Trump si oppone a controllare l’elenco delle proprietà confiscate dalla proprietà della Florida – deposito del tribunale

28 settembre (Reuters) – Gli avvocati dell’ex presidente Donald Trump stanno resistendo all’ordine di un giudice federale di prestare giuramento sulla questione se ritengono che un elenco di proprietà governative sottratte alla tenuta di Trump in Florida sia accurato.

Secondo una lettera depositata pubblicamente dagli avvocati di Trump mercoledì, il team legale dell’ex presidente ha detto al giudice senior degli Stati Uniti Raymond Deere, che sta esaminando il materiale prelevato durante il raid federale sulla proprietà della Florida, che non credono che Deere abbia l’autorità per richiedergli di fare un tale deposito.

L’ex presidente ha ripetutamente affermato senza prove che l’FBI ha piantato prove.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

La lettera dell’avvocato di Trump, datata 25 settembre, afferma che l’ordine di un altro giudice federale che nomina Derry per condurre la revisione esterna dei materiali richiede solo che il governo faccia una dichiarazione sull’accuratezza dell’inventario, non Trump.

Gli avvocati di Trump hanno anche affermato di non poter verificare l’accuratezza dell’elenco delle proprietà perché attualmente non possono accedere alle informazioni ottenute nel raid, che è stato classificato come classificato.

Deere aveva ordinato all’ex presidente di presentare la domanda entro il 7 ottobre. Derry deve ancora affrontare l’obiezione.

L’ordine di Derry chiedeva a Trump di elencare tutti gli articoli sequestrati, ma non elencati nell’inventario, tutti gli articoli non sequestrati ed elencati erroneamente, nonché eventuali errori di inventario relativi all’ubicazione degli articoli sequestrati.

Gli avvocati di Trump hanno anche affermato in una lettera depositata in tribunale mercoledì che quasi 11.000 documenti sequestrati dagli agenti federali consistevano in circa 200.000 pagine. Hanno affermato che il volume ostacola la loro capacità di assumere un fornitore esterno che può caricare e ospitare i documenti in modo che le parti coinvolte nel caso possano vederli.

READ  Bannon, ex consigliere di Trump, sta esaminando il caso per il processo e non ha chiamato testimoni

Derry è stato nominato dal giudice distrettuale degli Stati Uniti Elaine Cannon su richiesta di Trump e, nonostante le obiezioni del Dipartimento di Giustizia, per esaminare più di 11.000 documenti sequestrati a Mar-a-Lago l’8 agosto. Essere soggetti a pretese di privilegio avvocato-cliente o privilegio esecutivo, un principio legale che può proteggere alcune comunicazioni della Casa Bianca dalla divulgazione.

Inizialmente, Cannon Deere ha ordinato l’inclusione di circa 100 documenti classificati come classificati nella sua revisione, ma la Corte d’Appello degli Stati Uniti per l’Undicesimo Circuito ha ribaltato quella decisione dopo che il Dipartimento di Giustizia ha presentato ricorso.

La corte d’appello ha anche stabilito che il Dipartimento di Giustizia potrebbe appellarsi immediatamente contro l’uso di quei documenti riservati nelle sue indagini penali in corso, dopo che Cannon gli ha impedito di farlo.

Trump ha resistito agli sforzi per tagliare il materiale classificato dalla revisione. Trump ha dichiarato in una recente intervista a Fox News di aver declassificato tutto, ma i suoi avvocati non hanno presentato tale affermazione nei fascicoli ufficiali del tribunale.

Trump può ancora appellare la decisione dell’Undicesimo Circuito alla Corte Suprema degli Stati Uniti, ma non l’ha ancora fatto.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Lo riferisce Jacqueline Thompson. Montaggio di Richard Boleyn

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x