― Advertisement ―

spot_img
HomeWorld"Un massacro orribile": l'attacco israeliano al campo di Rafah è ampiamente condannato...

“Un massacro orribile”: l'attacco israeliano al campo di Rafah è ampiamente condannato Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Il Qatar descrive l’attacco che ha ucciso almeno 40 palestinesi come una “grave violazione delle leggi internazionali” e il relatore speciale delle Nazioni Unite sollecita sanzioni contro Israele.

Molti paesi e organizzazioni internazionali hanno condannato l’attacco aereo israeliano contro le tende che ospitavano gli sfollati nella città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, che ha portato all’uccisione di almeno 40 palestinesi, tra cui molti bambini.

Lunedì la presidenza palestinese ha accusato Israele di prendere deliberatamente di mira i civili, unendosi a una serie di condanne globali in seguito all’attacco.

(Al Jazeera)

La presidenza palestinese ha affermato in una dichiarazione che “il fatto che le forze di occupazione israeliane abbiano commesso questo atroce massacro costituisce una sfida a tutte le risoluzioni di legittimità internazionale”, accusando le forze di occupazione di “prendere deliberatamente di mira le tende degli sfollati”.

In una dichiarazione su Channel

Sami Abu Zuhri, un alto funzionario di Hamas, ha descritto l’attacco come un “massacro”, ritenendo gli Stati Uniti responsabili di aver aiutato Israele con armi e denaro.

Il procuratore militare israeliano ha descritto l'attacco come “estremamente grave” e ha detto che sarà condotta un'indagine. Il Maggiore Generale Yifat Tomer Yerushalmi ha dichiarato in una conferenza stampa: “I dettagli dell’incidente sono ancora oggetto di indagine e siamo impegnati a condurre l’indagine nella massima misura possibile”, aggiungendo che l’esercito israeliano “si rammarica di qualsiasi danno causato ai non combattenti durante l’operazione”. attacco.” guerra”.

Testimoni palestinesi e l'agenzia d'inchiesta Sanad affiliata ad Al Jazeera hanno affermato che il campo che ospita civili nella zona di Tal al-Sultan a Rafah è stato deliberatamente preso di mira.

L’agenzia di stampa Wafa, citando la Mezzaluna Rossa Palestinese, ha affermato che tra le vittime figurano donne e bambini, e molti di loro sono stati “bruciati vivi” all’interno delle loro tende.

Uno dei residenti arrivati ​​all'ospedale kuwaitiano di Rafah ha detto che “le tende si stavano sciogliendo e anche i corpi delle persone si stavano sciogliendo” dopo l'attacco.

Rafah Israele
I palestinesi hanno spento un incendio sul luogo dell'attacco israeliano a Rafah [Mohammed Salem/Reuters]

Ecco alcune reazioni di governi e altri funzionari di tutto il mondo:

“bombardamento deliberato”

  • Lo Stato del Qatar ha condannato l'attacco a Rafah, definendolo una grave violazione delle leggi internazionali che aggraverebbe la crisi umanitaria nella Striscia di Gaza assediata. In una dichiarazione del Ministero degli Affari Esteri ha affermato che l'attacco potrebbe ostacolare gli sforzi di mediazione per raggiungere un cessate il fuoco e un accordo sullo scambio di ostaggi. Il Qatar, insieme agli Stati Uniti e all’Egitto, è impegnato da mesi in colloqui volti a garantire un cessate il fuoco tra Israele e Hamas.
  • L'Egitto ha condannato il “bombardamento deliberato”. In una dichiarazione, il Ministero degli Affari Esteri ha invitato Israele a “attuare le misure ordinate dalla Corte internazionale di giustizia riguardo all’immediata cessazione delle operazioni militari” a Rafah.
  • Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha affermato che il suo Paese farà “tutto ciò che è in suo potere” per ritenere il “barbaro” primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu responsabile degli attacchi mortali. Ha aggiunto: “Faremo tutto ciò che è in nostro potere per ritenere responsabili questi barbari e assassini che non hanno alcun legame con l'umanità”.
  • Il ministro degli Esteri spagnolo Jose Manuel Albarez ha affermato che il bombardamento di Rafah è stato “un altro giorno in cui sono stati uccisi civili palestinesi innocenti”. Ha detto che la gravità dell’attacco è “maggiore” perché arriva dopo l’ordine della Corte Internazionale di Giustizia che ordina a Israele di fermare le sue operazioni a Rafah e nel resto di Gaza.
  • Il ministro degli Esteri irlandese Michael Martin ha definito l'attacco “barbaro”. “Non è possibile bombardare un’area come questa senza conseguenze orribili per i bambini e i civili innocenti. Chiediamo a Israele di fermare, e di fermare subito, l’operazione militare a Rafah”.
  • Il ministro degli Esteri norvegese Espen Barth Eide ha affermato che gli attacchi costituiscono una “violazione materiale della decisione della più alta corte del mondo”. Ha aggiunto: “Abbiamo ottenuto un ordine obbligatorio dalla Corte internazionale di giustizia che ordina a Israele di fermare il suo attacco a Rafah. Questo è obbligatorio. È vincolante”.
  • Il capo della politica estera dell'Unione europea, Josep Borrell, ha affermato che Israele deve rispettare la sentenza della Corte internazionale di giustizia per fermare l'attacco a Rafah, durante un incontro dei ministri degli Esteri dell'Unione europea con le loro controparti arabe a Bruxelles, poche ore dopo il mortale attacco israeliano a Rafah. .
  • Lunedì, prima di un incontro dei ministri dell’Unione Europea, il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock ha dichiarato: “Il diritto internazionale umanitario si applica a tutti, così come alla condotta di Israele in guerra”.

