Un nuovo studio afferma che le dimensioni del cervello umano sono diminuite 3000 anni fa

La dimensione del cervello umano è quasi quadruplicata nei 6 milioni di anni da allora abbassare Era l’ultimo antenato comune degli scimpanzé, ma si pensa che il cervello umano si sia ridotto di dimensioni dalla fine dell’ultima era glaciale. La tempistica e la causa di questo declino sono ambigue. Utilizzando l’analisi del punto di cambiamento, un team di ricercatori del Dartmouth College e altrove ha stimato i tempi dei cambiamenti nella velocità con cui si sviluppa il cervello dell’ominide. Gli autori hanno scoperto che i cervelli degli ominidi hanno sperimentato cambiamenti di tasso positivi a 2,1 e 1,5 milioni di anni fa, in coincidenza con la prima evoluzione di abbassare e innovazioni tecnologiche evidenti nella documentazione archeologica; Ma hanno anche scoperto che la riduzione delle dimensioni del cervello umano era sorprendentemente recente, verificandosi negli ultimi 3000 anni.

de Silva e altri. Suggeriscono che i modelli di sviluppo del cervello umano siano stati influenzati dall’intelligenza collettiva, una caratteristica convergente di una varietà di animali viventi. Credito immagine: Gerd Altman.

“Il fatto sorprendente sugli esseri umani oggi è che i nostri cervelli sono più piccoli rispetto ai cervelli dei nostri antenati del Pleistocene”, ha detto il dottor Jeremy DeSilva, ricercatore presso il Dipartimento di Antropologia del Dartmouth College.

“Il motivo per cui il nostro cervello si è ridotto è stato un grande mistero per gli antropologi”.

Per risolvere questo enigma, il dottor DeSilva e i suoi colleghi hanno iniziato a studiare i modelli storici dello sviluppo del cervello umano, confrontando i loro risultati con ciò che è noto nelle società delle formiche per fornire ampie intuizioni.

Ha detto il dottor James Traniello, ricercatore presso il Dipartimento di Biologia della Boston University.

READ  Le zanzare infettate dal virus del Nilo occidentale sono state trovate in diverse comunità del Manitoba portando a un avvertimento

In questo studio, i ricercatori hanno applicato l’analisi del punto di cambiamento a un set di dati di 985 teschi umani fossili moderni.

Il set di dati rappresenta l’evoluzione del cervello negli ultimi 10 milioni di anni di evoluzione umana e degli ominidi rodapitecoe Sahelanthropuse Ardipitecoe Australopiteco (Compreso paraantropo), la prima era glaciale abbassarel’era glaciale di mezzo abbassareTarda era glaciale abbassare, e l’Olocene uomo sano di mente.

Hanno scoperto che il cervello umano è aumentato di dimensioni 2,1 e 1,5 milioni di anni fa durante l’era glaciale, ma è diminuito di dimensioni circa 3000 anni fa, il che è più recente rispetto alle stime precedenti.

“La maggior parte delle persone è consapevole che il cervello umano è straordinariamente grande, molto più grande di quanto ci si aspetterebbe dalle dimensioni dei nostri corpi”, ha affermato il dott. Traniello.

“Nella nostra profonda storia evolutiva, le dimensioni del cervello umano sono aumentate in modo esponenziale”.

“Il declino delle dimensioni del cervello umano 3000 anni fa è stato inaspettato”.

La tempistica dell’aumento delle dimensioni coincide con quanto precedentemente noto circa il primo sviluppo di abbassare e gli sviluppi tecnologici che hanno portato, ad esempio, a una dieta e un’alimentazione migliori ea gruppi sociali più ampi.

Per ridurre il volume del cervello, il team propone una nuova ipotesi, per trovare indizi all’interno delle comunità di formiche.

“Suggeriamo che le formiche forniscano vari modelli per capire perché il cervello aumenta o diminuisce a causa della vita sociale”, ha affermato il dott. Traniello.

“È difficile studiare perché i cervelli vengono aumentati o diminuiti usando solo fossili”.

READ  SpaceX lancia i satelliti Starlink e il carico passeggeri

Gli scienziati hanno studiato modelli e modelli computazionali delle dimensioni, della struttura e dell’energia del cervello delle formiche operaie in alcune formiche, come ad esempio: Oikuvella formica e tessitrice atta La formica tagliafoglie, o la formica comune del giardino formica.

I loro risultati mostrano che la cognizione a livello di gruppo e la divisione del lavoro possono selezionare per la variazione adattativa del volume del cervello.

Ciò significa che all’interno di un gruppo sociale in cui la conoscenza è condivisa o gli individui sono specializzati in determinati compiti, i cervelli possono adattarsi per diventare più efficienti, come la riduzione delle dimensioni.

“Le società umane e formiche sono molto diverse e hanno preso percorsi diversi nell’evoluzione sociale”, ha affermato il dott. Traniello.

“Tuttavia, le formiche condividono con gli esseri umani anche importanti aspetti della vita sociale come il processo decisionale collettivo e la divisione del lavoro, così come la produzione del proprio cibo (agricoltura).”

“Queste somiglianze possono informarci ampiamente di fattori che possono influenzare i cambiamenti nel volume del cervello umano”.

I cervelli consumano molta energia e i cervelli più piccoli usano meno energia. L’esternalizzazione della conoscenza nelle società umane, e quindi la necessità di meno energia per immagazzinare molte informazioni come individui, potrebbe aver favorito una minore dimensione del cervello.

Il dottor Traniello ha dichiarato: “Suggeriamo che questo declino sia dovuto a una maggiore dipendenza dall’intelligenza collettiva e all’idea che un gruppo di persone sia più intelligente della persona più intelligente del gruppo, spesso chiamata ‘la saggezza delle masse'”.

“Non vediamo l’ora di testare la nostra ipotesi non appena saranno disponibili ulteriori dati”, ha aggiunto il dott. DeSilva.

Il studio È stato pubblicato sulla rivista Frontiere dell’ecologia e dell’evoluzione.

_____

Jeremy MD Silva e altri. Quando e perché le dimensioni del cervello umano sono diminuite? Nuova analisi del punto di cambiamento e approfondimenti dall’evoluzione del cervello nelle formiche. Prima. Eco. Evoluzione, pubblicato online il 22 ottobre 2021; doi: 10.3389/fevo.2021.742639

READ  Funzionari sanitari affermano che i "superbatteri" si stanno diffondendo in due città

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x