Trump perdona l’ex aiutante Bannon e dozzine di altri: La Casa Bianca | Donald Trump News

La Casa Bianca afferma che l’ex aiutante – che sta affrontando accuse di frode – è tra le oltre 140 persone a cui è stata concessa la grazia.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha perdonato il suo vergognoso ex aiutante Steve Bannon come parte di un’ondata di grazie e di sollievo durante le sue ultime ore in carica.

La dichiarazione, rilasciata mercoledì dalla Casa Bianca, includeva un elenco dei nomi di 73 indulgenze e di altri 70 le cui condanne erano state commutate.

Il rappresentante democratico Adam Schiff ha detto su Twitter che la mossa, che arriva poco prima che Joe Biden presti giuramento come prossimo presidente degli Stati Uniti, è “folle”.

“Steve Bannon ha ottenuto la grazia da Trump dopo aver frodato i sostenitori di Trump per pagare un muro che Trump aveva promesso che il Messico avrebbe pagato”, ha detto.

“E se tutto questo suona folle, allora è perché lo è.”

“Bannon era un leader importante nel movimento conservatore ed era noto per il suo acume politico”, ha detto la Casa Bianca in una dichiarazione mercoledì.

Trump non ha risparmiato se stesso, i suoi familiari o il suo avvocato, Rudy Giuliani, che è stato in prima linea nel tentativo fallito di ribaltare i risultati delle elezioni presidenziali del 2020.

Trump è stato messo sotto accusa dalla Camera dei rappresentanti a guida democratica la scorsa settimana per aver incitato i sostenitori del presidente a prendere d’assalto il Campidoglio il 6 gennaio.

Potrebbe affrontare un processo al Senato e gli sarà impedito di candidarsi di nuovo alla presidenza se condannato.

READ  Migliaia di persone protestano contro Netanyahu giorni prima delle elezioni israeliane Notizie di Benjamin Netanyahu

Il potere di perdono, che deriva dalla Costituzione degli Stati Uniti, è uno dei più ampi poteri a disposizione del presidente.

Mentre la grazia viene solitamente concessa alle persone che sono state processate, la grazia può includere comportamenti che non hanno ancora portato a procedimenti legali.

La grazia non può essere rivista da altri rami del governo, né il presidente è tenuto a fornire un motivo per emetterla. Ma il potere di perdonare non è assoluto. Si applica solo ai crimini federali.

Più di 140 persone

Nell’ambito di oltre 140 amnistie e soccorsi, Trump ha anche graziato Elliot Broidy, un ex raccoglitore di fondi di Trump che si è dichiarato colpevole lo scorso anno per aver violato le leggi sul lobbismo estero, e l’ex sindaco di Detroit Kwame Kilpatrick, che stava scontando una condanna a 28 anni per accuse di corruzione.

Anche i rapper Lil Wayne e Kodak Black che sono stati processati per crimini federali con armi da fuoco sono stati graziati.

La Costituzione degli Stati Uniti conferisce al presidente il potere di emettere “rinvii e indulgenze per crimini contro gli Stati Uniti”.

Bannon

Bannon, che è stato un consigliere chiave nella campagna presidenziale di Trump del 2016, è stato accusato lo scorso anno di frodare i sostenitori di Trump per un tentativo di raccogliere fondi privati ​​per costruire il muro del presidente al confine tra Stati Uniti e Messico. Si è dichiarato non colpevole.

I funzionari della Casa Bianca hanno consigliato a Trump di non perdonare Bannon. Un funzionario esperto della situazione ha detto che i due uomini hanno recentemente rianimato la loro relazione mentre Trump cercava sostegno per le sue accuse non provate di frode elettorale.

READ  Quel giorno gli inglesi bruciarono il Campidoglio e santificarono Washington

Daniel R. Alonso, ex procuratore generale dello studio legale Buckley, ha detto che Bannon potrebbe ancora essere incriminato in tribunale statale a New York, dove l’amnistia non lo aiuterebbe.

Alonso ha detto che i processi per frode sono spesso archiviati dall’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan.

Bannon, 67 anni, è l’ultimo alleato politico di alto profilo ad aver ricevuto la grazia da Trump, che ha spesso usato i poteri del potere esecutivo per premiare i lealisti e punire i suoi nemici.

Trump ha graziato l’ex consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn per aver mentito all’FBI sulla sua conversazione con l’ex ambasciatore russo e ha commutato la sua pena detentiva a Roger Stone, che è stato condannato per aver mentito al Congresso mentre indagava sull’interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali del 2016.

A dicembre, ha graziato quattro guardie di Blackwater condannate per il massacro del 2007 in Iraq.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x