Türkiye riceve un’antica lapide riportata dall’Italia

Türkiye riceve un’antica lapide riportata dall’Italia

Gaziantep, Turchia

Un antico santuario della città turca di Zeugma è stato portato a casa dall’Italia ed è ora sede della provincia turca di Gaziantep, ha detto giovedì un ministro.

“Questo manufatto di Zeugma è stato confiscato dalle autorità veneziane in Italia, che hanno poi chiesto informazioni al nostro ministero”, ha detto il ministro della Cultura e del Turismo Mehmet Nuri Ersoy durante la cerimonia di consegna al Museo del mosaico di Zeugma.

Il capo del gruppo di scavi di Zeugma, il professor Kotalmis Gorky, ha esaminato la stele in dettaglio, dopo di che ha concluso che lo stile e l’iconografia del pezzo storico provenivano da Zeugma e che è stato rimosso illegalmente dalla Turchia.

Una stele è una lastra di pietra eretta utilizzata nel mondo antico per diversi scopi, tra cui lapidi e sepolture, dediche, commemorazioni e demarcazioni. La lapide rimpatriata raffigura una donna scolpita nella pietra.

Sottolineando che alcune opere d’arte uniche sono state prodotte a Zeugma nel corso della sua storia antica che risale al 300 a.C., Ersoy ha detto: “Si è capito che la lapide … è stata eretta in questa città nel II secolo d.C. da qualcuno di Zeugma che amato Sua moglie scriveva spesso parole di addio su di loro.

Sulla stele si legge la scritta “Saturnella, moglie che amava il marito”. addio.'”

Ha aggiunto: “Questo lavoro porta una storia umana che contiene sentimenti forti come separazione, tristezza e sincerità, da quasi 2.200 anni fa fino ad oggi”.

Il Museo del Mosaico Zeugma è stato inaugurato nel 2011 ed è uno dei più grandi musei del mosaico del mondo. Contiene manufatti antichi unici come mosaici, fontane di epoca romana, una statua in bronzo di Marte – il dio della guerra nella mitologia romana – e la famosa zingara.

READ  Nigeriani ed ex commissario non sono d'accordo sulle accuse di razzismo in Italia | The Guardian Nigeria Notizie

– 12.016 manufatti sono stati restituiti da diversi paesi negli ultimi 20 anni

Ersoy ha affermato che le autorità turche e italiane hanno coordinato la raccolta e l’analisi di dati e prove completi sull’origine del manufatto.

“Tutte le nostre valutazioni sono state raccolte in un rapporto dettagliato, comprese le informazioni sulla legislazione pertinente nel nostro paese. Tale rapporto è stato poi inviato alle autorità italiane tramite il Ministero degli Affari Esteri turco, chiedendo la restituzione dell’obelisco.

Dopo un procedimento giudiziario in Italia, ha detto, è stato emesso un ordine di estradizione e l’ambasciata turca a Roma ha ricevuto il manufatto.

Ersoy ha osservato che Türkiye e l’Italia sono state vittime del contrabbando di beni culturali. Ha ringraziato le autorità italiane per la loro “sensibilità in questo processo” e ha invitato tutti i paesi e gli attori internazionali a collaborare e mostrare la stessa sensibilità per i beni culturali.

Ha fatto riferimento agli sforzi di Türkiye per proteggere i beni culturali.

“È salito a 12 il numero dei Paesi con i quali abbiamo siglato accordi sulla provenienza e la consegna dei manufatti e sulla prevenzione della circolazione illegale dei manufatti.

Una delle questioni più importanti sono questi protocolli internazionali. “Permette al processo di muoversi molto rapidamente”, ha aggiunto.

“Nell’ambito di questa cooperazione con gli Stati Uniti, ci aspettiamo nuovi reinsediamenti in futuro”, ha affermato Ersoy.

“Negli ultimi 20 anni, abbiamo restituito 12.016 manufatti provenienti da diversi paesi”, ha aggiunto.

Il sito web dell’Agenzia Anadolu contiene solo una parte delle notizie presentate agli abbonati dell’AA News Broadcasting System (HAS) e in forma sintetica. Vi preghiamo di contattarci per le opzioni di abbonamento.

READ  Gladiatore rumeno: Raiders Baldonado ha lasciato l'Italia per intraprendere la carriera nel calcio

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x