Un giudice italiano esclude il processo a un capitano di una nave migrante tedesca

Carola Raccetti, 31 anni, capitano Sea-Watch 3, sbarca da una barca della Guardia di Finanza, a Porto Empedocle, Italia, 1 luglio 2019. REUTERS / Guglielmo Mangiapane

Un giudice della città siciliana di Agrigento ha stabilito mercoledì di non perseguire il capitano tedesco di una nave di salvataggio privata che ha sfidato un blocco navale italiano per portare migranti africani al porto nel giugno 2019.

Carola Racchetti, 33 anni, è stata arrestata in quel momento dopo aver disobbedito agli ordini italiani ed è entrata nel porto della piccola isola di Lampedusa per consentire lo sbarco a circa 41 migranti, scontrandosi con una motovedetta.

Rakit è stata rapidamente rilasciata ma le indagini sulle sue azioni sono continuate, culminate nella sentenza di venerdì, che ha sostenuto la valutazione del procuratore generale dello stato secondo cui la sua decisione di sfidare gli ordini era volta a salvare le vite dei migranti bloccati in mare da più di due settimane.

“Salvare vite in pericolo è il compito più importante”, ha detto a Reuters l’avvocato di Racquet Salvatore Tesoriero.

Il Rackete, gestito dall’ente benefico tedesco Sea-Watch, ha sfidato le misure drastiche dell’allora ministro dell’Interno Matteo Salvini – leader della Lega anti-immigrazione – per frenare gli accessi illegali chiudendo i porti italiani alle imbarcazioni di soccorso private.

Salvini e Racquet si sono scontrati ripetutamente dopo che la loro nave, Sea-Watch 3, ha violato un blocco navale. Il capitano ha intentato una causa per diffamazione contro il leader della lega dopo averla descritta come “pirata” e “fuorilegge” sui suoi account sui social media.

La causa è ancora in corso.

READ  Il ministro Gerlich Radmann riceve la visita ufficiale del ministro degli Esteri sammarinese Picari

Durante il suo periodo di 14 mesi come ministro dell’Interno, Salvini ha fermato diverse barche dall’attracco in Italia e ha accusato gli enti di beneficenza che gestiva di incoraggiare il traffico di esseri umani.

Il prossimo settembre sarà processato per sequestro di persona per la sua decisione di impedire lo sbarco in Italia di oltre 100 immigrati. Potrebbe rischiare fino a 15 anni di carcere se ritenuto colpevole. Leggi di più

Salvini ha rifiutato di commentare la decisione di mercoledì, ma la sua alleata politica Giorgia Meloni, a capo del partito di estrema destra Fratellanza d’Italia, ha denunciato la sentenza.

“Che rispetto può avere l’Italia nel mondo se si permette allo Stato di essere umiliato in questo modo”, ha scritto su Twitter.

I nostri criteri: Thomson Reuters Trust Principles.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x