del Wyoming Liz Cheney, un altro obiettivo di Trump che ha perso il suo ruolo di leadership nella Camera dei Rappresentanti per essere stato schietto sull’elezione di Trump. Uno degli aiutanti di Gonzalez ha affermato che il comitato è stato creato perché “alcuni donatori volevano emettere assegni per entrambi” e il comitato lo facilita.

Ma gli avvertimenti di Gonzalez sono caduti in gran parte nel vuoto tra gli attivisti repubblicani nel suo distretto, molti dei quali sono intenti a cacciare Gonzalez. E la sua rottura con Trump gli è valsa una seria sfida iniziale da parte di Miller, che ha fatto apertamente una campagna a febbraio perché Gonzalez ha “tradito” i suoi elettori quando ha votato per l’impeachment.

Miller ha twittato all’epoca: “Non mi tirerò indietro. Non li tradirò mai”.

Trump ha rapidamente approvato il suo ex aiutante.

Miller, nonostante la sua associazione diretta con Trump, ha problemi Dovrà parlare durante la sua campagna. Alcuni repubblicani, tra cui un altro sfidante di Gonzales, hanno indicato che Miller ha dovuto affrontare diverse accuse penali contro di lui tra il 2007 e il 2010.
“Non abbiamo margini di errore. Quindi il background e la personalità delle persone sono importanti per gli elettori”, ha detto. Giona Schulz, anche lui repubblicano, sta sfidando Gonzalez alle primarie. Di Miller, ha aggiunto: “Vediamo questa classe di persone in America… di individui che giocano con un diverso insieme di regole e non sono responsabili come il resto di noi”.
Miller entra nel primario con difetto di denaro – Affrontare la cassa di guerra di Gonzalez è il doppio della sua dimensione I suoi $438,554 nella banca.

Potrebbe essere facile per Miller fare la baia. Trump ha segnalato la sua disponibilità ad aiutarlo a raccogliere fondi quando ha presieduto una raccolta fondi per Miller a marzo.

READ  Le vacanze di dicembre in tutto il mondo / in Giappone aspettano Omisoka

Le due diverse strategie sono chiare: mentre Miller si chinava verso Trump, Gonzalez ha ripetutamente dipinto un quadro preoccupante di un partito repubblicano totalmente fedele al suo ex leader.

“Come partito, dobbiamo essere onesti su ciò che ci piace. E siamo completamente fuori dal potere nel governo federale. Non abbiamo la Casa Bianca, non abbiamo la Casa, non abbiamo” t avere il Senato. A volte quando ti sentiamo parlare dello stato del nostro partito, parliamo di come abbiamo vinto in un certo senso Che elezioni. Li abbiamo persi tutti quando guardi al governo federale “, ha detto Gonzalez in un’intervista con City Club Cleveland. “La mia preoccupazione è che stiamo cercando di espellere ecclesiasticamente i nostri elettori. E quando sei completamente fuori dal potere, devi aggiungere elettori, non sottrarre elettori”.

La rabbia bolle ancora

La rabbia diretta contro Gonzalez, anche se scemata, continua a ribollire con gli attivisti che lo hanno aiutato a farsi eleggere.

“Il numero di persone che chiamano il partito e dicono che è orribile, orribile, orribile, ce ne siamo liberati, è decisamente diminuito”, ha dichiarato il presidente del partito repubblicano della contea di Wayne, Doug Deakin. “Ma non credo che nessuno abbia cambiato idea sul suo voto”.

Il problema per Gonzalez è che proprio quando i normali cittadini dell’Ohio iniziano a dimenticare l’ordine di voto, succede qualcosa che glielo ricorda. Di recente, questo promemoria è arrivato quando è arrivato il Comitato centrale repubblicano dell’Ohio Gonzalez ha sbattuto A maggio per un voto, ha invitato il membro del Congresso che ha sostenuto solo pochi mesi prima a dimettersi.

ha detto Shannon Burns, l’attivista repubblicano che gestisce lo Strongsville GOP, un’organizzazione di base. che una volta appoggiava Gonzalez. “Ma penso che sia dovere di tutti noi informare gli elettori repubblicani che hanno appena detto questa persona e chi è in realtà”.

“La presenza di Trump qui attirerebbe tutta l’attenzione necessaria su quelle persone che non sanno che Anthony Gonzalez ha votato per rimuovere la sua posizione”, ha aggiunto Burns, che ha spinto il Partito dell’Ohio non solo a censurare Gonzalez ma anche a chiedere le sue dimissioni . Lo sapremo dopo sabato”.

READ  Merkel dice a Rouhani: "segnali positivi" sono necessari per salvare il JCPOA | Notizie sull'energia nucleare

Un altro problema per Gonzales è quanto saranno politicamente attive le figure dell’Ohio nel 2022, con una corsa al Senato competitiva, primarie repubblicane potenzialmente controverse per il governatore e diverse gare della Camera strettamente seguite. Quasi tutti i repubblicani in quelle gare probabilmente useranno Gonzalez – e l’odio di Trump per lui – come un modo per ottenere il sostegno di Trump.

E non c’è gara più chiara delle primarie repubblicane per il seggio aperto al Senato dell’Ohio, dove i candidati sperano di legarsi a Trump il più strettamente possibile.

Josh Mandel, ex tesoriere dell’Ohio; Jane Timken, ex presidente del Partito Repubblicano dell’Ohio; Entrambi l’ex candidato al Senato Mike Gibbons hanno intenzione di partecipare al raduno di Trump. Gibbons ospiterà anche un portellone prima dell’evento, mentre Timken ha ospitato pubblicità radiofonica Prima dell’evento, ha detto: “Nessuno è più impegnato di me a portare avanti per primo la propria agenda americana”.

Anche il gruppo dei candidati repubblicani al Senato ha ripetutamente criticato Gonzalez. Mandel lo definì un “traditore” e mentre Timken inizialmente gli era meno ostile, in seguito disse che il processo sostenuto da Gonzalez era una “farsa”.

Ma probabilmente il problema più grande per Gonzalez potrebbe essere la riorganizzazione.

L’Ohio è destinato a perdere un seggio al Congresso a causa della crescita demografica relativamente lenta. Mentre le nuove linee guida statali renderanno il processo più partigiano, i repubblicani avranno più controllo perché hanno dominato la politica statale per anni e attualmente controllano tutti i livelli del governo statale.

E i repubblicani dell’Ohio nord-orientale credono che sia del tutto possibile la regione di Gonzales, che va dai sobborghi di Cleveland sulle rive del lago Erie, lungo la Cuyahoga Valley, a comunità suburbane come Strongsville e la città e ad aree più rurali a sud-ovest di Akron come Worcester. E Wayne County – può essere completamente eliminata.

“Dovranno spazzare via un distretto”, ha detto Rinacci, che in precedenza rappresentava il distretto di Gonzales.

Anche la sede dell’evento Trump suggerisce questa possibilità. L’ex presidente si riunirà a Wellington, Ohio, una cittadina della contea di Lorraine che attualmente si trova fuori dall’area di Gonzales. Ma alcuni repubblicani dell’Ohio ritengono che la nuova area potrebbe includere più aree rurali a sud-ovest di Cleveland.

“La grande domanda è come appare l’area perché l’unica cosa che sappiamo per certo è che non ci saranno sedici contee in Ohio”, ha detto Deakin. “Fino a quando non lo sappiamo, qui stiamo sputando al vento.”

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x