Trump ribadisce il suo sostegno a Kevin McCarthy come prossimo presidente della Camera

I repubblicani della Camera hanno aperto il secondo giorno del nuovo Congresso come il primo, con il leader Kevin McCarthy che ha cercato di diventare presidente della Camera nonostante abbia perso più turni di voto martedì, gettando nello scompiglio la nuova maggioranza del GOP.

Il repubblicano del Wisconsin Mike Gallagher mercoledì ha nominato McCarthy, il suo collega californiano, in preparazione per un quarto turno di votazioni.

stallo Il giorno prima è stata la prima volta in 100 anni che un candidato a Presidente della Camera non ha potuto prendere il martelletto al primo voto.

Mercoledì scorso, l’ex presidente Donald Trump ha esortato i repubblicani a votare per McCarthy, scrivendo sul suo sito di social network, Truth Social: “Chiudi l’accordo, prendi la vittoria”. Ha aggiunto: “Repubblicani, non trasformare una grande vittoria in una sconfitta titanica e schiacciante”.

Attenzione: l’ultimo riferimento di Trump potrebbe impedire a McCarthy di ottenere maggiore sostegno:

Il giornalista afferma che la crescita del Freedom Caucus rappresenta un pericolo per Kevin McCarthy

Il giornalista del Washington Post Aaron Blake afferma che unirsi all’ultraconservatore Freedom Caucus per opporsi all’offerta di Kevin McCarthy per il presidente della Camera potrebbe diventare un’opzione più appetibile per i repubblicani della Camera perché non esiste un’alternativa chiara.

Trump, che una volta si riferiva a McCarthy come “Il mio Kevin”, continua a dominare un gran numero di membri del partito nonostante lo spettro di sfide legali faccia così come la sua faccia Record misto di approvazione nelle ultime elezioni di metà mandatoche ha visto i repubblicani riprendere il controllo della Camera dei rappresentanti ma non è riuscito a strappare la maggioranza al Senato ai democratici.

READ  Il primo ministro della British Columbia ha chiesto la rimozione di un giudice in pensione dalla Commissione sino-canadese a seguito dei commenti uiguri

Il presidente in carica ha affermato che l’incapacità dei repubblicani alla Camera di unirsi dietro un candidato presidenziale, che ha impedito alla Camera di iniziare il suo lavoro legislativo, è “imbarazzante” e “non è una buona idea” per il Paese.

Parlando alla Casa Bianca mercoledì prima di un viaggio in Kentucky per un evento per evidenziare la legge bipartisan sulle infrastrutture dello scorso anno, Joe Biden ha detto dei repubblicani: “Spero che agiscano insieme”.

L’opposizione è finora radicata

Il turbolento inizio del nuovo Congresso ha segnalato le difficoltà che devono affrontare i repubblicani che ora controllano la Camera dei Rappresentanti, con le tensioni che ribollono. Senza un oratore, la Camera non può prendere forma completamente, il che include giurare sui suoi membri, nominare i presidenti delle sue commissioni, impegnarsi in procedimenti in aula e scatenare la supervisione dell’amministrazione Biden.

Un uomo in giacca e cravatta alza il pollice mentre è seduto in una camera legislativa.
Kevin McCarthy, che è in lizza per la presidenza della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, ha risposto martedì durante una lunga sessione della Camera a Washington, che ha visto tre turni di votazioni precarie. (L’Associated Press)

Martedì sera, quando gli è stato chiesto da un giornalista se si sarebbe ritirato, McCarthy ha risposto: “Non lo farà”.

Di solito ci vuole la maggioranza della Camera dei Rappresentanti per diventare speaker, 218 voti, anche se la soglia può essere abbassata se i membri sono assenti o solo presenti al voto, una strategia che McCarthy sembrava prendere in considerazione. Non è chiaro per quanto tempo i membri democratici parteciperanno in gran numero.

Se McCarthy riuscisse a vincere con 213 voti e poi a convincere i restanti resistenze a votare semplicemente presenti, sarebbe in grado di abbassare il minimo richiesto dalle regole per una maggioranza. Ma ha ottenuto non più di 203 voti in tre turni di votazioni martedì, perdendo ben 20 repubblicani dalla sua magra maggioranza di 222 seggi.

Il presidente della Camera non era stato eletto più volte dal 1923, e la più lunga e difficile lotta per il martelletto iniziò alla fine del 1855 e durò due mesi, con 133 voti espressi, durante i dibattiti sulla schiavitù in vista del Guerra civile. .

“Kevin McCarthy non sarà presidente”, ha detto il repubblicano della Virginia Bob Goode.

I candidati alternativi non sono chiari

In tutto, martedì alla fine 20 repubblicani hanno votato per qualcuno diverso da McCarthy. Il repubblicano Jim Jordan dell’Ohio è stato spinto avanti due volte dai conservatori, ma finora non ha espresso alcun interesse per il ruolo mentre sostiene McCarthy.

I pensionati hanno imposto un terzo e ultimo turno di votazioni prima che i leader repubblicani si aggiornassero rapidamente per martedì sera.

Mostra un uomo e una donna che camminano lungo il corridoio.
I repubblicani Matt Gaetz e Lauren Boebert, che sono stati visti martedì, si oppongono alla richiesta di McCarthy di prendere il martelletto. (Jonathan Ernst/Reuters)

Il rappresentante Scott Perry della Pennsylvania, presidente del Freedom Caucus del partito e leader degli sforzi di Trump per sfidare le elezioni presidenziali del 2020, aveva precedentemente affermato che spettava a McCarthy soddisfare le loro richieste e cambiare la dinamica.

Tutti i 212 democratici hanno nominato con entusiasmo Hakeem Jeffries, che subentra come leader del partito a Nancy Pelosi, come loro scelta per l’oratore – un tipico gesto simbolico della minoranza.

“Stiamo cercando un partner che sia disposto a risolvere i problemi per il popolo americano, non a salvare i repubblicani dalla disfunzione”, ha detto Jeffries alla fine della caotica sessione di martedì.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x