  • Jeremy Corbyn, ex leader del Partito laburista britannico, ha descritto il bombardamento israeliano del campo di Rafah come un “terribile fallimento dell’umanità”. Ha detto in un post sul sito X: “I bambini palestinesi dovrebbero svegliarsi entusiasti di andare a scuola e giocare con i loro amici. Invece, per coloro che furono uccisi a Rafah, i loro ultimi momenti su questa terra furono pieni di paura inimmaginabile, mentre le bombe piovevano sulle loro tende.
READ  Lula pone il veto a un disegno di legge che limita le rivendicazioni fondiarie degli indigeni

“Smembrare bambini e bruciarli vivi.”

  • Hamza Yousef, ex primo ministro scozzese, ha postato su X: “Giorni dopo che la Corte internazionale di giustizia aveva ordinato a Israele di fermare la sua offensiva militare a Rafah, il governo israeliano ha bombardato gli sfollati che vivevano nelle tende. Uomini, donne e bambini innocenti furono smembrati e bruciati vivi. Guarda le immagini e chiediti: sei dalla parte giusta della storia?
  • In una delle critiche più forti rivolte fino ad oggi dall'Italia, il ministro della Difesa Guido Crosetto ha affermato che gli attacchi israeliani non sono più giustificati. Ha detto: “C'è una situazione sempre più difficile, in cui viene esercitata pressione sul popolo palestinese senza riguardo ai diritti di uomini, donne e bambini innocenti che non hanno alcun legame con Hamas, e questo non può più essere giustificato”. “Stiamo monitorando disperatamente la situazione”.
  • “Il mondo sta deludendo il popolo di Gaza”, ha detto su X Jagmeet Singh, parlamentare canadese e leader del Nuovo Partito Democratico. Il Canada ha deluso il popolo di Gaza”.
  • Il rappresentante americano Ro Khanna, democratico, ha esortato il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu a “fermare immediatamente” l'attacco a Rafah. Ha detto: “L'orribile perdita di vite innocenti dovuta oggi al bombardamento del campo profughi conferma la necessità morale di fermare la campagna di Rafah”.
  • Aida Touma-Sliman, cittadina palestinese di Israele e membro della Knesset israeliana, ha denunciato il governo di Netanyahu per la sua “follia e desiderio di vendetta”. “Questo governo sanguinario si rifiuta di obbedire a tutti gli ordini del tribunale e porta la follia e il desiderio di vendetta a un nuovo livello criminale”, ha scritto Touma Suleiman sul sito web di X.
READ  Ex ufficiale condannato a 3 anni per violazione dei diritti di George Floyd

Tracker interattivo di Gaza - 26 maggio - 1000 GMT

  • Francesca Albanese, relatrice speciale delle Nazioni Unite sui diritti umani nei territori palestinesi, ha descritto l’attacco israeliano alla tendopoli di Rafah come “inaccettabile”. “Il genocidio a Gaza non finirà facilmente senza pressioni esterne: Israele deve affrontare sanzioni, giustizia e sospensione di accordi, commercio, partnership e investimenti, nonché la partecipazione ai forum internazionali”, ha scritto in un post su X.

“Atrocità brutali”

  • Balakrishnan Rajagopal, il relatore speciale delle Nazioni Unite sul diritto alla casa, ha chiesto un’azione contro Israele in seguito al suo recente attacco. Ha scritto su X: “Attaccare donne e bambini mentre sono nei loro rifugi a Rafah è un atto barbarico di brutalità. Abbiamo bisogno di un’azione globale concertata per fermare le azioni di Israele adesso”.
  • Chris Gunness, ex portavoce dell'UNRWA, ha affermato che i tre giudici della Camera preliminare della Corte penale internazionale erano “inorriditi quanto il resto del mondo” per l'attacco israeliano a Rafah. “Non vi è alcuna eccezione alla Convenzione sul genocidio. Non ci sono scuse. Questo è un crimine”, ha affermato.
  • In una dichiarazione su X, l’organizzazione benefica Medici Senza Frontiere (nota con le iniziali francesi MSF) si è detta “inorridita” dall’attacco, che “dimostra ancora una volta che nessun luogo è sicuro”. Ha aggiunto: “Continuiamo a chiedere un cessate il fuoco immediato e sostenibile a Gaza”.
  • L'organizzazione umanitaria ActionAid ha espresso “rabbia e tristezza” per l'attacco “inumano e barbaro” al campo di Rafah. “Le immagini dei corpi in fiamme provenienti dai nostri partner sono una cicatrice sul volto dell'umanità e della comunità internazionale, che finora non è riuscita a proteggere la popolazione di Gaza”, dice, aggiungendo che uno dei suoi colleghi è miracolosamente sopravvissuto, essendosi allontanato il rifugio appena un giorno prima dell'attacco.
  • Triestino Marinello, avvocato del Centro Palestinese per i Diritti Umani, ha affermato che l'attacco alla zona sicura dimostra che Israele sta ancora ignorando la Corte Internazionale di Giustizia. “Queste immagini orribili che arrivano da Rafah mostrano che le autorità israeliane stanno completamente ignorando le misure provvisorie vincolanti emesse dalla Corte internazionale di giustizia”.
  • Nel suo articolo per “
  • Anche Dalal Moawad, un pluripremiato giornalista libanese, ha condiviso la notizia Non mi sono mai ripreso da questa vista. Ieri sera è stato commesso nuovamente lo stesso delitto. L’impunità significa che la storia si ripeterà sempre”.
READ  L'esercito del Myanmar vieta i canali satellitari, accusa il giornalista giapponese | Notizie dai media